Quattordicesima domenica del Tempo Ordinario dell’anno C

Posté par diaconos le 28 juin 2022

L'ENVOI EN MISSION DES APOTRES PAR JESUS - luciole

# I settanta discepoli erano i seguaci di Gesù menzionati nel Vangelo di Luca (X:1-24). Secondo questo testo, l’unico del canone in cui compaiono, Gesù li scelse e li inviò a gruppi di due in regioni diverse per annunciare il Vangelo.La tradizione cristiana occidentale li chiamava più spesso discepoli, mentre i cristiani orientali li chiamavano apostoli In alcune versioni della Bibbia il numero dei discepoli è settantadue.

In un elenco attribuito a San Doroteo di Tiro, alcuni nomi sono inclusi (Rodion o Erodione di Patrasso, Apollos di Cesarea di Cappadocia, Tychicus, Aristarchus), mentre altri sono omessi (Timothy, Titus, Epaphras, Archippus, Aquila, Olympas). San Demetrio di Rostov ha consultato le Sacre Scritture, le tradizioni tramandate dai Padri e i resoconti di storici affidabili quando ha cercato di correggere gli errori e le incertezze dell’elenco nella compilazione delle sue Vite dei Santi. Nel X secolo Giuseppe l’Innografo compose il Canone per la Sinassi dei settanta apostoli di Cristo.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca

In quel tempo il Signore nominò altri settantadue discepoli e li mandò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove si recava. Disse loro : « La messe è abbondante, ma gli operai sono pochi. Chiedete dunque al Signore della messe di mandare operai per la sua messe. Vai! Ecco, vi mando come agnelli in mezzo ai lupi. Non portate con voi né borse né sandali e non salutate nessuno lungo la strada. Ma in ogni casa in cui entrerete, dite prima :pace a questa casa ». Se lì c’è un amico della pace, la vostra pace andrà a lui; altrimenti tornerà a voi. Rimanete in questa casa, mangiando e bevendo ciò che vi viene servito, perché il lavoratore merita il suo salario. Non andate di casa in casa.

In ogni città in cui entrerete e sarete accolti, mangiate ciò che vi viene posto davanti. Guarite i malati che sono lì e dite loroc : « Il regno di Dio si è avvicinato a voi ». Ma in ogni città in cui entrerete e non sarete accolti, andate nelle piazze e dite : « Anche la polvere della vostra città, che è attaccata ai nostri piedi, la rimuoviamo per voi ». Ma sappiate che il regno di Dio si è avvicinato. Vi dico che nell’ultimo giorno Sodoma sarà trattata meglio di questa città. I settantadue discepoli tornarono con gioia, dicend0 : « Signore, anche i demoni ci sono sottomessi nel tuo nome ».

Gesù disse loro : « Vedevo Satana cadere come un fulmine dal cielo. Ecco, io vi ho dato il potere di schiacciare i serpenti e gli scorpioni e di vincere tutta la potenza del nemico; nulla potrà in alcun modo ferirvi. Ma non rallegratevi perché gli spiriti vi sono sottomessi, ma rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli. » (Lc 10:1-12, 17-20)

L’invio dei settanta in missione

Questo è stato un momento importante in cui Gesù ha scelto di inviare questi numerosi discepoli davanti a lui. La loro missione era quella di risvegliare l’attenzione e preparare la strada per la sua predicazione nei luoghi dove egli stesso sarebbe andato. Gesù li manda a due a due: possono completarsi e rafforzarsi a vicenda contro i pericoli morali e gli scoraggiamenti; anche la testimonianza che sono chiamati a dare acquista maggiore autorità. Alcuni vi hanno visto, secondo il simbolismo biblico dei numeri, il numero dei dodici apostoli moltiplicato per sei. Questo ci darebbe settantadue, il che spiegherebbe perché quest’ultimo termine si trova effettivamente in diversi manoscritti.

Altri volevano recuperare l’idea enunciata nel Talmud che l’intera umanità contenesse settanta popoli e mettere questa missione in qualche relazione con l’evangelizzazione del mondo. Gesù pensava ai settanta anziani di Israele come pensava alle dodici tribù quando scelse dodici apostoli. « Ora, dopo queste cose, il Signore designò altri settanta e dieci discepoli e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove egli stesso doveva andare ». È in questo momento importante che Gesù ha scelto di inviare questi numerosi discepoli davanti a lui. La loro missione era quella di risvegliare l’attenzione e preparare la strada per la sua predicazione nei luoghi dove egli stesso sarebbe andato.

Gesù li manda a due a due: possono completarsi e rafforzarsi a vicenda contro i pericoli morali e gli scoraggiamenti; anche la testimonianza che sono chiamati a dare acquista maggiore autorità. Alcuni vi hanno visto, secondo il simbolismo biblico dei numeri, il numero dei dodici apostoli moltiplicato per sei. Questo ci darebbe settantadue, il che spiegherebbe perché quest’ultimo termine si trova effettivamente in diversi manoscritti. Altri volevano ritrovare l’idea enunciata nel Talmud che l’intera umanità contenesse settanta popoli e mettere questa missione in qualche relazione con l’evangelizzazione del mondo.

Gesù pensava a questa visione ebraica e, poiché non inviò i suoi discepoli alle nazioni gentili, questa interpretazione ipotizzava che, fermandosi a questo numero, Gesù pensasse ai settanta anziani di Israele come aveva pensato alle dodici tribù nello scegliere i dodici apostoli. Questo fatto ci mostra quanto fossero numerosi i discepoli di Gesù a quel tempo, dal momento che egli poté scegliere settanta tra i più capaci per affidare loro questa importante missione. Non li ha chiamati, come ha fatto con i dodici, a lasciare definitivamente la loro vocazione terrena. Dopo aver compiuto questa missione e aver accompagnato Gesù a Gerusalemme per celebrare la festa, dovettero tornare al loro lavoro ordinario.

Poiché questo invio dei settanta discepoli non è menzionato da Matteo e Marco, i critici negativi lo considerarono un’invenzione di Luca, o almeno una tradizione senza fondamento storico. Secondo Luca, fu al momento di inviare i dodici alla loro prima missione che Gesù fece questa esortazione. Anche le istruzioni che diede ai settanta discepoli furono in gran parte ripetute: alcune di esse, infatti, si trovano, secondo Luca, indirizzate ai dodici. Con questo preambolo Gesù ha voluto far sentire ai suoi inviati l’importanza del momento presente e l’attualità della missione che ha affidato loro. Le scarpe erano un paio di scarpe di ricambio, portate come un fardello.

Come potrebbe Gesù proibire ai suoi discepoli di adempiere a un dovere di cortesia o addirittura di benevolenza? Ha forse proibito loro di cercare il favore della gente mostrandosi ossequiosi nei loro confronti? In Oriente i saluti erano cerimoniali e complicati; Gesù voleva che i suoi discepoli fossero consapevoli dell’importanza suprema della loro missione e si dedicassero esclusivamente ad essa, senza perdere tempo in vane formalità. Matteo dice : « … degni del suo cibo », i discepoli dovevano considerarsi come membri della famiglia.

Se i discepoli, dopo aver ricevuto ospitalità in una casa, passassero in un’altra, i loro padroni di casa potrebbero interpretare questo comportamento come un segno di malcontento, una mancanza di gratitudine e di affetto; susciterebbero così gelosia. Ma dovevano portare la pace. Nel loro atteggiamento verso un’intera città, i discepoli erano guidati dagli stessi principi del loro comportamento verso ogni singola casa. Ma la responsabilità di tutte le grazie di Dio rimaneva sulla testa di questi ribelli, perché dovevano sapere che il regno di Dio era vicino. Ma la responsabilità di tutte le benedizioni di Dio rimaneva sulla testa di quei ribelli; perché dovevano saperlo, il regno di Dio si era avvicinato.

Nel Vangelo secondo Matteo, questi rimproveri alle città galileiane seguono il discorso di Gesù sul ministero di Giovanni Battista, inutile per molti. Ma la responsabilità di tutte le grazie di Dio rimaneva sulla testa di questi ribelli, perché dovevano sapere che il regno di Dio era vicino. Nel Vangelo secondo Matteo, questi rimproveri alle città galileiane seguono il discorso di Gesù sul ministero di Giovanni Battista, inutile per molti. Gesù ha visto questo come un preludio all’indurimento che si è verificato in presenza del suo stesso ministero. In Luca, queste parole, collocate alla fine dello stesso ministero in Galilea, sembrano più sorprendenti.

Luca descrive in modo sorprendente uno stato di profondo pentimento e umiliazione con le parole: « seduto in sacco e cenere », un’allusione all’usanza orientale di indossare una tunica grossolana, una sorta di cilicio, e di sedersi in cenere come segno di penitenza o di profonda afflizione. Gesù vide in questo il preludio dell’indurimento che si verificò in presenza del suo stesso ministero. In Luca, queste parole, collocate alla fine dello stesso ministero in Galilea, sembrano più sorprendenti. Luca descrive in modo sorprendente uno stato di pentimento e di profonda umiliazione con le parole: « seduto in sacco e cenere », un’allusione all’usanza orientale di indossare una tunica ruvida, una sorta di cilicio, e di sedersi in cenere, come segno di penitenza o di profonda afflizione.

Il diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti web cristiani

◊   Psallite (Italiaà : clicca qui per leggere l’articolo  →  XIV Domenica del Tempo Ordinario – anno C

◊  Madonna di Fatima    clicca qui per leggere l’articolo  →  XIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno – C

♥ Video La missione del septanta

Image de prévisualisation YouTube

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS