• Accueil
  • > Archives pour le Mercredi 19 janvier 2022

Mercredi de la deuxième Semaine du Temps Ordinaire — Année Paire de la férie

Posté par diaconos le 19 janvier 2022

PPT - LE SABBAT PowerPoint Presentation, free download - ID:5576108

Michel Houyoux, professeur retraité du secondaire (Biologie, chimie, et physique) du Collège saint Stanislas à Mons (Belgique) et diacre permanent en province de Namur-Luxembourg.

 Michel HouyouxLa piscine de Bethesda, située sur le chemin de la vallée de Beth Zeta, est mentionnée dans l’Évangile de Jean, au chapitre 5, comme le lieu d’un miracle de Jésus sur un paralytique. La description qui en est faite signale qu’elle était entourée de cinq portiques. Les anciens manuscrits de l’évangile de Jean ne s’entendent pas sur le vrai nom de cet endroit : il s’appellerait « Bezatha », ou « Bethesda », ou « Belsetha », ou encore « Bethsaïda ».

Un des manuscrits de la mer Morte résout le problème de façon inattendue. Le rouleau de cuivre, qui doit dater de la première moitié du Ier siècle, présente une longue liste de trésors cachés à Jérusalem et ailleurs en Terre d’Israël. Une des cachettes est située dans un lieu de Jérusalem appelé Bet-eshdatain, marqué par une piscine à deux bassins de grandeurs différentes. Il ne fait pas de doute, que la transcription grecque de Bethesda doit être retenue comme la plus juste, et le nom doit être traduit par « maison des deux flots, des deux bouches » : il est fait référence à deux sources d’alimentation d’une piscine, ce qui se comprend bien si cette dernière comporte deux bassins indépendants.

À la suite de restaurations entreprises sur l’église Sainte-Anne à Jérusalem en 1888, deux grandes piscines avec cinq portiques et de nombreux fragments de l’époque romaine ont été exhumées. Une fresque située sur l’un des murs représente un ange remuant l’eau. Les secondes piscines furent érigées durant le IIIe siècle av. J.-C. par le Grand Prêtre Simon II (de la famille des Oniades). Ces piscines étaient utilisées pour laver les moutons avant leur sacrifice au Temple. Cette méthode d’utilisation des piscines conféra à l’eau un halo de sainteté, et plusieurs invalides vinrent se baigner dans les piscines dans l’espoir d’être guéri. Les piscines sont mentionnées dans le Nouveau Testament.

Dans Jean 5, il est rapporté que Jésus guérit un homme dans la piscine. Son nom est décrit comme provenant de l’araméen Beth Hesda, signifiant « lieu de la grâce » . D’autres désignations incluent les noms de Bethzatha et Bethsaïda (qu’il ne faut pas confondre avec la ville de Bethsaïde en Galilée). Selon l’Encyclopédie juive : « Bethesda », elle symbolisait la maison de la pitié, un réservoir, « un bain pour nager ») avec cinq porches, près de la porte du marché des moutons (Néhémie 3:1; Jean 5:2)1. L’historien Eusèbe de Césarée (~265-~340) la surnommait « la piscine aux moutons ». Il la désigna également par les noms de « Bethsaïde » et « Beth-zatha » (Jean 5:2, marg. RSV). Sous ses « porches » ou colonnades se retrouvaient habituellement un grand nombre d’infirmes qui attendaient que l’eau se trouble et qu’un miracle se produise.

De l’évangile selon Luc

06 Un autre jour de sabbat, Jésus était entré dans la synagogue et enseignait. Il y avait là un homme dont la main droite était desséchée. 07 Les scribes et les pharisiens observaient Jésus pour voir s’il ferait une guérison le jour du sabbat ; ils auraient ainsi un motif pour l’accuser. 08 Mais lui connaissait leurs raisonnement, et il dit à l’homme qui avait la main desséchée : « Lève-toi, et tiens-toi debout, là au milieu. » L’homme se dressa et se tint debout.

09 Jésus leur dit : « Je vous le demande : Est-il permis, le jour du sabbat, de faire le bien ou de faire le mal ? de sauver une vie ou de la perdre ? » 10 Alors, promenant son regard sur eux tous, il dit à l’homme : « Étends la main. » Il le fit, et sa main redevint normale. Quant à eux, ils furent remplis de fureur et ils discutaient entre eux sur ce qu’ils feraient à Jésus ». (Lc 6, 6-11)

Guérir le jour du Sabbat

Les adversaires de Jésus voulurent voir s’ il avait en général l’habitude de guérir au jour du sabbat, ce qui eût été plus grave. D’après Luc, Jésus dit : « De sauver une vie, ou de la tuer, la fureur et la haine leur ôtèrent le bon sens. ‘ La cause en fut une manifestation éclatante de la puissance et de l’amour de Jésus. Ils crurent n’obéir qu’à leur zèle pour la loi de Dieu, mais ce zèle se corrompit et changé en passion. Matthieu dit : « Ils tinrent conseil contre lui, afin de le faire périr ». Marc ajouta : « Ils tinrent conseil avec les hérodiens..

Liens avec d’autres sites web chrétiens

◊ Père Gilbert Adam : cliquez ici pour lire l’article → Lundi de la 23e semaine, année impaire

◊ Dominique Anger : cliquez ici pour lire l’article →  Le « culte personnel » revisité à la lumière de l’Écriture

♥   Thème Le pays de la Bible, au delà des apparences  : »La guérison de Jésus à la piscine de Béthesda »

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Catéchèse, Histoire, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Terza domenica del tempo ordinario dell’anno C

Posté par diaconos le 19 janvier 2022

Terza domenica del tempo ordinario dell'anno C  dans articles en Italien

aba9a6179ecf98c669fcba052e4defc7 Terza domenica del tempo ordinario dell'anno C dans Catéchèse

Gesù insegnava nella sinagoga dei Giudei.

In tutto il mondo, i cristiani di diverse fedi si riuniscono per momenti di preghiera comune. Chiedono a Dio di realizzare quello che era il desiderio più importante di Cristo la sera del Giovedì Santo: « Che siano una cosa sola ». Questo problema delle divisioni tra i cristiani era presente nelle prime comunità. Molte persone sostenevano di essere seguaci di questo o quel predicatore. Le tre letture di questa domenica possono aiutarci a riflettere su questa questione della pace e dell’unità.

San Paolo ci parla della solidariemettere il meglio di sé al servizio del bene comune. Questo è fondamentale se vogliamo promuovere buone relazioni tra tutte le persone. Nel Vangelo, Gesù si presenta come il liberatore, colui che viene « per portare una buona notizia ai poveri, per annunciare ai prigionieri che sono liberi, per portare la liberazione agli oppressi, per annunciare un anno di benedizioni concesse dal Signore ». Siamo chiamati al di là delle nostre differenze per essere uniti nella diversità.

Questa settimana, per essere concreti, prendiamoci il tempo di conoscere l’altro, quello che è diverso da me nella sua fede: facciamo lo sforzo di scoprire la fede e il pensiero di un cristiano di un’altra denominazione. tà dei cristiani (2a lettura). Ricorda alle comunità corinzie, ma anche a ciascuno di noi, una verità fondamentale: « Voi siete il corpo di Cristo ». Ogni battezzato è chiamato

La prima lettura è dal libro di Neem ia, capitolo8

Siamo a Gerusalemme intorno al 450 a.C. L’esilio babilonese è finito, il Tempio di Gerusalemme è finalmente ricostruito (anche se è meno bello di quello di Salomone) e la vita riprende il suo corso. Con l’esilio babilonese, tutto è andato perduto e il ritorno non è stato facile: il grande problema del ritorno è la difficoltà di andare d’accordo: tra chi torna in patria, pieno di ideali e progetti, e chi nel frattempo si è stabilito, non c’è un divario, ma un abisso. Non è un vuoto, è un abisso. I gentili hanno occupato il posto e le loro preoccupazioni sono molto lontane dai molti requisiti della legge ebraica. Esdra e Neemia faranno quindi di tutto per rimediare alla situazione.

Il popolo deve essere sollevato e il suo morale ripristinato. Storia Nel settimo anno di Artaserse I, re di Persia dal 465 al 424 a.C., Esdra fu incaricato dal re di andare a Gerusalemme per fare un’inchiesta civile e religiosa sulla condizione della comunità ebraica e per esortarla ad osservare la legge di Dio.

Esdra fu uno dei leader degli ebrei che tornarono da Babilonia con Zorobabele. Era uno scriba che conosceva bene la Legge di Mosè, che studiava e insegnava, ed era un discendente di Zadok e Phineas. È il personaggio principale del Libro di Esdra e si trova nel racconto di Neemia del suo ritorno dall’esilio babilonese, di cui il seguente è un estratto. Neemia è un ebreo, nato a Babilonia nel quinto secolo a.C., il personaggio principale e narratore del Libro di Neemia.

Secondo il racconto biblico, divenne coppiere di Artasero Longhi, re di Persia; ottenne da questo principe il permesso di ricostruire le mura di Gerusalemme (445 a.C.) e guidò alcuni degli esuli ebrei in Giudea dopo il primo esilio a Babilonia. Fondò la grande sinagoga e governò il popolo ebraico con grande saggezza fino alla sua morte nel 424 a.C. Gli si attribuisce il secondo dei libri conosciuti come Esdra.

Per ristabilire l’unità della loro comunità, Esdra e Neemia non fanno una lezione, propongono una festa basata sulla parola di Dio. Toutto il popolo si è riunito come uno solo nella piazza davanti alla porta dell’acqua. A Esdra, lo scriba, fu chiesto di portare il libro della legge di Mosè, che il Signore aveva dato a Israele. Il sacerdote Esdra portò la legge davanti all’assemblea, composta da uomini, donne e tutti i bambini che potevano capire.

Era il primo giorno del settimo mese. Esdra lesse il libro dall’alba a mezzogiorno in presenza degli uomini, delle donne e di tutti i bambini di età compresa, e tutto il popolo ascoltava la lettura della legge. Lo scriba Esdra stava su una piattaforma di legno costruita appositamente per questo scopo. Esdra aprì il libro; tutto il popolo poteva vederlo, perché egli sovrastava l’assemblea. Quando aprì il libro, tutta la gente si alzò in piedi.

Allora Esdra benedisse il Signore, il grande Dio, e tutto il popolo alzò le mani e disse: « Amen! Amen ! » Poi si inchinarono e adorarono il Signore con la faccia a terra. Esdra lesse un passo del libro della legge di Dio, poi i Leviti lo tradussero e ne diedero il significato. Nehemia, il governatore, Esdra che era sacerdote e scriba, e i Leviti che lo spiegavano, dissero a tutto il popolo : « Questo giorno è santo per il Signore vostro Dio ! Non piangere, non piangere !

Perché tutti piangevano all’udire le parole della Legge. Esdra disse loro : « Andate e mangiate del buon pane e bevete del buon vino, e mandate una parte a coloro che non hanno niente di pronto ». Perché questo giorno è santo per il nostro Dio! Non ti affligere : la gioia del Signore è la tua fortezza !

 Salmo 19, 8-10.15

Commento La mappa del Signore è sicura, che rende saggio il semplice » (primo versetto qui): un modo di dire che solo Dio è saggio; per noi, non è necessario credere di essere intelligenti, lasciamoci semplicemente guidare. E poi, l’umile e quotidiana pratica della Legge può gradualmente trasformare un intero popolo. Tutto ciò che serve è una pratica umile e quotidiana; è alla portata di tutti.

Testo La legge del Signore è perfetta, dà la vita ; la carta del Signore è sicura, rende saggio il semplice. I precetti del Signore sono retti, allietano il cuore; il comandamento del Signore è chiaro, illumina l’occhio. Il timore del Signore è puro, è lì per sempre; le decisioni del Signore sono giuste e veramente giuste. Accogli le parole della mia bocca, i mormorii del mio cuore; fa’ che vengano davanti a te, o Signore, mia roccia.

La seconda lettura è tratta dalla lettera dell’apostolo San Paolo.

 Commento  Questo lungo sviluppo da parte di Paolo prova almeno una cosa, che la comunità di Corinto stava vivendo esattamente gli stessi problemi che stiamo vivendo noi. Per dare una lezione ai suoi seguaci, Paolo usa una procedura che funziona meglio di qualsiasi discorso, usa una favola che tutti conoscevano e la adatta al suo scopo. Questa favola, che era in circolazione all’epoca di Cristo, si chiamava : « La favola delle membra e dello stomaco » (è raccontata nella Storia romana di Tito Livio ».

 Uno dei punti sorprendenti di questo sviluppo è che non parla mai per un momento in termini di gerarchia o di superiorità ! Paolo, al contrario, insiste sul rispetto dovuto a tutti: semplicemente, perché la più alta dignità, l’unica che conta, è essere membro, chiunque sia, dell’unico corpo di Cristo. Il rispetto, in senso etimologico, è una questione di sguardo. In questo brano, San Paolo ci dà una meravigliosa lezione di rispetto: rispetto per la diversità, da un lato, e rispetto per la dignità di ogni persona, qualunque sia la sua funzione.

Testo  Facciamo un paragone : il nostro corpo è un tutto, eppure ha molte membra; e tutte le membra, nonostante il loro numero, sono un solo corpo. Così è con Cristo. Tutti noi, ebrei o gentili, schiavi o uomini liberi, siamo stati battezzati nell’unico Spirito per formare un solo corpo. Tutti noi siamo stati estinti dall’unico Spirito. Il corpo umano è composto da diversi membri, non uno solo. Il piede può dire : « Non sono la mano, quindi non faccio parte del corpo », ma fa comunque parte del corpo. L’orecchio può dire : « Non sono l’occhio, quindi non faccio parte del corpo », ma fa comunque parte del corpo.

Se ci fossero solo occhi nel corpo, come potremmo sentire ? Se ci fossero solo le orecchie, come potremmo annusare ? Ma nel corpo, Dio ha disposto le diverse membra come ha voluto. Se ce ne fosse uno solo, come farebbe a formare un corpo ? Quindi ci sono sia molti membri che un solo corpo. L’occhio non può dire alla mano : « Non ho bisogno di te »; la testa non può dire ai piedi : « Non ho bisogno di te ». Inoltre, le parti del corpo che sembrano le più delicate sono indispensabili.

E quelli che sono meno rispettabili, li trattiamo con più rispetto ; quelli che sono meno decenti, li trattiamo con più decenza ; per quelli che sono decenti, non è necessario. Dio ha organizzato il corpo in modo tale che noi mostriamo più rispetto a ciò che è più carente di rispetto : Egli ha voluto che non ci sia divisione nel corpo, ma che le diverse membra si preoccupino l’una dell’altra. Se un membro soffre, tutti i membri partecipano alla sua sofferenza; se un membro è onorato, tutti partecipano alla sua gioia.

Ora voi siete il corpo di Cristo, e ognuno di voi, a modo suo, è un membro di quel corpo. Tra coloro che Dio ha posto nella Chiesa in questo modo, ci sono in primo luogo gli apostoli, in secondo luogo i profeti, in terzo luogo coloro che sono responsabili dell’insegnamento, poi coloro che fanno miracoli, coloro che hanno il dono della guarigione, coloro che sono responsabili dell’assistenza o della guida dei fratelli, coloro che dicono parole misteriose. Ovviamente, non tutti sono apostoli, non tutti sono profeti, non tutti sono incaricati dell’insegnamento; non tutti devono fare miracoli, guarire, dire parole misteriose,

 Commento Questa storia si svolge dopo il battesimo di Gesù e il racconto delle sue tentazioni nel deserto. Quando Gesù dice : « La parola di Isaia che vi ho appena letto, lo Spirito del Signore è su di me, perché il Signore mi ha consacrato con l’unzione… è in me che si compie… », sta semplicemente dicndo : « Io sono il Messia, quello che state aspettando ». Dicendo questo, non poteva non sorprendere i suoi ascoltatori. Ci deve essere stato un tempo di silenzio finché non hanno capito cosa intendeva.

Nota Luca dice a Teofilo che vuole permettergli di verificare « la solidità degli insegnamenti che ha ricevuto ». Luca riconosce anche di non essere stato un testimone oculare degli eventi; poteva solo informarsi sui testimoni oculari, il che presuppone che fossero ancora vivi quando scrisse.

Testo  Molti si sono impegnati a comporre un resoconto degli avvenimenti che hanno avuto luogo tra noi, così come ci sono stati tramandati da coloro che, fin dall’inizio, sono stati i testimoni oculari e sono diventati i servitori della Parola. Perciò anch’io→, dopo essermi accuratamente informato di tutte le cose fin dall’inizio, ho deciso di scrivere per te, caro Teofilo, un resoconto di esse, affinché tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

Quando Gesù tornò in Galilea nella potenza dello Spirito, la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle sinagoghe dei Giudei e tutti lo lodavano. Venne a Nazareth, dove era cresciuto. Come era sua abitudine, entrò nella sinagoga il sabato e si alzò per leggere. Gli fu presentato il libro del profeta Isaia. Aprì il libro e trovò il passaggio in cui si dice : Lo Spirito del Signore è su di me perché il Signore mi ha unto. Mi ha mandato a portare la Buona Novella ai poveri, a proclamare la libertà ai prigionieri e la luce ai ciechi, a portare la liberazione agli oppressi, a proclamare un anno.

Il Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti cristiani

◊ Animazione :  clicca qui per lggere l’articolo  →  III Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

◊ Qumran :  :  clicca qui per lggere l’articolo  → :  clicca qui per lggere l’articolo  → Testi – III Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)

Il Padre Fernando Aemellini : « Terza domenica del tempo ordinario dell’anno C « 

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS