• Accueil
  • > Archives pour le Lundi 20 décembre 2021

Nativity of the Lord – Year C

Posté par diaconos le 20 décembre 2021

Afficher l’image source

Jesus was born in Bethlehem in Judea

From the Gospel of Jesus Christdin accorg to St Matthew

Genealogy of Jesus Christ, son of David, son of Abraham. Abraham begat Isaac, Isaac begat Jacob, Jacob begat Judah and his brothers, Judah, from his union with Tamar, begat Phares and Zara, Phares begat Esrom, Esrom begat Aram, Aram begat Aminadab, Aminadab begat Naasson, Naasson begat Salmon, Salmon, from his union with Rahab, begat Boaz, Boaz, from his union with Ruth, begat Jobed, Jobed begat Jesse, Jesse begat King David. David begat Solomon by his wife Uriah, Solomon begat Rehoboam, Rehoboam begat Abia, Abia begat Asa, Asa begat Jehoshaphat, Jehoshaphat begat Jehoram, Jehoram begat Uzziah, Uzziah begat Jehoatham, and Jehoatham became the father of Ahaz, and Ahaz became the father of Hezekiah, and Hezekiah became the father of Manasseh, and Manasseh became the father of Amon, and Amon became the father of Josiah, and Josiah became the father of Jekoniah and his brothers at the time of the Babylonian exile.

So the total number of generations is: from Abraham to David, fourteen generations; from David to the Babylonian exile, fourteen generations; from the Babylonian exile to Christ, fourteen generations. This is how Jesus Christ was born: Mary, his mother, was given in marriage to Joseph; before they lived together, she became pregnant by the work of the Lord.

Human and divine origin of the Messiah

The purpose of Matthew’s Gospel is to show the intimate and living relationship of the two covenants, to show in Jesus Christ the fulfilment of the whole history of his people. This purpose was manifested by Matthew from the very first lines of his book, with that genealogy whose meaning is marked first of all by the two great names of David and Abraham; David, into whose family, according to prophecy, would be born the one whose kingship would be eternal.

Abraham, in whose seed all the families of the earth were to be blessed, a promise that has no meaning or fulfilment except in Jesus Christ. The Son of God came to take his place in this seed of Abraham and in our humanity, which he was to renew. If it had only been a matter of bringing new revelations to the world, a long series of traditions would have sufficed, and perhaps we would have found here, instead of a genealogy, a catalogue of the books of the Old Testament.

But the blessing promised to Abraham was to be realised in his posterity and to consist in a new creation, begun in the very person of the Deliverer. Hence a genealogy that aims not only to establish his historical filiation. Going back to David and Abraham, Matthew also indicated the genealogical origin of Mary, mother of Jesus. He stated that David’s son, Abraham’s son, descended from these figures through his mother, since Joseph had no father.

But having achieved this first goal, Joseph’s genealogy was of no use to the Israelites. Throughout his life, Jesus was regarded as the son of Joseph, and had to be so by virtue of the highest properties. But, moreover, there was substance in this view, that Joseph gave his adopted son a theocratic legal right to kingship, firstly because he himself was a descendant of David, and secondly because, by marrying Mary, who was heir to the family name, he legally entered his wife’s line and took her name.

Matthew’s purpose was to establish the dual origin of Jesus Christ, as revealed by the New Testament testimony, and at the same time his supernatural birth. Christ, in Hebrew Maschiah, means Anointed One. This name indicated royal dignity in the Old Testament, because kings were anointed with oil, the symbol of the Spirit of God, and were thus consecrated for their office. The same was true for priests and prophets.

Jesus Christ, who, in order to realise the idea of the old covenant in the new, performed these three offices, was the Lord’s anointed. He himself, by preaching from the beginning of his ministry a kingdom of God of which he was the Head, gave this notion all its truth and spirituality. Thus, in his Church, the title Christ gradually became a proper name.

After the Babylonian exile, Jekonias begat Salathiel, Salathiel begat Zorobabel, Zorobabel begat Abiud, Abiud begat Eliakim, Eliakim begat Azor, Azor begat Sadok, Sadok begat Akim, Akim begat Elioud, Elioud begat Eleazar, Eleazar begat Mattana, Mattana begat Jacob, Jacob begat Joseph, the husband of Mary, from whom was begotten Jesus, who is called Christ.

So the total number of generations is: from Abraham to David, fourteen generations; from David to the Babylonian exile, fourteen generations; from the Babylonian exile to Christ, fourteen generations. This is how Jesus Christ was born: Mary, his mother, was given in marriage to Joseph; before they lived together, she became pregnant by his hand.

It was not without intention that the sacred writers called him Jesus, the Christ, or gave him the double name of Jesus Christ, as Matthew did from the first line. Exegetes have been concerned to find the division according to which Matthew established these three series of fourteen generations. The generations of the first period, from Abraham to David, have been listed without omission; there are fourteen.

In the second period, Matthew subtracted four kings of Judah: Ahaziah, Joash, Amaziah, between Jehoram and Uzziah, Joachim, between Josiah and Jechonias. Another peculiarity of this genealogy is the mention of four women: Tamar, Rahab, Ruth, Bath-sheba.

Matthew’s intention was to emphasise that these women were admitted only by a very exceptional dispensation to the honour of being counted among the ancestors of Jesus; their situation seemed to exclude them absolutely. The economy of grace was thus shown in germ in the Old Covenant.

Matthew’s purpose was to establish the dual origin of Jesus Christ, as revealed by the New Testament testimony, and at the same time his supernatural birth. Christ, in Hebrew Maschiah, means Anointed One. This name indicated royal dignity in the Old Testament, because kings were anointed with oil, the symbol of the Spirit of God, and were thus consecrated for their office. The same was true for priests and prophets.

Jesus Christ, who, in order to realise the idea of the old covenant in the new, performed these three offices, was the Lord’s anointed. He himself, by preaching from the beginning of his ministry a kingdom of God of which he was the Head, gave this notion all its truth and spirituality. Thus, in his Church, the title Christ gradually became a proper name.

After the Babylonian exile, Jekonias begat Salathiel, Salathiel begat Zorobabel, Zorobabel begat Abiud, Abiud begat Eliakim, Eliakim begat Azor, Azor begat Sadok, Sadok begat Akim, Akim begat Elioud, Elioud begat Eleazar, Eleazar begat Mattana, Mattana begat Jacob, Jacob begat Joseph, the husband of Mary, from whom was begotten Jesus, who is called Christ.

When Joseph saw that Mary, his fiancée, was pregnant, he decided to repudiate her in secret. But an angel revealed to him in a dream the mystery of this conception, which came from the Holy Spirit, and commanded him to name the child born of Mary Jesus, for he would be the Saviour. Matthew showed in this event the fulfilment of Isaiah’s prophecy about the Immanuel. Joseph obeyed, took Mary as his wife, but did not know her until the birth of Jesus.

 After this great chastisement, a new period of fourteen generations had come to an end: did we not have the right to expect some extraordinary event, or even the coming of the one who was to restore the throne of David? Was not the appearance of Jesus at this precise moment in history proof to the believing Israelite that he was indeed the Christ announced by the prophets ?

All the generations from Abraham to David were fourteen generations; and from David to the Babylonian deportation, fourteen generations; and from the Babylonian deportation to Christ, fourteen generations. The quality of righteousness attributed to Joseph imposed on his conscience two contradictory duties, sources of painful struggles.

On the one hand, he could not marry Mary, not knowing or not believing in the mystery of her pregnancy; on the other, he did not want to expose her publicly to ignominy, much less to the rigours of the law, which pronounced the death penalty in this case. He decided to separate from her in secret.

When Joseph saw that Mary, his fiancée, was pregnant, he decided to repudiate her in secret. But an angel revealed to him in a dream the mystery of this conception, which came from the Holy Spirit, and ordered him to name the child born of Mary Jesus, because he would be the Saviour. Matthew showed in this event the fulfilment of Isaiah’s prophecy about the Immanuel. Joseph obeyed, took Mary as his wife, but did not know her until the birth of Jesus.

fAter this great chastisement, a new period of fourteen generations had come to an end: did we not have the right to expect some extraordinary event, or even the coming of the one who was to restore the throne of David? Was not the appearance of Jesus at this precise moment in history proof to the believing Israelite that he was indeed the Christ announced by the prophets ?

 All the generations from Abraham to David were fourteen generations; and from David to the Babylonian deportation, fourteen generations; and from the Babylonian deportation to Christ, fourteen generations. The quality of righteousness attributed to Joseph imposed on his conscience two contradictory duties, sources of painful struggles

. On the one hand, he could not marry Mary, not knowing or not believing in the mystery of her pregnancy; on the other, he did not want to expose her publicly to ignominy, much less to the rigours of the law, which pronounced the death penalty in this case. He decided to separate from her in secret.

This term son of David reminded Joseph of the promises made to the house of this king of Israel that were fulfilled. His faith in the Word of God helped him in his doubts. He married her publicly, according to customary ceremony. Among the Jews, betrothal was considered equivalent to marriage. This divine fact, indicated by Matthew, was revealed to Joseph by an angel of God, with the special purpose of removing all his doubts. The Holy Spirit indicates the efficient cause of Jesus’ human existence.

This Spirit of God who moved upon the waters of chaos to create life and harmony, this Spirit, the source of all existence, was, by an act of his own creative power, the agent of the miracle. In this way, Mary would have escaped the penalty of the law and a public trial, but not the obscurity of her situation. Was she humbly resigned to God’s will and abandoned by Him in this trial? No, God had to send an angel from heaven for her deliverance and the fulfilment of his plans, and he did.

Among the Jews, betrothal was considered equivalent to marriage. This divine fact, indicated by Matthew, was revealed to Joseph by an angel of God, with the special purpose of removing all his doubts. The Holy Spirit indicates the efficient cause of Jesus’ human existence. This Spirit of God who moved upon the waters of chaos to create life and harmony, this Spirit, the source of all existence, was, by an act of his own creative power, the agent of the miracle.

In this way, Mary would have escaped the penalty of the law and a public trial, but not the obscurity of her situation. Was she humbly resigned to God’s will and abandoned by Him in this trial? No, God had to send an angel from heaven for her deliverance and the fulfilment of his plans, and he did.

Deacon Michel Houyoux

Links to other Christian websites

◊ Christmas :  click here to read the paper →  HOMILY FOR THE NATIVITY OF THE LORD

◊  Catholic Productions  :  click here to read the paper →  The Nativity of the Lord, Year C 

♥ Homily fot Christmas Day Mass

.Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Catéchèse, fêtes religieuses, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, Temps de Noël | Pas de Commentaire »

Natività del Signore – Anno C

Posté par diaconos le 20 décembre 2021

Afficher l’image source

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Matteo

Genealogia di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda, dalla sua unione con Tamar, generò Phares e Zara, Phares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadab, Aminadab generò Naasson, Naasson generò Salmon, Salmon, dalla sua unione con Rahab, generò Boaz, Boaz, dalla sua unione con Ruth, generò Jobed, Jobed generò Jesse, Jesse generò re Davide. Davide generò Salomone da sua moglie Uria,

Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abia, Abia generò Asa, Asa generò Giosafat, Giosafat generò Jehoram, Jehoram generò Uzzia, Uzzi  a generò Jehoatham, e Jehoatham divenne il padre di Ahaz, e Ahaz divenne il padre di Ezechia, ed Ezechia divenne il padre di Manasse, e Manasse divenne il padre di Amone, e Amone divenne il padre di Giosia, e Giosia divenne il padre di Jekonia e dei suoi fratelli al tempo dell’esilio babilonese.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Matteo

Genealogia di Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo. Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda, dalla sua unione con Tamar, generò Phares e Zara, Phares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadab, Aminadab generò Naasson, Naasson generò Salmon, Salmon, dalla sua unione con Rahab, generò Boaz, Boaz, dalla sua unione con Ruth, generò Jobed, Jobed generò Jesse, Jesse generò re Davide. Davide generò Salomone da sua moglie Uria, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abia, Abia generò Asa, Asa generò Giosafat, Giosafat generò Jehoram, Jehoram generò Uzzia, Uzzia generò Jehoatham, e Jehoatham divenne il padre di Ahaz, e Ahaz divenne il padre di Ezechia, ed Ezechia divenne il padre di Manasse, e Manasse divenne il padre di Amone, e Amone divenne il padre di Giosia, e Giosia divenne il padre di Jekonia e dei suoi fratelli al tempo dell’esilio babilonese.

Dopo l’esilio babilonese, Jekonias generò Salathiel, Salathiel generò Zorobabel, Zorobabel generò Abiud, Abiud generò Eliakim, Eliakim generò Azor, Azor generò Sadok, Sadok generò Akim, Akim generò Elioud, Elioud generò Eleazar, Eleazar generò Mattana, Mattana generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, il marito di Maria, da cui fu generato Gesù, che è chiamato Cristo.

Quindi il numero totale di generazioni è: da Abramo a Davide, quattordici generazioni; da Davide all’esilio babilonese, quattordici generazioni; dall’esilio babilonese a Cristo, quattordici generazioni. Ecco come nacque Gesù Cristo: Maria, sua madre, fu data in sposa a Giuseppe; prima che vivessero insieme, rimase incinta per opera

Origine umana e divina del Messia

Lo scopo del Vangelo di Matteo è quello di mostrare la relazione intima e viva delle due alleanze, di mostrare in Gesù Cristo il compimento di tutta la storia del suo popolo. Questo scopo è stato manifestato da Matteo fin dalle prime righe del suo libro, con quella genealogia il cui significato è segnato prima di tutto dai due grandi nomi di Davide e Abramo; Davide, nella cui famiglia, secondo la profezia, sarebbe nato colui la cui regalità sarebbe stata eterna.

Abramo, nel cui seme dovevano essere benedette tutte le famiglie della terra, una promessa che non ha senso né compimento se non in Gesù Cristo. Il Figlio di Dio è venuto a prendere il suo posto in questo seme di Abramo e nella nostra umanità, che doveva rinnovare. Se si fosse trattato solo di portare nuove rivelazioni al mondo, sarebbe bastata una lunga serie di tradizioni, e forse avremmo trovato qui, invece di una genealogia, un catalogo dei libri dell’Antico Testamento.

Ma la benedizione promessa ad Abramo doveva realizzarsi nella sua posterità e consistere in una nuova creazione, iniziata nella persona stessa del Liberatore. Da qui una genealogia che non mira solo a stabilire la sua filiazione storica. Risalendo a Davide e Abramo, Matteo ha anche indicato l’origine genealogica di Maria, madre di Gesù. Egli affermò che il figlio di Davide, figlio di Abramo, discendeva da questi personaggi attraverso sua madre, poiché Giuseppe non aveva un padre.

Ma avendo raggiunto questo primo obiettivo, la genealogia di Giuseppe non era inutile per gli israeliti. Durante tutta la sua vita, Gesù fu considerato come il figlio di Giuseppe, e doveva esserlo in virtù delle più alte proprietà. Ma, inoltre, c’era sostanza in questa visione, che Giuseppe conferì al suo figlio adottivo un diritto legale teocratico alla regalità, in primo luogo perché egli stesso era un discendente di Davide, e in secondo luogo perché, sposando Maria, che era erede del nome della famiglia, entrò legalmente nella linea di sua moglie e prese il suo nome.

Lo scopo di Matteo era di stabilire la doppia origine di Gesù Cristo, come rivelata dalla testimonianza del Nuovo Testamento, e allo stesso tempo la sua nascita soprannaturale. Cristo, in ebraico Maschiah, significa Unto. Questo nome indicava nell’Antico Testamento la dignità reale, perché i re venivano unti con l’olio, simbolo dello Spirito di Dio, ed erano così consacrati per il loro ufficio. Lo stesso valeva per i sacerdoti e i profeti.

Gesù Cristo, che, per realizzare l’idea dell’antica alleanza nella nuova, compì questi tre uffici, fu l’unto del Signore. Egli stesso, predicando fin dall’inizio del suo ministero un regno di Dio di cui era il Capo, ha dato a questa nozione tutta la sua verità e spiritualità. Così, nella sua Chiesa, il titolo Cristo divenne gradualmente un nome proprio

Dopo l’esilio babilonese, Jekonias generò Salathiel, Salathiel generò Zorobabel, Zorobabel generò Abiud, Abiud generò Eliakim, Eliakim generò Azor, Azor generò Sadok, Sadok generò Akim, Akim generò Elioud, Elioud generò Eleazar, Eleazar generò Mattana, Mattana generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, il marito di Maria, da cui fu generato Gesù, che è chiamato Cristo.

Quindi il numero totale di generazioni è: da Abramo a Davide, quattordici generazioni; da Davide all’esilio babilonese, quattordici generazioni; dall’esilio babilonese a Cristo, quattordici generazioni. Ecco come nacque Gesù Cristo: Maria, sua madre, fu data in sposa a Giuseppe; prima che vivessero insieme, rimase incinta per opera

Non fu senza intenzione che gli scrittori sacri lo chiamarono Gesù, il Cristo, o gli diedero il doppio nome di Gesù Cristo, come fece Matteo dalla prima riga. Gli esegeti si sono preoccupati di trovare la divisione secondo la quale Matteo ha stabilito queste tre serie di quattordici generazioni. Le generazioni del primo periodo, da Abramo a Davide, sono state elencate senza omissioni; sono quattordici.

Nel secondo periodo, Matteo sottrasse quattro re di Giuda: Ahaziah, Joash, Amaziah, tra Jehoram e Uzziah, Joachim, tra Josiah e Jechonias. Un’altra particolarità di questa genealogia è la menzione di quattro donne: Tamar, Rahab, Ruth, Bath-sheba.

L’intenzione di Matteo era di sottolineare che queste donne erano ammesse solo per una dispensa molto eccezionale all’onore di essere contate tra gli antenati di Gesù, la loro situazione sembrava escluderle assolutamente. L’economia della grazia è stata così mostrata in germe nell’Antica Alleanza.

Lo scopo di Matteo nel ricapitolare i membri della genealogia in tre serie di quattordici era quello di far emergere il piano di Dio nel modo in cui conduceva i destini del popolo eletto. Quattordici generazioni si erano succedute da Abramo, a cui fu fatta la promessa, a Davide, a cui fu rinnovata, con la dichiarazione che Gesù sarebbe nato dalla sua discendenza. Quattordici generazioni si erano succedute dalla fondazione della regalità teocratica al suo crollo al momento della deportazione in Babilonia.

Quando Giuseppe vide che Maria, la sua fidanzata, era incinta, decise di ripudiarla in segreto. Ma un angelo gli rivelò in sogno il mistero di questa concezione, che veniva dallo Spirito Santo, e gli ordinò di chiamare il bambino nato da Maria Gesù, perché sarebbe stato il Salvatore. Matteo ha mostrato in questo evento l’adempimento della profezia di Isaia sull’Immanuele. Giuseppe obbedì, prese Maria come sua sposa, ma non la conobbe fino alla nascita di Gesù.

Dopo questo grande castigo, un nuovo periodo di quattordici generazioni era giunto al termine: non avevamo forse il diritto di aspettarci qualche evento straordinario, o addirittura la venuta di colui che doveva restaurare il trono di Davide? L’apparizione di Gesù in questo preciso momento della storia non fu forse una prova per l’israelita credente che egli era davvero il Cristo annunciato dai profeti?

Tutte le generazioni da Abramo a Davide erano quattordici generazioni; e da Davide alla deportazione babilonese, quattordici generazioni; e dalla deportazione babilonese a Cristo, quattordici generazioni. La qualità di rettitudine attribuita a Giuseppe imponeva alla sua coscienza due doveri contraddittori, fonti di lotte dolorose. Da un lato, non poteva sposare Maria, non sapendo o non credendo al mistero della sua gravidanza; dall’altro, non voleva esporla pubblicamente all’ignominia, e ancor meno ai rigori della legge che pronunciava la pena di morte in questo caso. Ha deciso di separarsi da lei in segreto.

Quando Giuseppe vide che Maria, la sua fidanzata, era incinta, decise di ripudiarla in segreto. Ma un angelo gli rivelò in sogno il mistero di questa concezione, che veniva dallo Spirito Santo, e gli ordinò di chiamare il bambino nato da Maria Gesù, perché sarebbe stato il Salvatore. Matteo ha mostrato in questo evento l’adempimento della profezia di Isaia sull’Immanuele. Giuseppe obbedì, prese Maria come sua sposa, ma non la conobbe fino alla nascita di Gesù.

Dopo questo grande castigo, un nuovo periodo di quattordici generazioni era giunto al termine: non avevamo forse il diritto di aspettarci qualche evento straordinario, o addirittura la venuta di colui che doveva restaurare il trono di Davide? L’apparizione di Gesù in questo preciso momento della storia non fu forse una prova per l’israelita credente che egli era davvero il Cristo annunciato dai profeti ?

Tutte le generazioni da Abramo a Davide erano quattordici generazioni; e da Davide alla deportazione babilonese, quattordici generazioni; e dalla deportazione babilonese a Cristo, quattordici generazioni. La qualità di rettitudine attribuita a Giuseppe imponeva alla sua coscienza due doveri contraddittori, fonti di lotte dolorose. Da un lato, non poteva sposare Maria, non sapendo o non credendo al mistero della sua gravidanza; dall’altro, non voleva esporla pubblicamente all’ignominia, e ancor meno ai rigori della legge che pronunciava la pena di morte in questo caso. Ha deciso di separarsi da lei in segreto.

Questo termine figlio di Davide ricordava a Giuseppe le promesse fatte alla casa di questo re d’Israele che si sono realizzate. La sua fede nella Parola di Dio lo ha aiutato nei suoi dubbi. Sposarla pubblicamente, secondo il cerimoniale abituale.

Tra gli ebrei, il fidanzamento era considerato equivalente al matrimonio. Questo fatto divino, indicato da Matteo, fu rivelato a Giuseppe da un angelo di Dio, con lo scopo speciale di eliminare tutti i suoi dubbi. Dallo Spirito Santo indica la causa efficiente dell’esistenza umana di Gesù. Questo Spirito di Dio che si è mosso sulle acque del caos per creare la vita e l’armonia, questo Spirito, la fonte di tutta l’esistenza, è stato, con un atto della sua propria potenza creativa, l’agente del miracolo.

In questo modo, Maria sarebbe sfuggita alla pena prevista dalla legge e ad un processo pubblico, ma non all’obbrobrio della sua situazione. Era umilmente rassegnata a tutta la volontà di Dio e abbandonata da Lui in questa prova? No, Dio doveva mandare un angelo dal cielo per la sua liberazione e per il compimento dei suoi disegni, e lo fece.

Il Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti web Cristiani

◊   Holyblog : clicca quui per leggere l’articolo → La natività: storia della nascita di Gesù 

◊ Qumran : Immagini - QUMRAN NET – Materiale pastorale online

♥ A Betlemme nella grotta dove è nato Gesu è nato Gesù

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, È tempo di Natale., fêtes religieuses, Histoire, Page jeunesse, Religion, Tempo di Natale., Tempo di Natale., Temps de Noël | Pas de Commentaire »

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS