Lunedì della ventottesima settimana del Tempo Ordinario – Anno dispari

Posté par diaconos le 11 octobre 2021

Lunedì della ventottesima settimana del Tempo Ordinario - Anno dispari  dans articles en Italien

# Giona era un profeta delle tre religioni abramitiche: ebraismo, cristianesimo e islam. Nel giudaismo, Giona era il quinto dei dodici profeti minori della Bibbia. È il personaggio principale del Libro di Giona, che fa parte del Tanakh ebraico (Vecchio Testamento cristiano). Nel Corano, Giona è menzionato in sei suras, compresa la decima, che porta il suo nome. Dio manda Giona a Ninive, la capitale dell’impero assiro.

Giona disobbedisce a Dio e va a Giaffa per fuggire su una barca verso Tarshish. Durante il viaggio, la nave su cui si trovava Giona fu colpita da una tempesta a causa dell’ira divina per la sua disobbedienza. I marinai decisero di tirare a sorte per scoprire chi fosse il responsabile di questa disgrazia. La sorte è stata assegnata a Giona. Lo presero, lo gettarono in mare e il mare si calmò immediatamente.

Per tre giorni e tre notti fu riparato nel ventre di un grande pesce. Il grosso pesce lo ha poi sputato sulla riva. Da lì Giona andò a Ninive e compì la sua missione, annunciando e poi aspettando la distruzione profetizzata. C Il popolo di Ninive cercò di pentirsi, tra l’altro con il digiuno. « Dio vide quello che stavano facendo per allontanarsi dalle loro vie malvagie.

Così Dio si pentì del male che aveva minacciato loro, ma non lo mise in atto. Giona era angosciato e disperato. Il fatto che Dio potesse ritrattare la sua minaccia lo portò a ritirarsi, a isolarsi e persino a voler offrire la sua vita. Disse: « Oh Signore, non è quello che dicevo quando ero ancora nel mio paese? Questo è ciò che volevo evitare quando sono fuggito a Tarshish. Perché io sapevo che tu sei un Dio compassionevole e misericordioso, lento all’ira e ricco di bontà, e pentito del male ».

Giona si ritirò allora su una montagna per osservare la città e vedere cosa le succedeva. Dio fece crescere una pianta di ricino e fece ombra a Giona. Poi Dio fece morire la pianta, e Giona, arrabbiato e sopraffatto, espresse di nuovo il desiderio di morire: « la mia morte sarà meglio della mia vita ». Dio rimproverò allora Giona perché si lamentava della morte di una semplice pianta di ricino per la quale non aveva faticato e che non aveva fatto crescere.

Perché Dio non dovrebbe avere pietà di un’intera città? Dio non è forse libero in qualsiasi momento di perdonare la maggior parte delle dodici miriadi di esseri umani che non conoscono né la loro destra né la loro sinistra? Il tema centrale del libro di Giona è quindi interpretato come l’importanza del pentimento, del perdono e della giustizia. Il personaggio di Giona è talvolta paragonato a Giobbe.

Giona è menzionato nel secondo libro dei Re come autore di una profezia secondo cui Geroboamo II, re d’Israele, avrebbe ripristinato i confini del regno d’Israele. Nel giudaismo, il Libro di Giona viene letto durante lo Yom Kippur, il « Giorno dell’espiazione », quando il fedele prega il Signore per il perdono.

Dal Vangelo secondo Luca

29 Mentre le folle si riunivano, Gesù cominciò a dire : « Questa generazione è una generazione malvagia, che cerca un segno; ma nessun segno le sarà dato se non il segno di Giona ». 30 Poiché Giona fu un segno per il popolo di Ninive; così sarà il Figlio dell’uomo per questa generazione.

31 Al Giudizio la Regina di Saba si alzerà con gli uomini di questa generazione e li condannerà. Perché è venuta dalle estremità della terra per ascoltare la saggezza di Salomone, e qui c’è più di Salomone. 32 Nel giudizio gli abitanti di Ninive si alzeranno con questa generazione e la condanneranno, perché si sono convertiti in risposta all’annuncio fatto da Giona, e qui c’è più di Giona ». (Lc 11,29-32)

Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio

« Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano! (Questa donna, probabilmente una madre, che proclamò così beata la madre di Gesù, capì ciò che Gesù aveva detto nel discorso precedente; capì che Gesù era il Messia; questa verità penetrò nella sua mente come un raggio di luce. Nell’emozione che provò, pensò subito alla donna che aveva dato alla luce Gesù. L’ammirazione che esprimeva tradiva il suo sentimento materno, piuttosto che una fede religiosa ben informata e stabilita.

« Il suo sentimento è buono, ma parla come una donna. (Bengel). È inconcepibile che, nonostante la risposta di Gesù, gli interpreti cattolici si basino sulle parole di questa donna per sancire il culto della Vergine. Gesù accolse con gentilezza questo movimento di un cuore sincero, ma fu per elevarlo al suo vero oggetto, la parola di Dio ascoltata e conservata come seme di vita divina. Ha fatto sentire a questa donna che lei stessa poteva essere felice come colui di cui aveva appena celebrato la felicità.

« Come Giona fu un segno per i Niniviti, così il Figlio dell’Uomo sarà un segno per questa generazione. (Lc 11, 30) Gesù rispose alla richiesta di un segno dal cielo e lo rifiutò, perché quelli che lo presentavano erano ipocriti che volevano solo tendergli una trappola. Aspettò che la folla si fosse radunata intorno a lui, in modo da poter rendere pubblico il suo severo rimprovero a tutta la generazione di allora.

 I rimproveri di Gesù, inizialmente rivolti solo ai farisei, si generalizzarono e si estesero a tutto il popolo. Matteo ha citato prima l’esempio dei Niniviti, a cui la menzione del segno di Giona portava naturalmente, e in secondo luogo, l’esempio della Regina del Sud. Monsieur Godet ha difeso l’ordine di Luke con questa considerazione: « Presenta una migliore gradazione morale. È più grave rimanere insensibili al male che si è commesso che non essere desiderosi di nuove rivelazioni.

Così il segno di Giona, che Gesù diede alla sua generazione, fu la sua propria missione, infinitamente superiore a quella del profeta, e il pentimento degli abitanti di Ninive si oppose all’indurimento del suo popolo. In Matteo, quello che Gesù chiama il segno di Giona è la permanenza del profeta per tre giorni e tre notti nel ventre del pesce. Allo stesso modo fu sepolto tre giorni e tre notti nel seno della terra. La sua morte e risurrezione furono il vero e grande segno dato alla sua generazione. Luca non ha menzionato affatto questo pensiero.

Il Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti cristiani

◊ Tempo di preghiera : clicca qui per leggere l’articolo →   11 Ottobre: Lunedì della XXVIII Settimana del Tempo  Ordinario-Anno B

◊ Mater Dei  : clicca qui per leggere l’articolo →  Beati piuttosto coloro che ascoltano la observanno

Parrocchie di Negrar : « Beati piuttosto coloro che ascoltano la Parola di Dio e la osservano »

Image de prévisualisation YouTube

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS