• Accueil
  • > Archives pour le Lundi 13 mai 2019

Quinta domenica di Pasqua, anno C

Posté par diaconos le 13 mai 2019

LITURGIA DELLA PAROLA

Amatevi gli uni gli altri

Amatevi gli uni gli altri

Prima Lettura   Riferirono alla comunità tutto quello che Dio aveva fatto per mezzo loro.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Paolo e Bàrnaba ritornarono a Listra, Icònio e Antiòchia, confermando i discepoli ed esortandoli a restare saldi nella fede «perché – dicevano – dobbiamo entrare nel regno di Dio attraverso molte tribolazioni».
Designarono quindi per loro in ogni Chiesa alcuni anziani e, dopo avere pregato e digiunato, li affidarono al Signore, nel quale avevano creduto.

Attraversata poi la Pisìdia, raggiunsero la Panfìlia e, dopo avere proclamato la Parola a Perge, scesero ad Attàlia; di qui fecero vela per Antiòchia, là dove erano stati affidati alla grazia di Dio per l’opera che avevano compiuto.

Appena arrivati, riunirono la Chiesa e riferirono tutto quello che Dio aveva fatto per mezzo loro e come avesse aperto ai pagani la porta della fede. (At 14, 21b-27)

Salmo Responsoriale   Dal Salmo 144 : Benedirò il tuo nome per sempre, Signore.

Misericordioso e pietoso è il Signore, lento all’ira e grande nell’amore. Buono è il Signore verso tutti, la sua  tenerezza si espande su tutte le creature.

Ti lodino, Signore, tutte le tue opere e ti benedicano i tuoi fedeli. Dicano la gloria del tuo regno e parlino della tua potenza.

Per far conoscere agli uomini le tue imprese e la splendida gloria del tuo regno. Il tuo regno è un regno eterno, il  tuo dominio si estende per tutte le generazioni.

Dal libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo

Io, Giovanni, vidi un cielo nuovo e una terra nuova: il cielo e la terra di prima infatti erano scomparsi e il mare non c’era più. E vidi anche la città santa, la Gerusalemme nuova, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.

Udii allora una voce potente, che veniva dal trono e diceva : «Ecco la tenda di Dio con gli uomini ! Egli abiterà con loro ed essi saranno suoi popoli ed egli sarà il Dio con loro, il loro Dio. E asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non vi sarà più la morte né lutto né lamento né affanno, perché le cose di prima sono passate». E Colui che sedeva sul trono disse: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose». (Ap 21, 1-5)

Canto al Vangelo
    Gv 13,34
Alleluia, alleluia.

Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore : come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Alleluia.

Dal vangelo secondo Giovanni

Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse : «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri.

Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri». (Gv 13, 31-33a. 34-35)

Omelia Vi do un nuovo comandamento : amarvi l’un l’altro.

In questo brano del Vangelo di Giovanni, le ultime parole di Gesù ai suoi discepoli durante l’Ultima Cena sono state chiamate proprio il suo testamento spirituale. Gesù non dà ai suoi discepoli un insieme finale di precetti dettagliati o raccomandazioni su ciò che dovrebbero o non dovrebbero fare.

Così quando ci dice: « Vi do un comandamento nuovo: è amarvi gli uni gli altri » (Gv 13,34a), ha un significato dottrinale: è molto più una missione che un comando. L’amore reciproco è la missione che abbiamo ricevuto da Gesù.  Ed è così che la gente saprà che siamo suoi discepoli; è così che saremo suoi testimoni. « Se ci amiamo l’un l’altro, allora Dio abita in noi » (1 Gv 4,2).

Anche Gesù disse : « Se mi amate, osserverete il mio comandamento e mio padre vi amerà; noi verremo a fare la nostra casa con voi. « (Gv 14,23) Sì, cari amici, cari amici, il vero amore è una presenza reale di Dio ! Alimentare, vestire, visitare, visitare, curare coloro che stanno attraversando momenti difficili (malattia, perdita del lavoro, precarietà, abbandono….) è incontrare Gesù che è presente in quelle persone che hanno bisogno di me e che io servo. (Mt 25, 31.46)

E Gesù insisteva : « Come io ho amato voi, così anche voi vi amate gli uni gli altri » (Gv 13,34b). Amore come Gesù ! È stare ai piedi dei fratelli e delle sorelle per lavarsi i piedi, un gesto del servizio più umile. Gesù ha fatto questo gesto ai suoi discepoli la sera del Giovedì Santo, quando ci ha detto le cose essenziali.

Se vuoi veramente diventare suo discepolo, devi fare come ha fatto lui, il Maestro: lavare i piedi dei tuoi fratelli. Ciò significa che l’amore fraterno si traduce concretamente in servizio. E due serie di Parole di Gesù, le Beatitudini e il Giudizio Universale, si concentrano sulle « i »: servire Dio, servire Cristo è servire i poveri.

Il segno a cui sono riconosciuti i discepoli di Gesù non è solo la Messa. « Ciò che mostrerà a tutti che siete miei discepoli, ci dice Gesù, con autorità, è l’amore che avrete gli uni per gli altri ». Dare a chi ha sete, mangiare a chi ha fame, dare un indumento a chi non può comprarlo perché troppo povero, fare una visita amichevole a un malato….., è amare in verità, incontrare Dio stesso !

Le richieste di tale amore possono sembrare sproporzionate e lasciarci nella disperazione: non ci riusciremo mai ! « Come vi ho amato, amatevi gli uni gli altri » – dice Gesù a ciascuno di voi: Perché vi amo, e vi do l’amore infinito del Padre mio, lasciatevi amare come un bambino che si lascia prendere in braccio a sua madre e a suo padre. Vieni da me.

Vieni da me. Se verrai a me, potrò riversare in te la potenza dell’Amore stesso, che è Dio. In questo modo troverai la forza di andare oltre le tue capacità e potrai, giorno dopo giorno, imparare ad amare gli altri, proprio come io ti amo. Sì, Signore, voglio venire da te, perché tu hai le parole della vita eterna.
Amen.
Michel Houyoux, diacono permanente

Collegamenti esterni

◊  La Confessione è un breve film dedicato all’Anno della Misericordia →   The confession – La confessione  Quinta domenica di Pasqua, anno C dans articles en Italien hd_24guarda su Youtube

◊ Mandatum Novum →   Quinta domenica di Pasqua (Anno C)

Quinta Domenica di Pasqua anno C

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, La messe du dimanche, Liturgie, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS