• Accueil
  • > Archives pour le Lundi 6 mai 2019

Quarta domenica di Pasqua, anno C

Posté par diaconos le 6 mai 2019

LITURGIA DELLA PAROLA  

   In questa « DOMENICA DELLE VOCAZIONI », ci viene chiesto di chiedere al Maestro della Vendemmia di trovare operai per la sua vigna, di trovare pastori per il suo popolo. Affinché il JTF si rafforzi nella CHIESA, è necessario avere educatori JTF. Su ordine di Gesù, dobbiamo chiedere al Maestro della Vendemmia di scegliere gli operai che continueranno a costruire il Regno. Signore, dacci buoni sacerdoti e diaconi per aiutare il tuo popolo a progredire nelle vie della santità.

I nostri Pastori sono stati scelti e consacrati per prendersi cura del Popolo di Dio. Continuano con noi, la Missione di Gesù. Siamo docili ai loro insegnamenti e lavoriamo con loro per mantenere l’UNITA’ richiesta da Gesù. Con fervore, chiediamo al Signore di moltiplicare le chiamate dando forza e coraggio a coloro che sono stati scelti.

Copyright 2012 dell’autore e Südwestdeutscher Verlag für Hochschulschriften. Tutti i diritti sono stati trasferiti – Saarbrücken 2012

Fonte →  Rencontre avec la Parole de Vie, Parole de Dieu 

Disse Gesù: ”...io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la mia vita per le pecore. Ed ho altre pecore che non sono di questo ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore...”

Disse Gesù : ”Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre ; e offro la mia vita per le pecore. Ed ho altre pecore che non sono di questo ovile; anche queste io devo  condurre ; ascolteranno la mia voce e   diventeranno un solo gregge e un solo pastore…”

Prima Lettura 

In quei giorni, Paolo e Bàrnaba, proseguendo da Perge, arrivarono ad Antiòchia in Pisìdia, e, entrati nella sinagoga nel giorno di sabato, sedettero.
Molti Giudei e prosèliti credenti in Dio seguirono Paolo e Bàrnaba ed essi, intrattenendosi con loro, cercavano di persuaderli a perseverare nella grazia di Dio.

Il sabato seguente quasi tutta la città si radunò per ascoltare la parola del Signore. Quando videro quella moltitudine, i Giudei furono ricolmi di gelosia e con parole ingiuriose contrastavano le affermazioni di Paolo. Allora Paolo e Bàrnaba con franchezza dichiararono: «Era necessario che fosse proclamata prima di tutto a voi la parola di Dio, ma poiché la respingete e non vi giudicate degni della vita eterna, ecco: noi ci rivolgiamo ai pagani. Così infatti ci ha ordinato il Signore: “Io ti ho posto per essere luce delle genti, perché tu porti la salvezza sino all’estremità della terra”».

Nell’udire ciò, i pagani si rallegravano e glorificavano la parola del Signore, e tutti quelli che erano destinati alla vita eterna credettero. La parola del Signore si diffondeva per tutta la regione. Ma i Giudei sobillarono le pie donne della nobiltà e i notabili della città e suscitarono una persecuzione contro Paolo e Bàrnaba e li cacciarono dal loro territorio. Allora essi, scossa contro di loro la polvere dei piedi, andarono a Icònio. I discepoli erano pieni di gioia e di Spirito Santo. (At 13, 14. 43-52)
 

Dal Salmo 99 : Noi siamo suo popolo, gregge che egli guida.

Acclamate il Signore, voi tutti della terra,
servite il Signore nella gioia,
presentatevi a lui con esultanza.

Riconoscete che solo il Signore è Dio:
egli ci ha fatti e noi siamo suoi,
suo popolo e gregge del suo pascolo.

Perché buono è il Signore,
il suo amore è per sempre,
la sua fedeltà di generazione in generazione.

Seconda Lettura  Ap 7, 9. 14-17

L’Agnello sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io, Giovanni, vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani.

E uno degli anziani disse : «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione e che hanno lavato le loro vesti, rendendole candide col sangue dell’Agnello. Per questo stanno davanti al trono di Dio e gli prestano servizio giorno e notte nel suo tempio ; e Colui che siede sul trono stenderà la sua tenda sopra di loro.

Non avranno più fame né avranno più sete, non li colpirà il sole né arsura alcuna, perché l’Agnello, che sta in mezzo al trono, sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi».

Vangelo   : alle mie pecore io do la vita eterna.

Dal vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».       ( Gv 10, 27-30)

Omelia

 Oggi, in questa « Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni », i cristiani di tutto il mondo sono invitati a riflettere sul significato delle vocazioni sacerdotali, religiose e missionarie e a pregare perché siano incoraggiati, sostenuti e accolti in tutti gli ambienti!
« Gesù aveva detto ai Giudei: « Io sono il buon pastore (il vero pastore)….. Le mie pecore ascoltano la mia voce; io le conosco e loro mi seguono ».
Non dobbiamo minimizzare questa espressione che Gesù usa per farci capire qual è il suo programma come Pastore di anime: condurci al Regno.
In tutto l’antico Oriente, i re si definivano i pastori della loro nazione. Davide, uno dei primi leader politici di Israele, fu un pastore di Betlemme (1 Samuele 17:34.35).
Il re ideale del futuro, il messia, il nuovo David, è stato annunciato come « pastore ».
« Solleverò un pastore che li nutrirà….. » (Ez 34:23).
Il modello di ogni pastore e maestro è Gesù, il buon pastore, la luce della nostra vita. Lui, mite e umile di cuore, conosce le sue pecore e le sue pecore lo conoscono. Dà loro la Vita. Dà loro la sua vita. Ed è soprattutto lì che traiamo una grazia quotidiana per il progresso della nostra vita.
« Le mie pecorelle ascoltano la mia voce, le conosco e mi seguono » I tre verbi pronunciati qui, da Gesù, sono verbi d’azione:
Ascolto: questo è uno degli atteggiamenti essenziali per la relazione tra due esseri. Saper ascoltare…..un segno d’amore autentico! Quante volte, in una riunione o in gruppo non sappiamo davvero ascoltare!  Ascolta, questo è l’inizio della fede. Ascoltare la voce di Gesù significa accogliere la sua Parola con fede e fiducia. È la Parola di Dio che raccoglie tutti i fedeli nel Nome del Padre e del Figlio sotto il movimento dello Spirito Santo. Stiamo ascoltando la voce del Buon Pastore? Lo seguiamo dove ci chiama?
2° Seguire: esprime un atteggiamento libero; seguire qualcuno è attaccarsi ad esso. Seguimi, disse Gesù (Gv 1,43)
3° Conoscere: è l’amore che fa davvero conoscere qualcuno, fino alla trasparenza. È questa intimità, comprensione reciproca, stima profonda, comunione di menti e corpi che segna l’amore coniugale. (Gn 4:1)
. Che speranza per i nostri viaggi sapere che c’è il Signore stesso, che ci guida, illumina e ci insegna ogni giorno, ci difende e ci guarisce. Egli, Cristo, è il Pastore delle nostre anime, e ci dona per essere nutriti e innaffiati con il pane e il vino consacrati della sua Eucaristia. Grazie Signore per tutto quello che fai per noi
In questa « DOMENICA DELLE VOCATIONS », ci viene chiesto di chiedere al Maestro del raccolto di trovare operai per la sua vigna, pastori per il suo popolo….. Perché la FEDE cresca nella CHIESA, abbiamo bisogno di maestri della FEDE e sull’ordine di Gesù, dobbiamo chiedere al Maestro del raccolto di scegliere operai che continueranno a costruire il Regno che non è di questo mondo. Signore, dacci HOLY per aiutare il tuo popolo ad avanzare nelle vie di HOLY…..
I Pastori della CHIESA sono stati scelti e consacrati per prendere in carico il popolo di Dio. Continuano con noi, la Missione di Gesù….. Siamo docili ai loro insegnamenti e lavoriamo con loro per mantenere l’UNITA’ richiesta da Gesù. Con fervore, chiediamo al Signore di moltiplicare le chiamate dando forza e coraggio a coloro che sono stati scelti…..

Michel Houyoux, Deacon

Collegamenti esterni

◊ Qumran.net → Testi – IV Domenica di Pasqua (Anno C)

◊ Guppo3 millennio → V Domenica di Pasqua

◊  IV Domenica di Pasqua (anno C)→ Io sono il Buon Pastore. IV Domenica di Pasqua

Quarta Domenica Di Pasqua Anno C ( IItaliano )

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Enseignement, La messe du dimanche, Religion, Rencontrer Dieu, tempo pasquale | Pas de Commentaire »

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS