Do not prevent the children from coming to me, for the kingdom of Heaven is for those who are like them

Posté par diaconos le 18 août 2019

Let the children come to me,

Let the children come to me,

 

Holy Gospel of Jesus Christ according to Saint Matthew

Children were brought to Jesus that he might lay his hands on them and pray. The disciples rebuked them, but Jesus said, “Let the children come to me, and do not prevent them; for the kingdom of heaven belongs to such as these.” After he placed his hands on them, he went away. (Mt 19,13-15)

Homily

People presented children to Jesus for him to lay his hand on them. Jesus welcomed and blessed them (Mt 19:13-15; Lk 18:15-17; Mk 10:13-16). The blessing that accompanies it is a habitual gesture of the rabbis. It is a gift from God. His blessing always brings life to life.

For Israel, fertility was a sign of God’s blessing : « Crown of the elders, their little children » (Prov 1, :6)  ; « Your sons, around the table, are like olive trees. « (Ps 127 k, 3) The biblical authors did not forget that the child was an unfinished being and that it was important to educate him firmly : « Madness clings to the hea rt of the young child. «  (Pr 22, 15)

From the Old Testament, because of his weakness, the child appears as a privileged of God. The Lord himself is the protector of orphans: « Father of orphans, defender of widows, such is God in his holy abode.  » (Ps 67, 6) and the children praised him: « Your splendor is sung up to the heavens through the mouths of children, of the little ones.  » (Ps 8, 2)

The psalmist used the image of the little child to show his confident abandonment to the Lord : « My soul is in me like a child, like, a little child against his mother.  » (Ps 130, 2) God did not hesitate to choose the smallest, a child, the youngest to accomplish his mission. God manifested himself to the young Samuel in the Temple of Silo (1S,  3), he became a prophet. David, the youngest of the siblings, became king of Israel. (1S 16 and following). Young Daniel was wiser than the elders and saved Suzanne from death as a result of false testimony. (Dan 13).

In Jesus’ time, children were the object of contempt and rejection by adults. On the one hand they were mouths to feed in a world where poverty reigned, on the other hand, they were still ignorant of the Law of Moses, so they were treated as outlaws.

It was through a newborn baby, Jesus, that God visited and redeemed his people. (Lk 2, 68).  God became man: it is the Incarnation. Luke, in his Gospel, gave the stages of Jesus’ growth: the newborn child of the manger (Lk 2, 4-7), the little child presented to the Temple (Lk 2, 22-40), a child submitted to his parents and yet mysteriously in dependence with his Father.

As an adult, Jesus adopted the same behaviour as God his Father towards children. By blessing the children, he revealed that they were like the poor, on the same level as they entered the Kingdom. The true disciples are those little ones to whom the Father revealed the mysteries of the Kingdom (Mt 11, 25).

« Amen, I tell you :  if you do not change to become like children, you will not enter the kingdom of Heaven. But he who makes himself small as a child, this one is the greatest in the Kingdom of Heaven. And whoever welcomes a child like this in my name, he welcomes me.  » (Mt 18, 4-5)

« Let the children come to me, do not hinder them, for the kingdom of God is to those who are like them. « (Mk 10:14b) Faith is first and foremost a gift from God. And Christ is the only mediator, who leads to God. Made participants in this mission, parents, animators of awakening to the faith…. our task is first and foremost that of witness.

The child is a sign of abandonment, trust, wonder, spontaneity, simplicity: these are necessary conditions for entering the Kingdom and adults have often lost them. It is the people who look like the little ones who will benefit. Jesus constantly showed his disciples, who also expressed their desire for greatness (Mk 9, 34; Mt 20, 21), that it was necessary to abandon their pretense and become small, humble, in order to learn to receive everything from God and live by his love: this condition is the gateway to the Kingdom.

Through his blessing Jesus opens the Kingdom of God to children, to the little ones, they are called to enter into the closeness of God… first. Who are these little ones today? They are often the same as those of Jesus’ time: children, the sick, the handicapped, strangers, women… God opens His Kingdom to all those who are close to the little ones.

Jesus in Matthew’s Gospel tells us about his return in glory and – the judgment (Mt 25, 31-46) : « Come, the blessed of my Father, receive as your inheritance the Kingdom prepared for you from the foundation of the world. For I was hungry, and you gave me food… I tell you this: every time you did it to one of these little brothers of mine, you did it to me.  » (Mt 25:34… 40).

The criteria of the Kingdom are not those of the world. The little child, in his addiction can make us see it.

Michel Houyoux, permanent deacon

Additional information

« Children were presented to Jesus to make him touch them » (Mk 10:13a). Mark says nothing about their age and does not give the reason why we want Jesus to touch them. The frankly hostile attitude of the disciples (Mk 10:13b) offends us.

Why do his followers want to drive them away ? The reason is to be found in the mores of that time: children are the object of contempt on the part of adults. In Jesus’ time, the child is first of all, because of his smallness, poverty and ignorance of the Law of Moses, an outcast like the sick, women and slaves.

Jesus offers us the treasures of his heart. He marvels at a life that begins full of possibilities. He discovers the image of his Father in all the children he has been introduced to. How could Jesus, who asks us to hope, forget that children are also our hope ?

Let us forget our wisdom, our sufficiency and the bitterness of our past experiences, in order to receive God’s gifts and to welcome his life-giving words, in the wonder and simplicity of a child. (Mk 10, 15)

Do we have to become like children to follow Jesus ?

What interests us here in the image of the child (Mk 10, 15) are the qualities that are expected of the disciple of Jesus and that the image of the child can help us discover.

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Here are three qualities of the child that invite us to be like him in order to enter the Kingdom of Heaven.

  1. First of all, trust, a trust that makes him turn to his father or mother without fear, who sees him take refuge on their lap, sometimes begging them, falling asleep in their arms. This is the case with the acceptance of the Kingdom of God, which is above all the acceptance of a person.
  2. Then, addiction: the child needs his or her parents, those around him or her, where he or she expects everything from others (clothing, food, love, affection). Well, we are in a similar situation: « We did not love God, he loved us and sent his Son as an expiatory victim for our sins.  » (1 Jn 4:7-11).  Isn’t that what happens to the child? He depends, he receives, he welcomes the love of his parents.
  3. Wonder: the child who marvels at his father’s skill at throwing his line fishing, who learns with his mother to play an instrument, who feels touched and fulfilled because people are interested in him despite his smallness, his young age and who will express his gratitude by offering a clumsy flower picked or a naive drawing sometimes.

In front of God, we are, like the child, amazed by what He gives us, « since love comes from God » (1 Jn 4:7) and because He allows us to love one another. Amazed and grateful because this gift is free, without merit on our part. This is what made St. Theresa of the Child Jesus say: « We do not have to become children, we are ».

God’s liberating love is free. He willingly offers himself, even before he is begged. He is active and sensitive towards each person. He is attentive to our sorrows, our miseries, our anxieties.

The gratuity of God’s love springs forth in a continuous stream of forgiveness offered. He would like them to be received as a tenderness, as a kiss of friendship that gives peace to our hearts. God’s love has all the gratuitousness of maternal love.

Jesus said → « Let the children come to me. Do not prevent them, for the kingdom of God is to those who are like them.   » (Mk 10, 14)

A sweet reproach that says a lot about Jesus. His first reaction, his first reflex is to be welcomed.

For Jesus, people of any kind are important. Whether they are children, women like the Samaritan woman or less commendable people like the publicans of that time, they all have an extreme value for Jesus. He really loves them with a love that comes from God. Through him, God’s love for us is manifested because God sent his only Son into the world so that we could live through him.

External links to other sites

◊ Luke’s Gospel : click here → Little Children Come to Jesus

◊ Rich Deem  : click here → What Happens to Infants and Children Who Die ?

Let the Little Children Come to Me

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Enseignement, homélies particulières, Méditation, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Non impedire ai bambini di venire da me, perché il regno dei cieli è per coloro che sono come loro.

Posté par diaconos le 17 août 2019

Sabato 17 agosto 2019

 Non impedire ai bambini di venire da me, perché il regno dei cieli è per coloro che sono come loro

 

Laissez venir à moi ls enfants
Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

 

Dal Vangelo secondo Matteo 19,13-15
In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse ; ma i discepoli li sgridavano. Gesù però disse loro : “Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli”. E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì.

Omelia   Non impedire ai bambini di venire da me

La gente ha presentato i bambini a Gesù perché lui li appoggiasse la sua mano su di loro. Gesù li ha accolti e benedetti (Mt 19,13-15 ; Lc 18,15-17 ; Mc 10,13-16). La benedizione che la accompagna è un gesto abituale dei rabbini. E’ un dono di Dio. La sua benedizione dà sempre vita alla vita.

Per Israele, la fertilità era un segno della benedizione di Dio : « Corona degli anziani, i loro figlioli » (Prov 17,6) ; « I tuoi figli, intorno alla tavola, sono come gli ulivi. «  (Sal 127,3) Gli autori biblici non dimenticarono che il bambino era un essere incompiuto e che era importante educarlo con fermezza : « La follia si aggrappa al cuore del bambino piccolo.  » (Pr 22:15)

Dall’Antico Testamento, a causa della sua debolezza, il bambino appare come un privilegiato di Dio. Il Signore stesso è il protettore degli orfani : « Padre degli orfani, difensore delle vedove, tale è Dio nella sua santa dimora. « (Sal 67,6) e i bambini lo lodavano: « Il tuo splendore è cantato fino al cielo attraverso le bocche dei bambini, dei piccoli.  » (Sal 8,2)

Il salmista usa l’immagine del bambino per mostrare al Signore il suo fiducioso abbandono : « La mia anima è in me come un bambino, come un bambino, come un bambino piccolo contro sua madre. « (Sal 130,2) Dio non ha esitato a scegliere il più piccolo, un bambino, il più giovane per compiere la sua missione. Dio si è manifestato al giovane Samuele nel Tempio di Silo (1S 3), è diventato profeta. Davide, il più giovane dei fratelli, divenne re d’Israele. (1S 16 e seguenti). Il giovane Daniel era più saggio degli anziani e salvò Suzanne dalla morte come risultato di una falsa testimonianza. (Dan 13).

Ai tempi di Gesù, i bambini erano oggetto di disprezzo e rifiuto da parte degli adulti. Da un lato erano bocche da sfamare in un mondo dove regnava la povertà, dall’altro lato erano ancora ignoranti della Legge di Mosè, per cui furono trattati come fuorilegge.

È attraverso un bambino appena nato, Gesù, che Dio ha visitato e riscattato il suo popolo. (Lc 2:68).  Dio si è fatto uomo: è l’Incarnazione. Luca, nel suo Vangelo, ha dato le tappe della crescita di Gesù : il neonato figlio della mangiatoia (Lc 2,4-7), il piccolo bambino presentato al Tempio (Lc 2,22-40), un bambino sottomesso ai genitori ma misteriosamente dipendente dal Padre (2,41-52).

Da adulto, Gesù adottò lo stesso comportamento di Dio suo Padre verso i figli. Benedicendo i bambini, ha rivelato che erano come i poveri, allo stesso livello in cui sono entrati nel Regno. I veri discepoli sono quei piccoli ai quali il Padre ha rivelato i misteri del Regno (Mt 11, 25).

« Amen, ti dico: se non cambiate per diventare come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Ma colui che si fa piccolo come un bambino, questo è il più grande del Regno dei Cieli. E chiunque accoglie un bambino come questo a mio nome, dà il benvenuto a me.  » (Mt 18:4-5)

« Lasciate che i bambini vengano da me, non ostacolateli, perché il regno di Dio è per coloro che sono come loro.  » (Mc 10,14b) La fede è prima di tutto un dono di Dio. E Cristo è l’unico mediatore, che conduce a Dio. Ha reso partecipi di questa missione, genitori, animatori del risveglio alla fede…… il nostro compito è prima di tutto e soprattutto quello della testimonianza.

Il bambino è segno di abbandono, fiducia, meraviglia, meraviglia, spontaneità, semplicità: queste sono le condizioni necessarie per entrare nel Regno e spesso gli adulti li hanno persi. Sono le persone che assomigliano ai piccoli che ne beneficeranno. Gesù mostrò costantemente ai suoi discepoli, che esprimevano anche il loro desiderio di grandezza (Mc 9,34 ; Mt 20,21), che era necessario abbandonare la loro pretesa e diventare piccoli, umili, per imparare a ricevere tutto da Dio e vivere del suo amore: questa condizione è la porta del Regno.

 

Conclusione
Attraverso la sua benedizione Gesù apre il Regno di Dio ai bambini, ai più piccoli, che sono chiamati ad entrare nella vicinanza di Dio…..prima di tutto. Chi sono questi piccoli oggi? Sono spesso le stesse del tempo di Gesù: i bambini, gli ammalati, gli handicappati, gli stranieri, le donne….. Dio apre il suo Regno a tutti coloro che sono vicini ai più piccoli.

Gesù nel Vangelo di Matteo ci parla del suo ritorno nella gloria e – il giudizio : « Vieni, benedetto dal Padre mio, ricevi in eredità il Regno preparato per te dalla fondazione del mondo. Perché avevo fame, e mi hai dato da mangiare….. Ti dico questo: ogni volta che l’hai fatto a uno di questi miei fratellini, l’hai fatto a me.  » (Mt 25:34….40).
I criteri del Regno non sono quelli del mondo. La bambina, nella sua dipendenza, può farcela vedere.

Il diacono pzemanente Michel Houyoux

Informazioni complementari

« I bambini sono stati presentati a Gesù per farli toccare » (Mc 10,13a). Marco non dice nulla della loro età e non dà il motivo per cui vogliamo che Gesù li tocchi. L’atteggiamento francamente ostile dei discepoli (Mc 10,13b) ci offende. Perché i suoi seguaci vogliono portarli via ?

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

Jesus disse : « Non impedire ai bambini di venire a me. »

La ragione è da ricercare nei costumi di quel tempo: i bambini sono oggetto di disprezzo da parte degli adulti. Ai tempi di Gesù, il bambino è prima di tutto, per la sua piccolezza, povertà e ignoranza della Legge di Mosè, un emarginato come i malati, le donne e gli schiavi. Gesù ci offre i tesori del suo cuore. Si meraviglia di una vita che inizia piena di possibilità. Scopre l’immagine del Padre in tutti i figli che gli sono stati presentati.

Come può Gesù, che ci chiede di sperare, dimenticare che i bambini sono anche la nostra speranza ? Dimentichiamo la nostra saggezza, la nostra sufficienza e l’amarezza delle nostre esperienze passate, per ricevere i doni di Dio e accogliere le sue parole vivificanti, nella meraviglia e nella semplicità di un bambino. (Mk 10, 15)

Dobbiamo diventare come bambini per seguire Gesù ? Ciò che ci interessa qui a immagine del bambino (Mc 10,15) sono le qualità che ci si aspetta dal discepolo di Gesù e che l’immagine del bambino può aiutarci a scoprire.

  Ecco tre qualità del bambino che ci invitano ad essere come lui per entrare nel Regno dei Cieli.

  1. Prima di tutto, la fiducia, una fiducia che lo porta a rivolgersi al padre o alla madre senza paura, che lo vede rifugiarsi sulle loro ginocchia, a volte pregandoli, addormentandosi tra le loro braccia. È il caso dell’accettazione del Regno di Dio, che è soprattutto l’accettazione di una persona.
  2. Poi, la dipendenza : il bambino ha bisogno dei suoi genitori, di quelli che lo circondano, dove si aspetta tutto dagli altri (vestiti, cibo, amore, affetto). Ebbene, ci troviamo in una situazione simile : « Non abbiamo amato Dio, ci ha amato e ha mandato suo Figlio come vittima espiatoria dei nostri peccati. « (1 Gv 4, 7-11).  Non e’ quello che succede al bambino? Dipende, riceve, accoglie l’amore dei suoi genitori.
  3. Meraviglia : il bambino che si meraviglia della bravura del padre nel lanciare la sua lenza da pesca, che impara con la madre a suonare uno strumento, che si sente commosso e appagato perché la gente si interessa a lui nonostante la sua piccolezza, la sua giovane età e che esprimerà la sua gratitudine offrendo a volte un goffo fiore raccolto o un disegno ingenuo.

Davanti a Dio siamo, come il bambino, stupiti da ciò che Egli ci dona : « Perché l’amore viene da Dio » (1 Gv 4,7) e perché ci permette di amarci gli uni con gli altri. Stupiti e grati perché questo dono è gratuito, senza merito da parte nostra. Questo è ciò che ha fatto dire a santa Teresa di Gesù Bambino: « Non dobbiamo diventare bambini, siamo ».

L’amore liberatorio di Dio è libero. Si offre volentieri, anche prima di essere implorato. E’ attivo e sensibile verso ogni persona. E’ attento ai nostri dolori, alle nostre miserie, alle nostre ansie. La gratuità dell’amore di Dio scaturisce in un flusso continuo di perdono offerto. Vuole che siano accolti come una tenerezza, come un bacio di amicizia che dà pace ai nostri cuori. L’amore di Dio ha tutta la gratuità dell’amore materno.

Gesù disse : « Lasciate che i bambini vengano da me. Non impedirli, perché il regno di Dio è per coloro che sono come loro.   » (Mk 10, 14) Un dolce rimprovero che dice molto su Gesù. La sua prima reazione, il suo primo riflesso è da accogliere con favore.

Per Gesù, le persone di ogni tipo sono importanti. Che si tratti di bambini, di donne come la samaritana o di persone meno lodevoli come i pubblicani di allora, hanno tutti un valore estremo per Gesù.

Li ama davvero con un amore che viene da Dio. Per mezzo di lui, l’amore di Dio per noi si manifesta perché Dio ha mandato il suo unico Figlio nel mondo per poter vivere attraverso di lui.

Collegamenti esterni

◊ L’Oasi di Engaddi : clicca qui per leggere l’articolo i → Liturgia e Lectio del giorno

◊  Orden de Nuestra Señora del Monte Carmelo : clicca qui → Lectio Divina : Mateo 19,13-15

Parola di Vita

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, Enseignement, Homélies, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO | Pas de Commentaire »

Assomption de la Vierge Marie — Solennité

Posté par diaconos le 14 août 2019

Le Puissant fit pour moi des merveilles : il élève les humbles

Assomption de la Vierge Marie.png  220De l’Évangile de Jésus Christ selon saint Luc

En ces jours-là, Marie se mit en route et se rendit avec empressement vers la région montagneuse, dans une ville de Judée. Elle entra dans la maison de  Zacharie et salua Élisabeth. Or, quand Élisabeth entendit la salutation de Marie, l’enfant tressaillit en elle. Alors, Élisabeth fut remplie d’Esprit Saint, et  s’écria d’une voix forte : « Tu es bénie entre toutes les femmes, et le fruit de tes entrailles est béni.

D’où m’est-il donné que la mère de mon Seigneur vienne jusqu’à moi ? Car, lorsque tes paroles de salutation sont parvenues à mes oreilles, l’enfant a tressailli d’allégresse en moi. Heureuse celle qui a cru à l’accomplissement des paroles qui lui furent dites de la part du Seigneur. »

Marie dit alors : « Mon âme exalte le Seigneur, exulte mon esprit en Dieu, mon Sauveur ! Il s’est penché sur son humble servante ; désormais tous les âges me diront bienheureuse. Le Puissant fit pour moi des merveilles ; Saint est son nom ! Sa miséricorde s’étend d’âge en âge sur ceux qui le craignent. Déployant la force de son bras, il disperse les superbes. Il renverse les puissants de leurs trônes, il élève les humbles. Il comble de biens les affamés, renvoie les riches les mains vides.

Il relève Israël son serviteur, il se souvient de son amour, de la promesse faite à nos pères, en faveur d’Abraham et sa descendance à jamais. » Marie resta avec Élisabeth environ trois mois, puis elle s’en retourna chez elle.  (Lc 1, 39-56)

Homélie

Dans l’Église à ses débuts, les premiers chrétiens ne mirent pas mis longtemps à réfléchir à la place de Marie dans leur foi. Ils voulurent, dès le début, célébrer ses derniers moments, comme ils le faisaient pour honorer leurs saints. À cause du caractère unique de sa coopération, une croyance se répandit :  chaque 15 août, les chrétiens célèbrent à la fois la mort, la résurrection,  l’entrée au paradis et le couronnement de la Vierge Marie.

En 1950, le pape Pie XII estima utile de proposer une définition plus précise :  » La Vierge immaculée, préservée par Dieu de toute atteinte de la faute originelle, ayant accompli le cours de sa vie terrestre, fut élevée corps et âme à la gloire du ciel, et exaltée par le Seigneur comme la Reine de l’univers, pour être ainsi plus entièrement conforme à son Fils, Seigneur des seigneurs, victorieux du péché et de la mort »  Cette définition fait partie des dogmes de l’Église.

 Si l’Église catholique célèbre l’Assomption de Marie, l’Église orthodoxe préfère parler de Dormition. Ces termes reflètent deux compréhensions différentes de la Vierge Marie. À l’origine, une seule et même fête.

Après l’Ascension de Jésus, les Actes des Apôtres montrent qu’ils furent réunis tous ensemble, avec quelques femmes, dont Marie, la Mère de Jésus. » (Ac 1, 14). En prière, ils attendirent la Pentecôte et la venue du Saint-Esprit. Marie fut citée pour la dernière fois dans ce livre du Nouveau Testament :  les récits bibliques ne racontent pas la fin de la viergee Marie. Dès lors, des chrétiens rédigèrent des textes pour l’évoquer. On les appelle des écrits apocryphes (1)

On y trouve toujours les éléments suivants. Un ange annonce à Marie sa mort, paisible et sereine, tel un endormissement. De là vient le terme Dormition. Pour y assister, les apôtres, en mission d’évangélisation dans le monde, furent, dans ces textes, amenés miraculeusement par des anges. Au moment de l’endormissement de Marie dans sa mort, son âme ayant quitté son corps.

On associe souvent l’Assomption de Marie avec l’Ascension de Jésus ; de fait, les mots se ressemblent et il y a dans les deux cas une montée mystérieuse au ciel dans la gloire de Dieu. La fête de l’Assomption de Marie entretient l’espérance.  La liturgie de l’Assomption  célèbre Marie comme la transfigurée : elle est auprès de Lui avec son corps glorieux et pas seulement avec son âme ; en elle, le Christ confirme sa propre victoire sur la mort.

Marie réalise ainsi le but pour lequel Dieu a créé et sauvé les hommes. En la fêtant, les croyants contemplent le gage de leur propre destin, s’ils font le choix de s’unir à leur tour au Christ.

Cette contemplation renforce enfin la confiance dans l’intercession de Marie : la voilà toute disponible pour « guider et soutenir notre espérance. Demandons au Seigneur qu’il nous aide  à être attentifs aux choses d’en-haut pour obtenir de partager sa gloire. Amen

Diacre Michel Houyoux

Note L’Église catholique nomme apocryphes les textes qu’elle n’a pas retenus dans son canon tandis que les Églises issues de la Réforme les nomment pseudépigraphes. En ce qui concerne les écrits de l’Ancien Testament, elle nomme deutérocanoniques ceux que les Églises protestantes nomment apocryphes.

 

Compléments

◊ Marie rend visite à sa cousine Élisabeth : cliquez ici pour lire l’article → D’où m’est-il donné que la mère de mon Seigneur vienne jusqu’à moi ?

◊ As-tu deux minutes ? : cliquez ici pour lire l’article →  DES TEMPS DE PRIÈRE POUR SE RESSOURCER

◊ Catéchèse   Heureuse celle qui a cru !  (Lc 1, 45a) – Le 15 août, c’est la fête de l’Assomption (Solennité)

Liens externes

◊ Diocèse de Cahors (France)  : cliquez ici pour lire l’article → Solennité de l’Assomption de la Vierge Marie

◊  KTOtv.com : cliquez ici pour voir la vidéo → Solennité de l’Assomption

Vidéo : prédication du  Père Michel-Marie Zanotti-Sorkine

Solennité de l’Assomption de la Vierge Marie

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Enseignement, fêtes religieuses, Homélies, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire, Vierge Marie | 1 Commentaire »

Assunzione della Vergine Maria – Solennità

Posté par diaconos le 12 août 2019

 L’Eccelso ha fatto meraviglie per me: ha innalzato gli umili

L'Assunzione di Maria in Cielo è una credenza di alcune Chiese cristiane secondo la quale la madre di Gesù al termine della vita terrena è andata in cielo non solo con l'anima ma anche con il corpo. Il culto si è svilupppato a partire dal V secolo d.C.[1], diffondendosi sempre più e radicandosi nella devozione popolare.

L’Assunzione di Maria in Cielo è una credenza di alcune Chiese cristiane secondo la quale la madre di Gesù al termine della vita terrena è andata in cielo non solo con l’anima ma anche con il corpo. Il culto si è svilupppato a partire dal V secolo d.C.[1], diffondendosi sempre più e radicandosi nella devozione popolare.

+ Dal Vangelo secondo Luca

 In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce : « Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo ! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me ? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto ».
Allora Maria disse : « L’anima mia magnifica il Signoree il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà  della sua serva.D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotentee Santo è il suo nome ; di generazione in generazione la sua misericordiaper quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore ; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili ; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia,come aveva detto ai nostri padri,per Abramo e la sua discendenza, per sempre ». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua. (Lc 1, 39-56).

Omelia Assunzione della Vergine Maria

Colore liturgico: bianco

L’Assunzione è il privilegio in virtù del quale l’immacolata Madre di Dio è stata glorificata, alla fine della sua vita terrena, nell’anima e nel corpo, senza attendere la risurrezione finale. Era la fede della Chiesa già da tempo e fu il 1° novembre 1950 che Papa Torta XII la definì come un dogma di fede.

« La mia anima esalta il Signore, il mio spirito esalta in Dio mio Salvatore. Ha guardato il suo umile servo; d’ora in poi tutte le età mi chiameranno beato. Il Potente ha fatto miracoli per me. Santo è il suo nome ! » Maria è la prima dei salvati e il suo canto di ringraziamento, il Magnificat, porta tutta la gloria a Dio.

Il suo canto non è un canto di orgoglio, è un’ammissione di umiltà : tutto ciò che viene da Dio, per grazia, e sale a Dio nella lode. Per questo la vera devozione alla Vergine Maria ci ricorda costantemente Gesù Cristo. Per comprendere l’Assunzione della Beata Vergine Maria, è la gloria di Gesù risorto che deve essere prima contemplata. « L’ultimo nemico distrutto è la Morte » (1 Co 15, 26).

Queste parole di Paolo, che hanno appena risuonato durante la seconda lettura, ci aiutano a comprendere il senso della solennità che celebriamo oggi. In Maria, innalzata al cielo alla fine della sua vita terrena, risplende la vittoria definitiva di Cristo sulla morte, che è entrata nel mondo a causa del peccato di Adamo.

Fu Cristo che vinse la morte, offrendo se stesso come sacrificio sul Calvario, in un gesto d’amore obbediente al Padre. Ci ha così salvato dalla schiavitù del peccato e del male. Nel trionfo della Vergine, la Chiesa contempla Colui che il Padre ha scelto come Madre del suo Figlio unigenito.

Per questo Maria è un segno confortante per la nostra speranza. La Vergine innalzata nella gloria del Paradiso ci assicura che l’aiuto divino non mancherà mai. Fratelli e sorelle, contempliamo Maria, qui riuniti in questo giorno tanto caro alla nostra devozione. Un grande segno appare per noi oggi in cielo.

L’autore del libro dell’Apocalisse ce ne parla attraverso un linguaggio profetico in prima lettura. « Un grande segno apparve in cielo: una donna! Il sole lo avvolge » (Ap 12,1) Che meraviglia straordinaria davanti ai nostri occhi stupiti! Abituati a fissare le realtà della terra, siamo invitati a guardare verso l’alto: verso il cielo, che è la nostra patria definitiva, dove ci attende la Vergine Santissima.

L’Assunzione di Maria è un evento che ci tocca da vicino proprio perché siamo destinati a morire. Ma la morte non è l’ultima parola. È, come ci dice il mistero dell’Assunzione della Vergine Maria, il passaggio alla vita alla ricerca dell’Amore. È la porta della beatitudine celeste riservata a coloro che lavorano per la verità e la giustizia e si sforzano di seguire Cristo. « D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beato » (Lc 1, 48).

Così si esprime la Madre di Cristo quando incontra la sua anziana parente, Elisabetta. In Maria, la promessa diventa realtà. Beata è Maria e benedetta saremo, noi, suoi figli, se, come lei, ascoltiamo e mettiamo in pratica la Parola del Signore.  Che la solennità di oggi apra i nostri cuori a questa prospettiva superiore dell’esistenza.

Che la Vergine, che oggi contempliamo risplendente alla destra del Figlio, ci aiuti a vivere credendo « nel compimento della Parola del Signore ». Con Maria, rivolgiamoci al Padre. Come lei, fidiamoci di lei. Uniamoci a Gesù, nostro compagno di vi.                             +  Diacono  Michel Houyoux

Collegamenti esterni

◊ Festa dell’Assunta→  Assunzione al cielo di Maria, ecco le cose da sapere

◊ Omelia di Giovanni Paolo →  Riflettiamo Insieme: Solennità dell’Assunzione

Festa dell’Assunzione della Beata Vergine Maria

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, fêtes religieuses, Homélies, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire, Vierge Marie | Pas de Commentaire »

12345...93
 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS