XVIII Sunday of Ordinary Time, Year C

Posté par diaconos le 30 juillet 2019

What you’ll have accumulated, who’ll have it ?

Gospel of Jesus Christ according to Luke

The Parable of the Rich Fool is a parable of Jesus which appears in Luke 12:16-21. It depicts the futility of the belief that wealth can secure prosperity or a good life. The parable has been depicted by artists such as Rembrandt.

The Parable of the Rich Fool is a parable of Jesus which appears in Luke 12:16-21. It depicts the futility of the belief that wealth can secure prosperity or a good life. The parable has been depicted by artists such as Rembrandt.

Luke 12:13. Then one from the crowd said to Him, « Teacher, tell my brother to divide the inheritance with me. »

14 But He said to him, « Man, who made Me a judge or an arbitrator over you? »

15 And He said to them, « Take heed and beware of covetousness, for one’s life does not consist in the abundance of the things he possesses. »

16 Then He spoke a parable to them, saying: « The ground of a certain rich man yielded plentifully.

17 « And he thought within himself, saying, ‘What shall I do, since I have no room to store my crops?’

18 « So he said, ‘I will do this: I will pull down my barns and build greater, and there I will store all my crops and my goods.

19 ‘And I will say to my soul, « Soul, you have many goods laid up for many years; take your ease; eat, drink, and be merry. » ‘

20 « But God said to him, ‘Fool! This night your soul will be required of you; then whose will those things be which you have provided?’

21 « So is he who lays up treasure for himself, and is not rich toward God. » (Lk 12,13-21)

Homely  THE PARABLE OF THE RICH FOOL

Brothers and sisters, today’s readings all point in the same direction : « Do not be mistaken in purpose ! The essential thing is not the service of money and profit, it is the service of man. It is our life that is the first and not the wealth! This life does not depend on wealth. (Lk 12,15b) And Jesus showed it by telling us a parable.

The rich landowner of whom the Gospel speaks presents the outward signs of wealth. His land had brought in a lot, his main and only concern was to know where he would be able to store his wheat, oil and wine because his warehouses had become too small.

It therefore has two objectives: to expand its outbuildings and make the most of its abundant harvests. His ideal of life is at the height of his table, bed or armchair: « Here you are with abundant reserves. for many years to come. Rest, eat, drink, enjoy life !  » (Lk 12, 19)

This man, from the parable, is a fine example of the perfect materialist : he firmly believes in happiness through matter and Jesus stigmatizes him by emphasizing his selfishness, which has at least the merit of being frank : « I will… . I will… I will…. I… I will… I will demolish… I will build… My crops, my granaries, my wheat,… I will !

But God said to him : « You’re crazy ! This very night, people are asking you for your life again. And what about the stuff you put aside that will get it ? » (Lk 12, 20) Not only does he not have the wisdom to take the measure of his days, as the psalmist says (Psalm 89), but he has built his life on the accumulation of wealth, acquired through his harshness to gain, from which he is not at all sure to benefit.

What’s the point of collecting what you won’t take with you ? You have to be smart enough to understand it at some point ! The harshness of profit is not without disastrous consequences. So, for example, how many people sacrifice everything, balance, family, present happiness to acquire the means to be happy tomorrow, if tomorrow there is ?

For the Ecclesiastes (first reading), it is a waste of time to amass wealth that will be spent by another. Experience confirms that very often a generation spends what the previous generation has laboriously amassed.

Crazy ! You fool ! All the rich man’s calculations are tragically wrong. He was completely mistaken: wealth does not give true happiness….there is no link between the abundance of our goods and true security! The Bible constantly opposes the madman to the sensible man and through this parable, Jesus also wants to make it clear that it is lacking intelligence not to know how to discern the true goods, the true meaning of life. God is the supreme good, and wisdom consists in placing everything in this perspective. The real success of a lifetime depends on it !

In his letter to the Colossians, Paul invites them to « Seek the realities from above: that is where Christ is… The purpose of your life is at the top and not on earth. (Second reading). To do this is to discover or rediscover the true meaning of life
Mad, the rich man who reduces his horizon to the earth, to his crops, his granaries, his stomach. Brothers and sisters, our lives do not end on this Earth. However, let us not distort Jesus’ thought: wealth is not bad in itself. Money can become good, if it is not only for oneself.

In summary, this page of the Gospel according to Luke is a plea for the opening of the heart. If the rich man had known how to collect the overflow of his granaries in the hands of the poor, he would have seen his heart expand and thus become rich in sight of God. (Lk 12, 21b)

And we, in order to be rich, in view of God, what conversion do we have to make: availability of life, gift of ourselves, respect for the poorest, visitors of the sick, volunteers in actions for the benefit of the most deprived, the homeless, immigrants, the abandoned…?

Michel Houyoux, permanent deacon

 Additional information

You cannot serve both God and money.

Result of a search for images for « You cannot serve both God and money » At that time, Jesus said to his disciples : « I tell you: Make friends with dishonest money, so that, the day he is no longer there, these friends may welcome you into eternal dwellings.

Résultat de recherche d'images pour "Vous ne pouvez pas servir à la fois Dieu et l’argent."He who is trustworthy in the slightest thing is trustworthy also in a great thing. He who is dishonest in the slightest thing is dishonest also in a great thing.     If you have not been trustworthy for dishonest money, who will entrust you with the true good ?

And if, as far as others are concerned, you have not been trustworthy, what is yours, who will give it to you? No servant can serve two masters : either he will hate one and love the other, or he will cling to one and despise the other. You cannot serve both God and money.

When they heard all this, the Pharisees, who loved money, derided Jesus. He then said to them: « You are among those who pretend to be righteous in the eyes of the people, but God knows your hearts; indeed, what is prestigious for people is an abominable thing in the eyes of God.  » ( Lk 16, 9-15)

This excerpt from Luke’s Gospel could lead us to believe that Jesus has something against money and work. Well, no, no, no! Jesus has nothing against money. In Nazareth, Jesus had a profession. Jesus knows from experience how to earn his living with the sweat of his brow.

Understand that Jesus does not condemn the normal use of money. On the other hand, he has no strong enough words to condemn enslavement to money. Because this enslavement is slavery. Slavery of money is the real cancer of our society. Our Western society is destroying itself under the infernal rhythm imposed by the race for wealth. Nowadays, adding up is no longer enough, we must multiply the goods.

Saint Ignatius had a Latin expression for the relationship we should have with creatures: tantum… quantum…, which could be translated as much as…, or to the extent that… He explains that in Christian life everything that is not God, everything that is not the Creator, is creature and must be used to the extent that it leads us towards God. Use creatures as much as we want, and even as much as possible, as long as we use them to go to God, as long as they lead us to God.

The time that God gives us must be used to bring us closer to Him. Material things, such as the car, clothes, computer,… must not distract us from our path to God. Make friends with dishonest money, so that when the day it is no longer there, these friends may welcome you into eternal dwellings: the same is true for friendships. Am I ready to put God in the first place in my life ?

Does everything else lead me to him? Am I ready to renounce those friends who, through their conversations, through their company, take me away from God? Do my husband and wife help me to reach God? What am I doing to help my wife, my husband to get closer to God ?

He who is trustworthy in the slightest thing is trustworthy also in a great thing: this sentence, a proverbial expression of a truth of experience, serves as an introduction to the following verse, where we see that the smallest things are the goods of the earth, and that the great ones are the spiritual goods of the soul.

You cannot serve both God and money: Jesus declares that this is morally impossible, and that thus, whoever wants to serve money excludes himself from God’s service. (Lk 16,13) The Pharisees, because they were friends of money, were determined not to abandon it but for Jesus this service excluded them from God’s, their pride was irritated, and they took revenge by laughing at him.

The poverty of Jesus and his followers was undoubtedly the subject of their mockery. This shows us how much disbelief and frivolity could be combined with the serious character these men were affecting. God is not mocked; for what a man sows, he will also reap.

The true answer to their unholy sarcasm will be the parable of the evil rich,  one of the most severe that Jesus pronounced. The poverty of Jesus and his adherents was undoubtedly the subject of their mockery. This trait shows us what degree of disbelief and frivolity could be combined with a serious character

External links to other sites

The Wealth God Provides : meeting with Christ → The parable of the rich fool

◊ Northern  Seminay : click here → You Fool (Luke 12,13-21)

◊  Commentary by Meda Stamper : click here →  The parable of rich fool

Life Does Not Consist in Abundance of Possessions

 Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Homélies, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

XVIII Domenica del tempo ordinario – Anno C

Posté par diaconos le 29 juillet 2019

Dal Vangelo secondo Luca

L’anno liturgico va di pari passo con l’anno agricolo: è tempo di vendemmia e la vigna è l’ambiente fisso di queste ultime domeniche

L’anno liturgico va di pari passo con l’anno agricolo: è tempo di vendemmia e la vigna è l’ambiente fisso di queste ultime domeniche

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù : « Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità ». Ma egli rispose : ‘O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi ? ».

E disse loro : « Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede ».

Poi disse loro una parabola : « La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante.

Egli ragionava tra sé ‘Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti ? ´Farò così disse : « demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso ´Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti !´.

Ma Dio gli disse : “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà ?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio ».  (Lc 12, 13-21)

Omelia     Non fraintendetemi !

Fratelli e sorelle, le letture di oggi puntano tutte nella stessa direzione : « Non vi sbagliate nello scopo ! L’essenziale non è il servizio del denaro e del profitto, è il servizio dell’uomo. E’ la nostra vita che è la prima e non la ricchezza ! Questa vita non dipende dalla ricchezza. (Lc 12,15b) E Gesù ce l’ha mostrato dicendoci una parabola.

Il ricco proprietario terriero di cui parla il Vangelo presenta i segni esteriori della ricchezza. La sua terra aveva portato molto, la sua principale e unica preoccupazione era quella di sapere dove avrebbe potuto conservare il grano, l’olio e il vino perché i suoi magazzini erano diventati troppo piccoli.

Ha quindi due obiettivi: ampliare i suoi annessi e sfruttare al meglio i suoi abbondanti raccolti. Il suo ideale di vita è all’altezza del tavolo, del letto o della poltrona: « Eccoti qui con abbondanti riserve. per molti anni a venire. Riposare, mangiare, bere, godersi la vita!  » (Lc 12, 19)

Quest’uomo, dalla parabola, è un bell’esempio di perfetto materialista: crede fermamente nella felicità attraverso la materia e Gesù lo stigmatizza sottolineando il suo egoismo, che ha almeno il merito di essere franco: « Io….. Io…. io…. io…. io…. io…. io… io… io… demolirò… costruirò… i miei raccolti, i miei granai, il mio grano,… lo farò !

Ma Dio gli disse : « Sei pazzo! Proprio questa notte, la gente ti chiede di nuovo la tua vita. E la roba che metti da parte per ottenerla? « . (Lc 12,20) Non solo non solo non ha la saggezza per misurare i suoi giorni, come dice il salmista (Salmo 89), ma ha costruito la sua vita sull’accumulo di ricchezze, acquisite con la sua durezza per guadagnare, di cui non è affatto sicuro di trarre beneficio.

Che senso ha raccogliere quello che non porterai con te ? Devi essere abbastanza intelligente per capirlo ad un certo punto ! La durezza del profitto non è priva di conseguenze disastrose. Quindi, per esempio, quante persone sacrificano tutto, equilibrio, famiglia, felicità presente per acquisire i mezzi per essere felici domani, se domani c’è ?

Per gli ecclesiastici (prima lettura), è una perdita di tempo per accumulare la ricchezza che sarà spesa da un altro. L’esperienza conferma che molto spesso una generazione trascorre ciò che la generazione precedente ha faticosamente accumulato. Pazzesco ! Stupido ! Tutti i calcoli del ricco sono tragicamente sbagliati. Si sbagliava completamente: la ricchezza non dà la vera felicità…..non c’è alcun legame tra l’abbondanza dei nostri beni e la vera sicurezza !

La Bibbia oppone costantemente il pazzo all’uomo sensibile e, attraverso questa parabola, Gesù vuole anche far capire che manca l’intelligenza per non saper discernere i veri beni, il vero senso della vita. Dio è il bene supremo e la saggezza consiste nel mettere tutto in questa prospettiva. Il vero successo di una vita dipende da questo !

Nella sua lettera ai Colossesi, Paolo li invita a « Cercate le realtà dall’alto: ecco dove si trova Cristo….. Lo scopo della vostra vita è in alto e non sulla terra. (Seconda lettura). Fare questo è scoprire o riscoprire il vero significato della vita. Mad, il ricco che riduce il suo orizzonte alla terra, ai suoi raccolti, ai suoi granai, al suo stomaco. Fratelli e sorelle, le nostre vite non finiscono su questa terra. Ma non distorciamo il pensiero di Gesù: la ricchezza non è male di per sé. Il denaro può diventare buono, se non è solo per se stessi.

In sintesi, questa pagina del Vangelo secondo Luca è un appello per l’apertura del cuore. Se il ricco avesse saputo raccogliere nelle mani dei poveri il trabocco dei suoi granai, avrebbe visto il suo cuore espandersi e diventare così ricco davanti a Dio. (Lc 12:21b)  E noi, per essere ricchi, in vista di Dio, quale conversione dobbiamo fare: disponibilità di vita, dono di noi stessi, rispetto per i più poveri, visitatori dei malati, volontari in azioni a favore dei più bisognosi, dei senzatetto, degli immigrati, degli abbandonati ?

Michel Houyoux, diacono permanente

Informazioni complementari

Non puoi servire Dio e il denaro

Résultat de recherche d'images pour "Vous ne pouvez pas servir à la fois Dieu et l’argent." Dishonest money è la traduzione di un’espressione che significa letteralmente « Mammona Iniqua ». Mammon era un idolo del mondo antico che simboleggia l’amore per il denaro.

Il denaro, una realtà creata utile all’uomo per i suoi scambi, abusato, ha un potere corrotto per il cuore dell’uomo. Gli permette di dimenticare Dio. Lasciarsi ossessionare da essa e vedere nel denaro i mezzi per soddisfare la nostra esistenza significa sottomettersi a questo potere di corruzione.

Al contrario, vedere in esso un semplice mezzo che può essere messo al servizio del regno permette di rimanere libero nei suoi confronti. Come gestiamo i nostri beni? Come li mettiamo al servizio del regno ?

A Nazareth, Gesù aveva una professione. Gesù sa per esperienza come guadagnarsi da vivere con il sudore della fronte. Capire che Gesù non condanna il normale uso del denaro. D’altra parte, non ha parole abbastanza forti per condannare la schiavitù al denaro.

Perché questa schiavitù è schiavitù. La schiavitù del denaro è il vero cancro della nostra società. La nostra società occidentale si sta distruggendo sotto il ritmo infernale imposto dalla corsa alla ricchezza.  Al giorno d’oggi, aggiungere non è più sufficiente, è necessario aumentare il proprio patrimonio.

Sant’Ignazio aveva un’espressione latina per il rapporto che dovremmo avere con le creature : tantum…. quantum…., che potrebbe essere tradotto quanto…, o nella misura in cui…. Spiega che nella vita cristiana tutto ciò che non è Dio, tutto ciò che non è il Creatore, è creatura e deve essere usato nella misura in cui ci conduce verso Dio. Usa le creature quanto vogliamo, e anche il più possibile, purché le usiamo per andare a Dio, purché ci conducano a Dio. Il tempo che Dio ci dà deve essere utilizzato per avvicinarci a Lui. Le cose materiali, come l’auto, i vestiti, il computer,…… non devono distrarci dal nostro cammino verso Dio.

Fare amicizia con soldi disonesti, in modo che quando il giorno non c’è più, questi amici vi accolgano in dimore eterne: lo stesso vale per le amicizie. Sono pronto a mettere Dio al primo posto nella mia vita? Tutto il resto mi porta a lui? Sono pronto a rinunciare a quegli amici che, attraverso le loro conversazioni, attraverso la loro compagnia, mi portano via da Dio? Mio marito e mia moglie mi aiutano a raggiungere Dio? Cosa sto facendo per aiutare mia moglie, mio marito ad avvicinarsi a Dio ?

Chi è affidabile nella minima cosa è affidabile anche in una grande cosa: questa frase, espressione proverbiale di una verità dell’esperienza, serve come introduzione al versetto seguente, dove vediamo che le cose più piccole sono i beni della terra, e che i grandi sono i beni spirituali dell’anima.

Non puoi servire Dio e il denaro: Gesù dichiara che ciò è moralmente impossibile, e che così, chi vuole servire il denaro si esclude dal servizio di Dio. (Lc 16,13) I Farisei, amici del denaro, erano determinati a non abbandonarlo (versetto 13) ma per Gesù questo servizio li escludeva da quelli di Dio, il loro orgoglio era irritato e si vendicarono ridendo di lui.

La povertà di Gesù e dei suoi seguaci era senza dubbio il soggetto della loro derisione. Questo ci mostra quanto l’incredulità e la frivolezza possano essere combinate con il carattere serio che questi uomini stavano colpendo. Dio non è preso in giro, perché ciò che un uomo semina, lo raccoglierà anche lui.

La vera risposta al loro malvagio sarcasmo sarà la parabola dei malvagi ricchi, (versetto 19 e seguenti) una delle più severe che Gesù ha pronunciato (La povertà di Gesù e dei suoi seguaci è stata senza dubbio il soggetto della loro derisione. Questo tratto ci mostra quanto l’incredulità e la frivolezza possano essere combinate con il carattere serio di questi uomini colpiti.

Collegamenti esterni

◊ Riflessione →  Quello che hai preparato di chi sarà ? (Lc 12, 13-21)

◊ Lectio Divina → 18ª Domenica del tempo ordinario (C)

♥  XVIII Domenica del tempo ordinario – Anno C

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Enseignement, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Chi ascolta la Parola e la capisce porta frutto

Posté par diaconos le 26 juillet 2019

La parabola del seminatore.png  150Vangelo di Matteo : La parabola del seminatore

18 Voi, dunque, incominciate ad ascoltare la parabola del seminatore. 19 Ognuno che ascolta la Parola del Regnoe non la comprende,viene il malignoe ruba il seminato nel suo cuore.

Questo è il seme seminatolungo la strada. 20 Quello seminato nel terreno sassosoè colui che subito l’accoglie con gioia,ma non ha radice in sé ed è incostante. 21 Quando succede una tribolazioneo persecuzionea causa della Parola,subito si scandalizza.

22 Quello seminato tra le spine è chi ascolta la Parolae la preoccupazione del mondo,l’inganno della ricchezzasoffocano la Parolae diventa senza frutto. 23 Quello seminato sulla terra bella è chi ascolta la Parola e la comprende, questi dà frutto e fa ora il cento, ora il sessanta, ora il trenta. (Mt 13, 18-23)

Omelia     Ascoltare e comprendere la Parola di Dio

La parabola del seminatore è un testo ricco di insegnamenti. Come al solito, Gesù aveva appena lucidato con i farisei e quelli che li seguivano; voleva cambiare il cuore di questo popolo che aveva bloccato le orecchie, questo popolo che chiudeva il cuore e la mente alla comprensione della Parola di Dio. L’urgenza della conversione merita una pedagogia semplice e adattata al pubblico. È questo testo che la liturgia di oggi ci propone.

Quando Gesù si è rivolto ai suoi interlocutori, ha usato un linguaggio semplice e concreto; il Vangelo di oggi ne è un esempio. Gesù si rivolgeva alle persone di campagna abituate a lavorare la terra e raccontava loro quella che era una parte importante della loro vita: la coltivazione del grano, con la semina, e il raccolto che seguiva.

Attraverso questa parabola, Gesù ha aperto le menti dei suoi discepoli e ascoltatori ad un’altra realtà: l’accettazione della sua Parola e la gioia del Regno dei Cieli. E sta parlando anche con noi oggi. Gesù vuole che noi comprendiamo l’immensità della generosità di Dio. Dà il suo amore e la sua grazia in abbondanza e gratuitamente.

Il dono gratuito della sua grazia richiede da parte nostra un atteggiamento di ascolto e di accoglienza. Dio, per mezzo di Gesù, ci fa dono della sua Parola di vita. Lasciamoci impregnare dell’amore che ci rivela, cerchiamo di essere fecondi attraverso di esso e, gradualmente, adattiamo la nostra vita ad esso. Sì, si tratta di comprenderlo, di saper riconoscere in esso sia l’amore che Dio ci dice, sia la responsabilità che ci affida per annunciarlo a nostra volta. Amen

Il diacono permanente Michel Houyoux

Informazioni complementari

Chi riceve la Parola di Dio e la capisce, porterà molti frutti.

Davanti ad una folla numerosa che era venuta ad ascoltarlo, Gesù parlò di un seminatore che era uscito a seminare. Alcuni chicchi caddero lungo la strada, altri su terreni sassosi, altri in rovi e altri caddero in un buon terreno. Si capisce rapidamente quali grani produrranno piante bellissime e poi un buon raccolto.

2000 anni fa, in Galilea (la terra di Gesù), alcuni vivevano di lavoro sul campo come il seminatore di questa storia….. A quel tempo, la gente seminava al volo e il seme cadeva ovunque….. Ancora oggi, nelle regioni povere, la gente lavora ancora in questo modo e i raccolti sono piuttosto scarsi.

Il seminatore del Vangelo di Matteo che semina ad ogni vento è Gesù che, attraverso questa storia, ci racconta di se stesso e della missione che compie tra gli uomini. La missione di Gesù è seminare nel tempo e contro il tempo perché è così che il regno di Dio si avvicina agli uomini.

Attraverso questa storia, Gesù ci insegna che la sua Parola e i suoi sacramenti sono chiamati a svilupparsi in noi, a portare frutto. Nel seme seminato, tutto è già lì perché l’albero attecchisca e cresca….. ma, allo stesso tempo, è necessario che la terra sia preparata, annaffiata, mantenuta…. Gesù si aspetta da noi una risposta piena di amore. La nostra risposta sarà la vita che condurremo.

Tuttavia, nella parabola del seminatore, c’è qualcosa di tragico: tanto seme perduto! così tante parole rifiutate o combattute! Il seminatore ha perso tempo per niente?

« Altri caddero sulla buona terra e diedero la frutta al ritmo di cento, o sessanta, o trenta a uno.  Chi ha le orecchie, fa’ che senta! « (Mt 13:8-9)

È una straordinaria lezione di speranza che Gesù ci dà qui. Nonostante tutti i fallimenti, si farà un raccolto. Papà e madri, voi che vedete tante difficoltà nei vostri figli, non smettete di lanciare il seme. Giovani, giovani ragazze che non sono ancora riuscite in nessuno dei vostri sforzi, ascoltate questo messaggio ottimista e realistico di Gesù. Il nostro mondo di oggi ha ancora bisogno di questo messaggio di duemila anni fa.

Gesù semina ostinatamente, è certo che, nonostante le inevitabili perdite, il seme darà frutto; egli sa che, come dice il profeta Isaia, la Parola di Dio non esce dalla bocca del Signore senza compiere ciò che ha detto. (Is 55, 11)

Per ricevere il messaggio di questo Vangelo, dobbiamo essere pronti ad ascoltarlo bene. Ascoltarla è unirci a tutti coloro che si riuniscono intorno a Cristo, attenti alla sua Parola. L’ostacolo maggiore alla ricezione del messaggio evangelico è l’indurimento del cuore. Pregare è unirci alla Parola di Dio che ci viene detta.

Dietro la persona che ascolta la parola di Dio, c’è un nemico formidabile che Gesù chiama il maligno: « Quando l’uomo ascolta la parola del Regno senza comprenderla, il maligno viene e afferra ciò che è seminato nel suo cuore: quest’uomo è il terreno seminato lungo il cammino. « (Mt 13:19). La fede non ha cominciato a germogliare con i non credenti.

« Chi ha ricevuto il seme su un terreno pietroso è l’uomo che ascolta la Parola e la riceve subito con gioia; 21 ma non ha radici in lui, è l’uomo di un momento » (Mt 13,20-21a). È secondo Gesù il credente che ha dei difetti, è lui o lei che ha abbandonato la sua fede, come dice San Luca nel suo Vangelo: « Coloro che sono nelle pietre, quando ascoltano, accolgono la Parola con gioia; ma non hanno radici, credono per un momento, e, nel momento della prova, si abbandonano ». (Lc 8,13) Essere entusiasti di Gesù quando tutto va bene e abbandonarlo quando tutto va male, è una situazione abbastanza frequente, ahimè!

Chi riceve il seme nei rovi è, secondo Gesù, colui che si lascia trasportare dall’atmosfera di incredulità che lo circonda. Qui la fede è gradualmente anemica, soffocata: tutto il resto ha preso il sopravvento.

Infine, coloro che hanno ricevuto il seme nella terra buona sono coloro che ascoltano la Parola di Dio e la comprendono: « Colui che ha ricevuto il seme nella terra buona è l’uomo che ascolta la Parola e la capisce ; porta frutto al ritmo di cento, o sessanta, o trenta. « (Mt 13:23)

Fratelli e sorelle, il Signore ha seminato oggi nella vostra casa qui a. il mio desiderio è che anche voi possiate portare frutti al ritmo di 30 – 60 o 100 a uno.

Collegamenti esterni

◊ Verità Bibliche → La parabola del seminatore – Verità Bibliche

◊ Qumrân.net → Il seminatore

dal Vangelo di Luca, la parabola del seminator

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, homélies particulières, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO | Pas de Commentaire »

Ma coupe, vous la boirez

Posté par diaconos le 25 juillet 2019

Jeudi 25 juillet 2019

images.png  140

Évangile de Jésus Christ selon saint Matthieu

En ce temps-là, la mère de Jacques et de Jean, fils de Zébédée, s’approcha de Jésus avec ses fils Jacques et Jean, et elle se prosterna pour lui faire une demande. Jésus lui dit :  » Que veux-tu ? » Elle répondit :  » Ordonne que mes deux fils que voici siègent, l’un à ta droite et l’autre à ta gauche, dans ton Royaume. » Jésus répondit :  » Vous ne savez pas ce que vous demandez. Pouvez-vous boire la coupe que je vais boire ? « .
Ils lui disent :  » Nous le pouvons.  » Il leur dit :  » Ma coupe, vous la boirez ; quant à siéger à ma droite et à ma gauche, ce n’est pas à moi de l’accorder ; il y a ceux pour qui cela est préparé par mon Père. » Les dix autres, qui avaient entendu, s’indignèrent contre les deux frères. Jésus les appela et dit :  » Vous le savez : les chefs des nations les commandent en maîtres, et les grands font sentir leur pouvoir. Parmi vous, il ne devra pas en être ainsi : celui qui veut devenir grand parmi vous sera votre serviteur ; et celui qui veut être parmi vous le premier sera votre  esclave. Ainsi, le Fils de l’homme n’est pas venu pour être servi, mais pour servir, et donner sa vie en rançon pour la multitude. » (Mt 20, 20-28)

Homélie

Quel éclairage renouvelé, recevons-nous, aujourd’hui, de ce dialogue entre Jésus, les fils de Zébédée et leur mère ? Ces persones demandèrent des places, avec insistance dans le Royaume des cieux… La mère se prosterna, elle s’imposa à Jésus…  En réponse, il y eut un appel dans le « Pouvez-vous  » que Jésus adressa aux deux frères.

Cette scène nous enseigne deux choses au moins : la réactivité et la démarche de Jésus pour que l’autre se transforma. Il est clair  que Jésus chercha le contact. Jésus demanda à la mère : « Que veux-tu ? « , la poussant à parler puis il interrogea les fils en les mettant ainsi en avant : « Pouvez-vous boire à la coupe que je vais boire ? « .

Jésus n’eut pas peur d’aller vers la clarification en s’adressant aux bonnes personnes, en leur posant les bonnes questions  ;  la clarification, c’est ce que dit Jésus après la réponse large et généreuse des deux frères : « Nous le pouvons. « . Jésus dit : Ma coupe, vous y boirez. » Il y eut ensuite la réaction des dix autres.

Que voulut faire comprendre Jésus en disant :  » Ma coupe, vous y boirez « ? Sa réponse peut-elle éclairer notre propre chemin ?  Boire à la coupe du Christ est une évocation de la  coupe eucharistique,  et une manifestation du chemin pascal que devra suivre toute  personne qui souhaitera suivre Jésus.

Le chemin que Jésus nous propose est un chemin qui libère de la tentation du pouvoir, qui toujours tend à être muet, secret, instrumentalisant l’autre, le réduisant à néant.  Ce qui sauva les deux frères, c’est que tout fut dit, ouvert, révélé. Ils furent libres de devenir par rapport à eux-mêmes, par rapport à ce qu’ils étaient en vérité… Les dix suivirent le même chemin.

C’est cela qui se joue lorsque je me mets sous le regard et la parole du frère… Je deviens pauvre, je me reconnais démuni, sans défense mais libre et désirant, ne cherchant plus à obtenir des autres mais je cherche à me donner moi-même, à devenir, à aimer et non à obtenir ou à acquérir.

Je suis porté par l’autre. Je prends le chemin de Jésus. Il ne chercha pas à travailler de l’extérieur sur l’autre. Il  assuma la situation qui fut la sienne, la situation humaine, se laissant transformer par elle, se donnant, se recevant du Père… Et par cela il rendit possible la transformation de l’autre en le portant, en lui donnant de boire à la même coupe pleinement. Amen

Diacre Michel Houyoux.

Complément

◊  Catéchèse : cliquez ici pour lire → Celui qui veut être le premier sera l’esclave de tous. (Mc 10, 44)

Liens externes

◊ Jean-Yves  : cliquez ici pour lire → Pouvez-vous boire à la coupe que je vais boire ?

Enseignement – Pouvez vous boire la coupe ?

Image de prévisualisation YouTube

 

Publié dans Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

1...34567...210
 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS