Mercoledì della quinta settimana del Tempo Ordinario dell’Anno B

Posté par diaconos le 10 février 2021

Ciò che esce dall’uomo è ciò che rende l’uomo impuro

Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo

# La nostra vita non consiste nel fare ciò che ci piace in ogni momento. La nostra esistenza non consiste nel passare da un capriccio futile all’altro. La nostra vita ha uno scopo. Attraverso il battesimo, abbiamo scelto di diventare figli adottivi di Dio e di proclamare al mondo che Gesù Cristo è il Figlio del Dio vivente, l’unico Salvatore dell’umanità, e che l’uomo otterrà la vita eterna attraverso Lui solo. Certo, questo è un compito difficile in un mondo che sta affogando nel materialismo e sta perdendo il senso dei valori. Tuttavia, è in questo mondo che il Signore vuole che siamo testimoni. Non siamo battezzati per fuggire dal mondo, ma per riportarlo a Cristo.

Questo implica prendere la croce di Cristo, come Simone il Cireneo. La nostra vita sarà bella se sarà trascorsa al fianco di Cristo. Allora sarà impregnato del suo amore. Il mondo ci presenta tutti i tipi di modi di vivere una cosiddetta libertà. Il Principe del Mondo, il Principe della Menzogna, vuole guidare la nostra libertà offrendo la prospettiva di un maggiore benessere. Eppure sappiamo che questa non è la via della vera felicità. Manteniamo idee chiare e una ferma volontà di non soccombere a tali tentazioni.
lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Marco

In quel momento Gesù chiamò di nuovo le folle e disse loro: « Ascoltatemi tutti e comprendete. Niente che sia esterno all’uomo e che entri in lui può renderlo impuro. Ma ciò che esce da un uomo lo rende impuro. « Quando lasciò la folla per tornare a casa, i suoi discepoli gli chiesero di questa parabola.
Poi disse loro : « Siete anche voi senza intelligenza ? Non capite che ciò che entra in un uomo dall’esterno non può renderlo impuro, perché non entra nel suo cuore, ma entra nel suo ventre per essere eliminato ? « Questo è il modo in cui Gesù ha dichiarato puro tutto il cibo. Disse loro ancora : « Ciò che esce da un uomo, lo rende impuro. Perché da dentro, dal cuore dell’uomo, escono pensieri perversi: cattiva condotta, rapina, omicidio, adulterio, avidità, malvagità, frode, dissolutezza, invidia, calunnia, orgoglio ed eccesso. Tutto questo male viene da dentro e rende l’uomo impuro.  » (Mc 7,14-23).

Attività di Gesù nella regione di Genezareth

 Secondo questo, Gesù si trovava allora nella regione di Gennesaret, dove insegnava e guariva. Questa parola per parabola è il linguaggio figurativo che Gesù usava nei suoi insegnamenti. La richiesta di spiegazione qui attribuita ai discepoli fu rivolta a Gesù da Pietro : Pietro rispose e gli disse : « Spiegaci questa parabola ».  » (Matteo 15:15).

Marco ha interpretato la sua predicazione omettendo spesso il nome di Pietro perché lui stesso taceva modestamente. Gesù, dichiarando in modo così assoluto che nulla contaminava l’uomo esteriormente, intendeva dire che non c’era alcuna contaminazione legale e quindi abolire in una parola tutte le distinzioni fatte dalla legge tra il cibo che essa dichiarava puro e quello impuro? Questa conseguenza era evidente dal principio che poneva qui, ma non era il suo obiettivo immediato.

L’errore dei farisei fu di non capire che tutte le prescrizioni della legge riguardanti la profanazione o purezza legale non avevano altro scopo che rivelare all’uomo la profanazione o purezza morale. Hanno preso i mezzi per il fine e, aggrappandosi alla lettera della legge, l’hanno materializzata e sono caduti in un povero formalismo.

Gesù ha voluto ristabilire la distinzione tra la profanazione legale e la profanazione morale. Il cibo in questione si limita a sostenere la vita animale, e tutto ciò che non serve per la nutrizione è stato rifiutato ; e questo atto ha purificato il cibo stesso. Portando il suo pensiero a questi dettagli materiali, Gesù cercava di far sentire ai suoi ascoltatori quanto le interpretazioni farisaiche della legge la avvilissero e degradassero.

Marco ha usato molto spesso questa espressione, dicendo, introducendo così non un nuovo discorso, ma un nuovo pensiero nel discorso. Qui questo nuovo pensiero era l’idea vera e morale della profanazione della legge in contrapposizione alle concezioni errate dei giudei secondo la legge fraintesa. Tutti i vizi e i peccati che Gesù ha elencato contaminano l’uomo, perché sono in lui, nel suo cuore.

Marco ha presentato molto meglio questa enumerazione dei peccati dell’uomo :

Che i pensieri malvagi sono l’elemento generatore (Romani 1:21) di cui tutti gli altri peccati sono solo il compimento.
Che i primi due termini (adulterio, fornicazione) indicano i peccati che hanno la loro fonte nella sensualità.
Che l’omicidio, il furto e l’avidità vengano dall’ambizione depravata, a meno che non si voglia attribuire il primo di questi peccati all’odio.
Che i vizi che seguono siano passioni malvagie, indipendenti dagli atti con cui si manifestano. La malvagità è l’effetto di quella malizia che si diletta a fare il male, la frode esprime qui meno atti di ingiustizia che la doppiezza, la falsità di carattere, tutto ciò che è contrario alla rettitudine.

Dissoluzione qui non significa fornicazione, perché questa idea è già stata espressa pienamente in due termini ; piuttosto, come negli autori classici, questa parola indica l’insolenza con cui l’uomo corrotto si abbandona alla sua depravazione ; l’occhio invidioso è l’invidia malvagia che si porta verso un uomo e a cui la credenza popolare, in più di un paese, attribuisce un influsso malefico ; La calunnia, la bestemmia greca, potrebbe essere una parola empia pronunciata contro Dio, ma, poiché tutto in questa enumerazione si limita ai rapporti degli uomini tra di loro, è meglio intenderla come una parola offensiva, oltraggiosa, rivolta al prossimo; l’orgoglio è letteralmente, secondo il greco, la disposizione dello spirito superbo che vuole apparire al di sopra degli altri; la follia, infine, non significa qui alienazione mentale, ma, come spesso accade in ebraico, empietà, che è una follia suprema.

Ci sono pochi passi nella Scrittura che ci rivelano in modo più completo la corruzione naturale del cuore dell’uomo di questo discorso di Gesù Cristo. Non dobbiamo quindi concludere che tutto il male morale nel mondo proceda dall’uomo. C’era un regno delle tenebre che esercitava la sua influenza su di lui, così come un potere della grazia divina che era in grado di rigenerarlo ; e poi da quello stesso cuore da cui uscivano pensieri cattivi e peccati uscivano anche buoni sentimenti e buone azioni.

Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti web cristiani

◊ SPIRITO E VITA : clicca qui per leggere l’articolo → Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro

◊  Communita Alba (Italia) : clicca qui per leggere l’articolo →  Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro

  Ciò che esce dall’uomo lo rende impuro – p.G. Paparone

Image de prévisualisation YouTube

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS