• Accueil
  • > Archives pour le Lundi 5 avril 2021

Seconda domenica di Pasqua – Anno B

Posté par diaconos le 5 avril 2021

Otto giorni dopo, Gesù viene

Otto giorni dopo venne Gesù

# La Domenica della Divina Misericordia (o DDM) è la domenica dell’ottava di Pasqua nel calendario liturgico della Chiesa Cattolica. Questo è stato deciso da Papa Giovanni Paolo II (30 aprile 2000), ricordando il giorno della canonizzazione di Faustina Kowalska (Santa Faustina). È stato celebrato per la prima volta il 22 aprile 2001. Questa domenica corrisponde alla festa del quasimodo, che conclude l’ottava di Pasqua, la domenica in albis, o domenica di San Tommaso.

Questo giorno è dedicato alla Divina Misericordia. In questo giorno, chi confessa i suoi peccati e riceve la comunione è perdonato di tutti i suoi peccati e dolori. Il 17 agosto 2002, nel Santuario della Divina Misericordia di Cracovia-Łagiewniki, che visitò regolarmente durante la sua giovinezza e dove sono conservate le reliquie di Faustina Kowalska, Giovanni Paolo II inaugurò il terzo millennio affidando il mondo alla misericordia del Padre. Giovanni Paolo II è morto durante i Vespri della Divina Misericordia, e in onore della sua devozione alla misericordia, la sua beatificazione ha avuto luogo il 1° maggio 2011, e la sua canonizzazione il 27 aprile 2014, due domeniche della Divina Misericordia.

lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni

Fu dopo la morte di Gesù. Ed era sera, il primo giorno della settimana, quando le porte del luogo dove si trovavano i discepoli… erano chiuse a chiave per paura degli ebrei, Gesù venne e si fermò in mezzo a loro.
Egli disse loro : « La pace sia con voi !  » Dopo questa parola, mostrò loro le sue mani e il suo fianco. I discepoli erano pieni di gioia quando videro il Signore. Gesù disse loro di nuovo : « La pace sia con voi !
Come il Padre mi ha mandato Vi mando anche.  » Quando ebbe detto questo, soffiò su di loro e disse loro : « Ricevi lo Spirito Santo. I cui peccati tu perdonerai, saranno  perdonati ; A chi manterrà i suoi peccati, saranno mantenuti. « 

Ora uno dei Dodici, Thomas, chiamato Didimo (cioè Gemello), non era con loro quando venne Gesù. Gli altri discepoli gli dicevano : « Abbiamo visto il Signore !  » Ma egli dichiarò loro : « Se non vedo il segno dei chiodi nelle sue mani se non metto il dito nel segno delle unghie, se non metto la mia mano nel suo fianco, no, non crederò !  »
Otto giorni dopo, i discepoli erano di nuovo nella casa, e Tommaso era con loro.
Gesù è venuto, quando le porte erano chiuse, e lui era lì in mezzo a loro. Egli dice : « La pace sia con voi !  » Poi disse a Tommaso : « Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani.
Metti la tua mano in avanti e nel mio fianco : smettete di essere increduli, essere un credente. »
Allora Tommaso gli disse : « Mio Signore e mio Dio ! «  Gesù gli disse : « Perché mi avete visto, voi credete. Beati coloro che credono senza aver visto. « 

Ci sono molti altri segni che Gesù fece in presenza dei discepoli che non sono scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti in modo che tu possa credere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e che credendo possiate avere la vita nel suo nome. (Gv 20, 19-31)

La pace sia con voi !

« I discepoli avevano chiuso le porte del luogo dove si trovavano, perché avevano paura. Gesù venne e si fermò in mezzo a loro.  » (Gv 20,19b) È quando i discepoli meno se lo aspettano che Gesù viene da loro. Non li rimprovera di averlo abbandonato, di non credere in lui. No ! Quando dice loro : « La pace sia con voi » (Gv 20,19d), è per dar loro coraggio, per ravvivare la loro fede e la loro speranza. Oggi, Signore, anche noi siamo tentati di chiudere devotamente le nostre porte.

Quando lo Spirito di Dio soffia, che le mura delle nostre prigioni crollino… . Chiediamoci da quale situazione senza uscita, da quale situazione paurosa, da quale situazione mortale, Cristo vuole liberarci, risuscitarci: un tale peccato, una tale prova di salute, una tale costrizione dolorosa e disperante, una tale difficoltà familiare o professionale…

Attraverso questo incontro, Gesù viene a ristabilire i legami di fiducia e di amicizia. Così, saranno più forti per la missione che egli affiderà loro. Non devono più avere paura perché Gesù sarà sempre con loro fino alla fine del mondo. Sono inviati a testimoniare la Buona Novella del Regno al mondo intero. Il messaggio che dovranno trasmettere è proprio la pace e la riconciliazione. Questo dono è offerto a tutti coloro che lo accetteranno.

È per questo che gli apostoli ricevono il potere e la missione di perdonare i peccati (Gv 20,21). Comprendiamo che il sacramento del perdono è un incontro con il Signore che non ha mai smesso di amarci. È tornando a lui e accogliendo il suo perdono che troviamo la vera pace, il senso stesso delle parole di Cristo « La pace sia con voi ».

Così la resurrezione nel giorno di Pasqua fu per gli apostoli e per tutti noi il punto di partenza di una grande speranza. Quando morì, i suoi amici pensarono che tutto fosse finito e che non ci fosse più speranza. Ma il giorno di Pasqua tutto cambia: Gesù risorto diventa una fonte di luce, pace e gioia.

Questo vangelo ci pone delle domande sulla nostra fede. Come possiamo accogliere questa Buona Notizia? Non abbiamo visto Gesù risorto, non abbiamo prove. Tutto quello che abbiamo sono testimonianze. Ed è su queste testimonianze degli apostoli che abbiamo basato la nostra fede.

A questo proposito, è interessante tornare al caso dell’apostolo Tommaso… (Gv 20,21-26). Molti credenti si riconoscono nelle esitazioni e nei dubbi di quest’uomo. Ha detto : « Sono come Tommaso, credo solo a quello che vedo. « . Thomas è una di quelle persone che hanno sperimentato il dubbio. Ma se guardiamo da vicino, scopriamo che fu il primo a credere veramente in Gesù risorto perché fu il primo a dire : « Mio Signore e mio Dio » (Gv 20, 25). Gli altri avevano visto il Signore.

Ma va molto oltre quando proclama la sua fede. Non è più solo l’amico di prima ; è « Mio Signore e mio Dio ». Lo stesso Signore si unisce a noi nei nostri dubbi, nelle nostre domande, nelle nostre proteste, anche nella nostra rabbia.  Come Tommaso, siamo chiamati ad un umile e sincero atto di fede È come una luce che ci inonda e ci dà pace nel profondo del nostro essere.  Allora, come lui, anche noi possiamo dire :  « Mio Signore e mio Dio! « . È così che ogni incontro con il Signore è un’esperienza potente.

Il vangelo ci dice che ha luogo il primo giorno della settimana, cioè la domenica. È in questo giorno che Gesù si unisce alle comunità riunite. Thomas non era presente a questo primo incontro. Dovrà aspettare otto giorni dopo, cioè di nuovo domenica. È in questo giorno che noi cristiani ci riuniamo in chiesa per accogliere Gesù risorto, per ascoltare la sua parola e per celebrare l’Eucaristia.

Quando prendiamo l’abitudine di non rispondere a questo appuntamento, siamo come Tommaso, ed è il dubbio che si deposita in noi. Quando ci riuniamo in chiesa per celebrare l’Eucaristia, impariamo a riconoscere in Gesù « mio Signore e mio Dio ». Accogliamo la pace che viene da lui in vista della missione che ci affida. Chiediamogli di ravvivare la nostra fedeltà e il nostro amore. È attraverso la nostra fede che avremo la vita

Il Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti cristiani

◊ Maranatha (Italia) : clicca qui per leggere l’articolo →  II Domenica di Pasqua Anno B

◊ Qumran : clicca qui per leggere l’articolo → Testi – II Domenica di Pasqua (Anno B)

   Padre Fernando Armellini : 2a Domenica di Pasqua anno B

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, fêtes religieuses, La messe du dimanche, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS