Do not prevent the children from coming to me, for the kingdom of Heaven is for those who are like them

Posté par diaconos le 18 août 2019

Let the children come to me,

Let the children come to me,

 

Holy Gospel of Jesus Christ according to Saint Matthew

Children were brought to Jesus that he might lay his hands on them and pray. The disciples rebuked them, but Jesus said, “Let the children come to me, and do not prevent them; for the kingdom of heaven belongs to such as these.” After he placed his hands on them, he went away. (Mt 19,13-15)

Homily

People presented children to Jesus for him to lay his hand on them. Jesus welcomed and blessed them (Mt 19:13-15; Lk 18:15-17; Mk 10:13-16). The blessing that accompanies it is a habitual gesture of the rabbis. It is a gift from God. His blessing always brings life to life.

For Israel, fertility was a sign of God’s blessing : « Crown of the elders, their little children » (Prov 1, :6)  ; « Your sons, around the table, are like olive trees. « (Ps 127 k, 3) The biblical authors did not forget that the child was an unfinished being and that it was important to educate him firmly : « Madness clings to the hea rt of the young child. «  (Pr 22, 15)

From the Old Testament, because of his weakness, the child appears as a privileged of God. The Lord himself is the protector of orphans: « Father of orphans, defender of widows, such is God in his holy abode.  » (Ps 67, 6) and the children praised him: « Your splendor is sung up to the heavens through the mouths of children, of the little ones.  » (Ps 8, 2)

The psalmist used the image of the little child to show his confident abandonment to the Lord : « My soul is in me like a child, like, a little child against his mother.  » (Ps 130, 2) God did not hesitate to choose the smallest, a child, the youngest to accomplish his mission. God manifested himself to the young Samuel in the Temple of Silo (1S,  3), he became a prophet. David, the youngest of the siblings, became king of Israel. (1S 16 and following). Young Daniel was wiser than the elders and saved Suzanne from death as a result of false testimony. (Dan 13).

In Jesus’ time, children were the object of contempt and rejection by adults. On the one hand they were mouths to feed in a world where poverty reigned, on the other hand, they were still ignorant of the Law of Moses, so they were treated as outlaws.

It was through a newborn baby, Jesus, that God visited and redeemed his people. (Lk 2, 68).  God became man: it is the Incarnation. Luke, in his Gospel, gave the stages of Jesus’ growth: the newborn child of the manger (Lk 2, 4-7), the little child presented to the Temple (Lk 2, 22-40), a child submitted to his parents and yet mysteriously in dependence with his Father.

As an adult, Jesus adopted the same behaviour as God his Father towards children. By blessing the children, he revealed that they were like the poor, on the same level as they entered the Kingdom. The true disciples are those little ones to whom the Father revealed the mysteries of the Kingdom (Mt 11, 25).

« Amen, I tell you :  if you do not change to become like children, you will not enter the kingdom of Heaven. But he who makes himself small as a child, this one is the greatest in the Kingdom of Heaven. And whoever welcomes a child like this in my name, he welcomes me.  » (Mt 18, 4-5)

« Let the children come to me, do not hinder them, for the kingdom of God is to those who are like them. « (Mk 10:14b) Faith is first and foremost a gift from God. And Christ is the only mediator, who leads to God. Made participants in this mission, parents, animators of awakening to the faith…. our task is first and foremost that of witness.

The child is a sign of abandonment, trust, wonder, spontaneity, simplicity: these are necessary conditions for entering the Kingdom and adults have often lost them. It is the people who look like the little ones who will benefit. Jesus constantly showed his disciples, who also expressed their desire for greatness (Mk 9, 34; Mt 20, 21), that it was necessary to abandon their pretense and become small, humble, in order to learn to receive everything from God and live by his love: this condition is the gateway to the Kingdom.

Through his blessing Jesus opens the Kingdom of God to children, to the little ones, they are called to enter into the closeness of God… first. Who are these little ones today? They are often the same as those of Jesus’ time: children, the sick, the handicapped, strangers, women… God opens His Kingdom to all those who are close to the little ones.

Jesus in Matthew’s Gospel tells us about his return in glory and – the judgment (Mt 25, 31-46) : « Come, the blessed of my Father, receive as your inheritance the Kingdom prepared for you from the foundation of the world. For I was hungry, and you gave me food… I tell you this: every time you did it to one of these little brothers of mine, you did it to me.  » (Mt 25:34… 40).

The criteria of the Kingdom are not those of the world. The little child, in his addiction can make us see it.

Michel Houyoux, permanent deacon

Additional information

« Children were presented to Jesus to make him touch them » (Mk 10:13a). Mark says nothing about their age and does not give the reason why we want Jesus to touch them. The frankly hostile attitude of the disciples (Mk 10:13b) offends us.

Why do his followers want to drive them away ? The reason is to be found in the mores of that time: children are the object of contempt on the part of adults. In Jesus’ time, the child is first of all, because of his smallness, poverty and ignorance of the Law of Moses, an outcast like the sick, women and slaves.

Jesus offers us the treasures of his heart. He marvels at a life that begins full of possibilities. He discovers the image of his Father in all the children he has been introduced to. How could Jesus, who asks us to hope, forget that children are also our hope ?

Let us forget our wisdom, our sufficiency and the bitterness of our past experiences, in order to receive God’s gifts and to welcome his life-giving words, in the wonder and simplicity of a child. (Mk 10, 15)

Do we have to become like children to follow Jesus ?

What interests us here in the image of the child (Mk 10, 15) are the qualities that are expected of the disciple of Jesus and that the image of the child can help us discover.

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Here are three qualities of the child that invite us to be like him in order to enter the Kingdom of Heaven.

  1. First of all, trust, a trust that makes him turn to his father or mother without fear, who sees him take refuge on their lap, sometimes begging them, falling asleep in their arms. This is the case with the acceptance of the Kingdom of God, which is above all the acceptance of a person.
  2. Then, addiction: the child needs his or her parents, those around him or her, where he or she expects everything from others (clothing, food, love, affection). Well, we are in a similar situation: « We did not love God, he loved us and sent his Son as an expiatory victim for our sins.  » (1 Jn 4:7-11).  Isn’t that what happens to the child? He depends, he receives, he welcomes the love of his parents.
  3. Wonder: the child who marvels at his father’s skill at throwing his line fishing, who learns with his mother to play an instrument, who feels touched and fulfilled because people are interested in him despite his smallness, his young age and who will express his gratitude by offering a clumsy flower picked or a naive drawing sometimes.

In front of God, we are, like the child, amazed by what He gives us, « since love comes from God » (1 Jn 4:7) and because He allows us to love one another. Amazed and grateful because this gift is free, without merit on our part. This is what made St. Theresa of the Child Jesus say: « We do not have to become children, we are ».

God’s liberating love is free. He willingly offers himself, even before he is begged. He is active and sensitive towards each person. He is attentive to our sorrows, our miseries, our anxieties.

The gratuity of God’s love springs forth in a continuous stream of forgiveness offered. He would like them to be received as a tenderness, as a kiss of friendship that gives peace to our hearts. God’s love has all the gratuitousness of maternal love.

Jesus said → « Let the children come to me. Do not prevent them, for the kingdom of God is to those who are like them.   » (Mk 10, 14)

A sweet reproach that says a lot about Jesus. His first reaction, his first reflex is to be welcomed.

For Jesus, people of any kind are important. Whether they are children, women like the Samaritan woman or less commendable people like the publicans of that time, they all have an extreme value for Jesus. He really loves them with a love that comes from God. Through him, God’s love for us is manifested because God sent his only Son into the world so that we could live through him.

External links to other sites

◊ Luke’s Gospel : click here → Little Children Come to Jesus

◊ Rich Deem  : click here → What Happens to Infants and Children Who Die ?

Let the Little Children Come to Me

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Enseignement, homélies particulières, Méditation, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Non impedire ai bambini di venire da me, perché il regno dei cieli è per coloro che sono come loro.

Posté par diaconos le 17 août 2019

Sabato 17 agosto 2019

 Non impedire ai bambini di venire da me, perché il regno dei cieli è per coloro che sono come loro

 

Laissez venir à moi ls enfants
Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

 

Dal Vangelo secondo Matteo 19,13-15
In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse ; ma i discepoli li sgridavano. Gesù però disse loro : “Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli”. E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì.

Omelia   Non impedire ai bambini di venire da me

La gente ha presentato i bambini a Gesù perché lui li appoggiasse la sua mano su di loro. Gesù li ha accolti e benedetti (Mt 19,13-15 ; Lc 18,15-17 ; Mc 10,13-16). La benedizione che la accompagna è un gesto abituale dei rabbini. E’ un dono di Dio. La sua benedizione dà sempre vita alla vita.

Per Israele, la fertilità era un segno della benedizione di Dio : « Corona degli anziani, i loro figlioli » (Prov 17,6) ; « I tuoi figli, intorno alla tavola, sono come gli ulivi. «  (Sal 127,3) Gli autori biblici non dimenticarono che il bambino era un essere incompiuto e che era importante educarlo con fermezza : « La follia si aggrappa al cuore del bambino piccolo.  » (Pr 22:15)

Dall’Antico Testamento, a causa della sua debolezza, il bambino appare come un privilegiato di Dio. Il Signore stesso è il protettore degli orfani : « Padre degli orfani, difensore delle vedove, tale è Dio nella sua santa dimora. « (Sal 67,6) e i bambini lo lodavano: « Il tuo splendore è cantato fino al cielo attraverso le bocche dei bambini, dei piccoli.  » (Sal 8,2)

Il salmista usa l’immagine del bambino per mostrare al Signore il suo fiducioso abbandono : « La mia anima è in me come un bambino, come un bambino, come un bambino piccolo contro sua madre. « (Sal 130,2) Dio non ha esitato a scegliere il più piccolo, un bambino, il più giovane per compiere la sua missione. Dio si è manifestato al giovane Samuele nel Tempio di Silo (1S 3), è diventato profeta. Davide, il più giovane dei fratelli, divenne re d’Israele. (1S 16 e seguenti). Il giovane Daniel era più saggio degli anziani e salvò Suzanne dalla morte come risultato di una falsa testimonianza. (Dan 13).

Ai tempi di Gesù, i bambini erano oggetto di disprezzo e rifiuto da parte degli adulti. Da un lato erano bocche da sfamare in un mondo dove regnava la povertà, dall’altro lato erano ancora ignoranti della Legge di Mosè, per cui furono trattati come fuorilegge.

È attraverso un bambino appena nato, Gesù, che Dio ha visitato e riscattato il suo popolo. (Lc 2:68).  Dio si è fatto uomo: è l’Incarnazione. Luca, nel suo Vangelo, ha dato le tappe della crescita di Gesù : il neonato figlio della mangiatoia (Lc 2,4-7), il piccolo bambino presentato al Tempio (Lc 2,22-40), un bambino sottomesso ai genitori ma misteriosamente dipendente dal Padre (2,41-52).

Da adulto, Gesù adottò lo stesso comportamento di Dio suo Padre verso i figli. Benedicendo i bambini, ha rivelato che erano come i poveri, allo stesso livello in cui sono entrati nel Regno. I veri discepoli sono quei piccoli ai quali il Padre ha rivelato i misteri del Regno (Mt 11, 25).

« Amen, ti dico: se non cambiate per diventare come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Ma colui che si fa piccolo come un bambino, questo è il più grande del Regno dei Cieli. E chiunque accoglie un bambino come questo a mio nome, dà il benvenuto a me.  » (Mt 18:4-5)

« Lasciate che i bambini vengano da me, non ostacolateli, perché il regno di Dio è per coloro che sono come loro.  » (Mc 10,14b) La fede è prima di tutto un dono di Dio. E Cristo è l’unico mediatore, che conduce a Dio. Ha reso partecipi di questa missione, genitori, animatori del risveglio alla fede…… il nostro compito è prima di tutto e soprattutto quello della testimonianza.

Il bambino è segno di abbandono, fiducia, meraviglia, meraviglia, spontaneità, semplicità: queste sono le condizioni necessarie per entrare nel Regno e spesso gli adulti li hanno persi. Sono le persone che assomigliano ai piccoli che ne beneficeranno. Gesù mostrò costantemente ai suoi discepoli, che esprimevano anche il loro desiderio di grandezza (Mc 9,34 ; Mt 20,21), che era necessario abbandonare la loro pretesa e diventare piccoli, umili, per imparare a ricevere tutto da Dio e vivere del suo amore: questa condizione è la porta del Regno.

 

Conclusione
Attraverso la sua benedizione Gesù apre il Regno di Dio ai bambini, ai più piccoli, che sono chiamati ad entrare nella vicinanza di Dio…..prima di tutto. Chi sono questi piccoli oggi? Sono spesso le stesse del tempo di Gesù: i bambini, gli ammalati, gli handicappati, gli stranieri, le donne….. Dio apre il suo Regno a tutti coloro che sono vicini ai più piccoli.

Gesù nel Vangelo di Matteo ci parla del suo ritorno nella gloria e – il giudizio : « Vieni, benedetto dal Padre mio, ricevi in eredità il Regno preparato per te dalla fondazione del mondo. Perché avevo fame, e mi hai dato da mangiare….. Ti dico questo: ogni volta che l’hai fatto a uno di questi miei fratellini, l’hai fatto a me.  » (Mt 25:34….40).
I criteri del Regno non sono quelli del mondo. La bambina, nella sua dipendenza, può farcela vedere.

Il diacono pzemanente Michel Houyoux

Informazioni complementari

« I bambini sono stati presentati a Gesù per farli toccare » (Mc 10,13a). Marco non dice nulla della loro età e non dà il motivo per cui vogliamo che Gesù li tocchi. L’atteggiamento francamente ostile dei discepoli (Mc 10,13b) ci offende. Perché i suoi seguaci vogliono portarli via ?

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

La ragione è da ricercare nei costumi di quel tempo: i bambini sono oggetto di disprezzo da parte degli adulti. Ai tempi di Gesù, il bambino è prima di tutto, per la sua piccolezza, povertà e ignoranza della Legge di Mosè, un emarginato come i malati, le donne e gli schiavi. Gesù ci offre i tesori del suo cuore. Si meraviglia di una vita che inizia piena di possibilità. Scopre l’immagine del Padre in tutti i figli che gli sono stati presentati.

Come può Gesù, che ci chiede di sperare, dimenticare che i bambini sono anche la nostra speranza ? Dimentichiamo la nostra saggezza, la nostra sufficienza e l’amarezza delle nostre esperienze passate, per ricevere i doni di Dio e accogliere le sue parole vivificanti, nella meraviglia e nella semplicità di un bambino. (Mk 10, 15)

Dobbiamo diventare come bambini per seguire Gesù ? Ciò che ci interessa qui a immagine del bambino (Mc 10,15) sono le qualità che ci si aspetta dal discepolo di Gesù e che l’immagine del bambino può aiutarci a scoprire.

  Ecco tre qualità del bambino che ci invitano ad essere come lui per entrare nel Regno dei Cieli.

  1. Prima di tutto, la fiducia, una fiducia che lo porta a rivolgersi al padre o alla madre senza paura, che lo vede rifugiarsi sulle loro ginocchia, a volte pregandoli, addormentandosi tra le loro braccia. È il caso dell’accettazione del Regno di Dio, che è soprattutto l’accettazione di una persona.
  2. Poi, la dipendenza : il bambino ha bisogno dei suoi genitori, di quelli che lo circondano, dove si aspetta tutto dagli altri (vestiti, cibo, amore, affetto). Ebbene, ci troviamo in una situazione simile : « Non abbiamo amato Dio, ci ha amato e ha mandato suo Figlio come vittima espiatoria dei nostri peccati. « (1 Gv 4, 7-11).  Non e’ quello che succede al bambino? Dipende, riceve, accoglie l’amore dei suoi genitori.
  3. Meraviglia : il bambino che si meraviglia della bravura del padre nel lanciare la sua lenza da pesca, che impara con la madre a suonare uno strumento, che si sente commosso e appagato perché la gente si interessa a lui nonostante la sua piccolezza, la sua giovane età e che esprimerà la sua gratitudine offrendo a volte un goffo fiore raccolto o un disegno ingenuo.

Davanti a Dio siamo, come il bambino, stupiti da ciò che Egli ci dona : « Perché l’amore viene da Dio » (1 Gv 4,7) e perché ci permette di amarci gli uni con gli altri. Stupiti e grati perché questo dono è gratuito, senza merito da parte nostra. Questo è ciò che ha fatto dire a santa Teresa di Gesù Bambino: « Non dobbiamo diventare bambini, siamo ».

L’amore liberatorio di Dio è libero. Si offre volentieri, anche prima di essere implorato. E’ attivo e sensibile verso ogni persona. E’ attento ai nostri dolori, alle nostre miserie, alle nostre ansie. La gratuità dell’amore di Dio scaturisce in un flusso continuo di perdono offerto. Vuole che siano accolti come una tenerezza, come un bacio di amicizia che dà pace ai nostri cuori. L’amore di Dio ha tutta la gratuità dell’amore materno.

Gesù disse : « Lasciate che i bambini vengano da me. Non impedirli, perché il regno di Dio è per coloro che sono come loro.   » (Mk 10, 14) Un dolce rimprovero che dice molto su Gesù. La sua prima reazione, il suo primo riflesso è da accogliere con favore.

Per Gesù, le persone di ogni tipo sono importanti. Che si tratti di bambini, di donne come la samaritana o di persone meno lodevoli come i pubblicani di allora, hanno tutti un valore estremo per Gesù.

Li ama davvero con un amore che viene da Dio. Per mezzo di lui, l’amore di Dio per noi si manifesta perché Dio ha mandato il suo unico Figlio nel mondo per poter vivere attraverso di lui.

Collegamenti esterni

◊ L’Oasi di Engaddi : clicca qui per leggere l’articolo i → Liturgia e Lectio del giorno

◊  Orden de Nuestra Señora del Monte Carmelo : clicca qui → Lectio Divina : Mateo 19,13-15

Parola di Vita

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, Enseignement, Homélies, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO | Pas de Commentaire »

XX Sunday of the time ordinary, year C

Posté par diaconos le 16 août 2019

From the Gospel according to Luke

I did not come to put the peace on earth, but rather the division

20th-Sunday-in-OT-1-1024x649.png 200The

Word of God

Jesus said to the crowds :  « I came to bring fire to the earth, and how I wish it were already kindled ! I have a baptism with which to be baptized, and what stress I am under until it is completed! Do you think that I have come to bring peace to the earth ? No, I tell you, but rather division ! From now on five in one household will be divided, three against two and two against three; they will be divided: father against son and son against father, mother against daughter and daughter against mother, mother-in-law against her daughter-in-law and daughter-in-law against mother-in-law. » (Luke 12:49-53)

Homily  I have come to bring fire to the earth

« I have come to bring fire to the earth. « (Lk 12, 49) In saying this, Jesus thinks of his passion: he must be baptized with a baptism that will put him in anguish : « I must receive a baptism, and as it costs me to wait for it to be fulfilled » (Lk 12, 50.) Jesus must undergo his passion, like a baptism of blood, so that the Kingdom of God may come.

The baptism Jesus speaks of is his death. Both are the radical transition from one kind of life to another, a thousand times more beautiful. Jesus would already have given his life for those he loves.

God’s kingdom will come as a purifying fire to separate the righteous and sinners and will cause divisions in families between those who will welcome it as good news and those who will refuse it. The fire that Jesus came to bring to the earth is the fire of love, the fire of the Spirit. He is an image of God. This fire is light and comforting warmth and the people who let themselves be set ablaze by it will in turn communicate it.

This spiritual fire burned in the hearts of two disciples on the road to Emmaus : « Was not our heart burning in us, while he spoke to us on the road, and made us understand the Scriptures? « (Lk 24, 32)

Did I allow this fire to ignite me ? How can I say that I am helping to transmit it ? Jesus says that he did not come to bring peace into the world, but rather division : « Do you think I have come to bring peace into the world ? No, I’m telling you, but rather the division. «  (Lk 12, 51) There is a kind of peace that Jesus absolutely refuses, for example when we keep silent to have peace. There are clashes that are healthy because they bring the future, and peace that is unhealthy… Sometimes we prefer to keep quiet when we know it would be better to talk.

Are we not often cowards like King Zedekiah who does not dare to take a stand to defend Jeremiah ? (Jer 38, 5) On the contrary, the Ethiopian Ebed-Mélek dares to disagree! ( Jer 38:98-10) Do we dare to oppose others when what they have done is « wrong »? Or do we think it’s not our concern, that it’s their problem.

Does the Gospel remain for us a force for contesting ambiguities and betrayals, situations acquired through injustice and violence, or would we not have ignored it to have our peace of mind ?

Faith is a race of endurance that you have to run with your eyes fixed on Jesus. Have we compromised ourselves for Jesus Christ and his Gospel ? Let us be aware that we are not alone in struggling in the difficulties : those who have gone before us, « who have lived in faith, a huge crowd of witnesses, are there around us !

Let us consider the example of Jesus who endured, without shame, all the humiliations of sinners and who now reigns with God : then we will stand firm, resisting discouragement !
Michel Houyoux, permanent deacon

Additional information

One in five seniors lives in poverty

The number of seniors in our country is constantly increasing. With age come difficulties. Old age concerns us all! Either because we are already old, or because we will one day be old (and we must be prepared for it), or because relatives (parents, acquaintances…) are old. Finally, because the number of older people (and increasingly older) is constantly increasing in our country.

With age come difficulties, at different times and degrees for everyone. Among these, let us point out : altered physical and mental health (memory loss, dementia in some people) which, in addition to inconveniences for the person and those around them, leads to increased medical costs.  The question of housing : it may be necessary to adapt the housing to mobility problems (ramps, stairlift seats, adapted sanitary facilities,…). It is also sometimes necessary to consider moving or entering a nursing home.

Weakening of the social network : relatives of the same generation (spouse, family members, friends) die, the risk of social isolation increases, especially in the event of mobility problems.  Little by little, we feel threatened in our autonomy, our free will, even our dignity. When living in poverty, these difficulties are compounded

Fees increase, but not revenues! One senior in five lives on less than 1000 euros per month. How, in these conditions, can we live in decent housing, get medical care, move despite physical difficulties, have access to leisure and therefore to a social network ? Older women are particularly affected by poverty: their professional careers are more often incomplete than those of men. As a result, their pensions are lower.

Even among those with incomes above the poverty line, many seniors have to tighten their belts ! A change of perspective, we all have something to gain
Speed, productivity, entertainment, hyperactivity, the reign of appearance… The values of our society are at the opposite end of the scale to those of the elderly, who are often seen as « out of the box ». Care for the elderly, cost of ageing: they are often considered as a human and economic burden.

Except at the commercial level, because the wealthiest among them represent a « niche » that arouses interest through its purchasing power. What if we learned to appreciate these values: slowness, listening, experience and wisdom, transmission, volunteering, deepening of the inner life? Perhaps we would rediscover its flavour and importance in our fast-paced world.

External links to other sites

◊ Sermon : click here →  Sermon, Luke 12:49-52, Not Peace but Division

◊ Christioanity : click here → exegesis – What did Jesus mean by « not peace but division ? 

Lectio Reflection – 20th Sunday in Ordinary Time C

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Catéchèse, Enseignement, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

XX Domenica del tempo ordinario, anno C

Posté par diaconos le 15 août 2019

Non sono venuto per portare la pace sulla terra, ma piuttosto per dividere

Non sono venuto per portare la pace sulla terra, ma piuttosto per dividere

Non sono venuto per portare la pace sulla terra, ma piuttosto per dividere/

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli : « Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto! Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera ». (Lc 12,49-53).

Commento

Per molti di noi la volontà di Dio è un peso. Sovente la pensiamo come un carico assai gravoso. È questo il segno che non l’abbiamo fatta nostra propria volontà, nostro desiderio, nostra carne e nostro sangue. Essa è fuori di noi, non è in noi. È una cosa estranea. È un corpo invadente da respingere, contro il quale proteggersi, difendersi.

Quanto invece è differente l’atteggiamento di Gesù dinanzi alla volontà del Padre! Per Lui la divina volontà è il suo proprio desiderio. È il desiderio che compie la sua vita, le dona perfezione assoluta, la realizza nella sua soprannaturale finalità. È il desiderio che ricolma il cuore di pace divina ed eterna solo quando si sarà attualizzato.

Oggi Gesù ci rivela due forti desideri del suo cuore. Il primo è che presto sulla terra scenda lo Spirito Santo, entri nei cuori il Fuoco Divino della verità e della carità, il Fuoco Divino della nuova creazione e della comunione, che dovrà distruggere l’uomo vecchio e creare l’uomo nuovo. Dovrà creare la nuova famiglia umana, nella quale tutti dovranno avere un cuor solo e un’anima sola. Questo Fuoco Divino si accende sulla terra in un solo modo: portando il suo corpo sulla croce, inchiodandolo sul legno, bruciando Gesù di divina carità e misericordia per la salvezza, versandolo dal suo cuore trafitto per amore. È dal suo sacrificio, dal fuoco della sua carità che si accende lo Spirito Santo e si riversa nei cuori per la fede.

Omelia  Sono venuto a portare il fuoco sulla terra

« Sono venuto a portare il fuoco sulla terra. « (Lc 12,49) Nel dire questo, Gesù pensa alla sua passione: deve essere battezzato con un battesimo che lo metterà in angoscia: « Devo ricevere un battesimo, e perché mi costa aspettare che si compia » (Lc 12,50.) Gesù deve subire la sua passione, come un battesimo di sangue, perché venga il Regno di Dio.

Il battesimo di cui parla Gesù è la sua morte. Entrambi sono il passaggio radicale da un tipo di vita ad un altro, mille volte più bello. Gesù avrebbe già dato la sua vita per coloro che ama.

Il regno di Dio verrà come fuoco purificatore per separare i giusti e i peccatori e causerà divisioni nelle famiglie tra coloro che lo accoglieranno come buona notizia e coloro che lo rifiuteranno. Il fuoco che Gesù è venuto a portare sulla terra è il fuoco dell’amore, il fuoco dello Spirito. E’ un’immagine di Dio. Questo fuoco è luce e calore confortante e le persone che si lasciano infiammare da esso lo comunicheranno a loro volta.

Questo fuoco spirituale bruciava nel cuore di due discepoli sulla via di Emmaus: « Il nostro cuore non bruciava in noi, mentre ci parlava sulla strada, e ci faceva capire le Scritture? « (Lc 24, 32)

Ho permesso che questo fuoco mi accendesse? Come posso dire che sto aiutando a trasmetterlo ?
Gesù dice che non è venuto per portare la pace nel mondo, ma piuttosto la divisione : « Pensi che io sia venuto per portare la pace nel mondo? No, te lo dico io, ma piuttosto la divisione. « (Lc 12,51) C’è una sorta di pace che Gesù rifiuta assolutamente, ad esempio quando tacciamo di tacere per avere la pace. Ci sono scontri che sono salutari perché portano il futuro, e la pace che non è salutare….. A volte preferiamo stare zitti quando sappiamo che sarebbe meglio parlare.

Non siamo spesso dei codardi come Re Zedekiah che non osa prendere posizione per difendere Geremia? (Jer 38, 5) Al contrario, l’etiope Ebed-Mélek osa dissentire ! (Jer 38:98-10) Osiamo opporci agli altri quando ciò che hanno fatto è « sbagliato » ? O pensiamo che non sia affar nostro, che sia un problema loro ?

Il Vangelo rimane per noi una forza per contestare ambiguità e tradimenti, situazioni acquisite attraverso l’ingiustizia e la violenza, o non avremmo ignorato il fatto di avere la nostra tranquillità ? La fede è una razza di resistenza che devi correre con gli occhi fissi su Gesù. Ci siamo compromessi per Gesù Cristo e il suo Vangelo ?

Siamo consapevoli che non siamo soli a lottare nelle difficoltà: quelli che ci hanno preceduto, « che hanno vissuto nella fede, una folla enorme di testimoni, sono lì intorno a noi!  Consideriamo l’esempio di Gesù che ha sopportato, senza vergogna, tutte le umiliazioni dei peccatori e che ora regna con Dio: allora resteremo fermi, resistendo allo scoraggiamento !
Michel Houyoux, diacono permanente

Collegamenti esterni

◊ Maranatha.It : clicca qui  →  Liturgia della XX Domenica T. O. – www.maranatha.it

◊ Parrochia San Vitale Martire (Italia) : clicca qui  →   Non sono venuto a portare la pace sulla terra, ma la divisione

Arcidiocesi Bari-Bitonto

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, La messe du dimanche, Liturgie, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

12345...168
 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS