Un cieco può guidare un altro cieco ?

Posté par diaconos le 13 septembre 2019

◊ Venerdì 13 settembre 2019

  Un cieco può guidare un altro cieco ?


Un cieco può guidare un altro cieco ?

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca

A quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli in una parabola : « Può un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno entrambi in un buco ? Il discepolo non è al di sopra del maestro ; ma una volta ben formati, tutti saranno come il suo maestro. Perché guardi la cannuccia nell’occhio di tuo fratello, quando non noti la trave nel tuo stesso occhio ?

Come puoi dire a tuo fratello : « Fratello, lascia che ti tolga la paglia nell’occhio », quando tu stesso non riesci a vedere la trave nel tuo ? Ipocrito ! Ipocrito ! Prima togliete la trave dall’occhio, poi vedrete chiaramente per rimuovere la paglia che è nell’occhio di vostro fratello ». (Lc 6, 39-42)
Omelia Può un cieco guidare un altro cieco ?

Questo brano del Vangelo di Luca ci invita a guardare i nostri occhi, le nostre bocche e i nostri cuori, affinché non ci facciano un cattivo servizio nelle nostre relazioni fraterne con gli altri. Gesù ci pone una domanda fondamentale : « Perché guardi la cannuccia nell’occhio di tuo fratello, quando non noti la trave nell’occhio ? L’immagine che usa è molto forte. Dimostra che spesso ci piace entrare nei dettagli della vita altrui, trovare il minimo errore, ingrandirla.

Così ci dimentichiamo di vedere le nostre colpe e i nostri peccati e ci rifiutiamo di esaminare noi stessi. Tale rifiuto ci acceca : « Essere ciechi è rimanere nel peccato (Gv 9,39-41).

Io, cieco ? Quando Dio mi dice questo, è sia uno shock che una speranza. E’ uno shock perché, all’improvviso, Dio mi fa capire che mi sbagliavo sulle mie capacità e, cosa più importante, mi rendo conto anche che ho condotto alcuni dei miei cari sulla strada sbagliata, in nome della mia presunta chiaroveggenza.

Ma è anche una speranza, perché Gesù ama guarire i ciechi, ed essi possono seguirlo sulla strada e diventare più suoi discepoli. A loro volta, potranno guarire i ciechi, potranno condurre coloro che sono stati loro affidati, sulle orme di Gesù.  « Il salario del peccato è la morte. » (Rom 6:23). C’è quindi l’invito a guardare positivamente agli altri, che non li giudica, ma che è pieno di compassione e misericordia, come Gesù.

C’è più di una chiamata a guardare a noi stessi per riconoscere i nostri peccati e cercare di migliorare la nostra condotta.  « Io sono la vera Luce che illumina ogni uomo venendo nel mondo » (Gv 1,9). Coloro che riconoscono Cristo e credono nel suo amore vivranno nella luce : « Rimanete nella mia luce amandovi gli uni con gli altri e diventerete così figli della luce. Infatti, « l’amore viene da Dio. Chi ama nasce da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore » (1 Gv 4,7-8).

« Non trovate meraviglioso, Filoteo, che con lo stesso amore con cui vi ho amato, vi amate l’un l’altro ? E questa speranza non delude, poiché l’amore di Dio è stato riversato nei vostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che vi è stato dato » (Rm 5,5). Dove c’è amore, gioia, pace, pazienza, bontà, bontà, gentilezza, fedeltà, dolcezza e autocontrollo, Gesù è lì tra noi e noi siamo veri figli della luce.

« Togliete prima la trave dall’occhio; poi vedrete chiaramente di rimuovere la paglia che è nell’occhio di vostro fratello » (Lc 6,42). Le persone con un raggio nei loro occhi sono coloro che credono di essere giusti per le loro buone opere : « È per grazia che tu sei salvato, e per fede. Non è da parte tua, è un dono di Dio. Questo non viene dai fatti: nessuno può esserne orgoglioso » (Ef 2,8-9).

Lasciatevi amare come siete, Filoteo. Mentre voi non siete stati capaci di rendervi giusti davanti a Dio, io mi sono fatto uno di voi e ho sofferto al vostro posto. D’ora in poi, non solo le tue ferite non mi impediscono di amarti, ma ho anche il potere di guarirle. Così, sarai uno di quelli che ritornano dalla grande prova, che hanno lavato le loro vesti, che le hanno rese bianche nel sangue dell’Agnello (Ap 7,10).

Al di là dell’occhio e della bocca, alla fine è il nostro stesso cuore che dobbiamo purificare. Perché quando il cuore è buono, fa anche bene all’uomo e gli permette di portare buoni frutti. Amen

Michel Houyoux, diacono permanente

Link esterni

◊  Parrocchia S. Regolo Di Montaione : clicca qui per leggere l’articolo → Può forse un cieco guidare un altro cieco?

Un cieco può guidare un altro cieco ?

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, homélies particulières, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Sois sans crainte, petit troupeau, car votre Père a trouvé bon de vous donner le Royaume.

Posté par diaconos le 8 septembre 2019

Sois sans crainte, petit troupeau, car votre Père a trouvé bon de vous donner le Royaume

 

Aucune description de photo disponible.

«Sois sans crainte, petit troupeau, car votre Père a trouvé bon de vous donner le Royaume.Vendez ce que vous avez et donnez-le en aumône.

Faites-vous une bourse qui ne s’use pas, un trésor inépuisable dans les cieux, là où le voleur n’approche pas, où la mite ne ronge pas.

Car là où est votre trésor, là aussi sera votre cœur. Restez en tenue de service, et gardez vos lampes allumées. Soyez comme des gens qui attendent leur maître à son retour des noces, pour lui ouvrir dès qu’il arrivera et frappera à la porte.

Heureux les serviteurs que le maître, à son arrivée, trouvera en train de veiller.Amen, je vous le dis: il prendra la tenue de service, les fera passer à table et les servira chacun à son tour.

S’il revient vers minuit ou plus tard encore et qu’il les trouve ainsi, heureux sont-ils! Vous le savez bien: si le maître de maison connaissait l’heure où le voleur doit venir, il ne laisserait pas percer le mur de sa maison. Vous aussi, tenez-vous prêts: c’est à l’heure où vous n’y penserez pas que le Fils de l’homme viendra».

Pierre dit alors : «Seigneur, cette parabole s’adresse-t-elle à nous, ou à tout le monde ?». Le Seigneur répond : «Quel est donc l’intendant fidèle et sensé à qui le maître confiera la charge de ses domestiques pour leur donner, en temps voulu, leur part de blé ? Heureux serviteur, que son maître, en arrivant, trouvera à son travail.

Vraiment, je vous le déclare : il lui confiera la charge de tous ses biens. Mais si le même serviteur se dit : ‘Mon maître tarde à venir’, et s’il se met à frapper serviteurs et servantes, à manger, à boire et à s’enivrer, son maître viendra le jour où il ne l’attend pas et à l’heure qu’il n’a pas prévue; il se séparera de lui et le mettra parmi les infidèles.

Le serviteur qui, connaissant la volonté de son maître, n’a pourtant rien préparé, ni accompli cette volonté, recevra un grand nombre de coups. Mais celui qui ne la connaissait pas, et qui a mérité des coups pour sa conduite, n’en recevra qu’un petit nombre. A qui l’on a beaucoup donné, on demandera beaucoup; à qui l’on a beaucoup confié, on réclamera davantage». «Tenez-vous prêts: c’est à l’heure où vous n’y penserez pas que le Fils de l’homme viendra» (Lc 12,32-48)

Homélie   Sois sans crainte petit troupeau

Aujourd’hui, l’Évangile nous rappelle et nous exige de nous tenir toujours prêts :  «Car, c’est à l’heure où vous n’y penserez pas que le Fils de l’homme viendra» (Lc 12,40). Il faut toujours veiller, nous devons vivre en tension permanente, “désinstallés”, nous sommes des pèlerins sur un monde qui passe, notre véritable patrie étant le ciel.

C’est vers ce point où se dirige notre vie; que nous voulions ou non, notre existence terrestre n’est qu’un projet face à notre rencontre définitive avec le Seigneur, et c’est dans cette rencontre : «Quand à qui l’on a beaucoup donné, on demandera beaucoup ; à qui l’on a beaucoup confié, on réclamera davantage» (Lc 12,48). N’est-ce donc pas le moment le plus important de notre vie ?

Vivons la vie de façon intelligente, rendons-nous compte de quel est le vrai trésor! N’allons guère derrière les trésors de ce monde, comme, d’ailleurs, tant des gens font souvent. N’ayons pas leur mentalité!D’après la mentalité du monde : autant tu vaux autant tu as ! Les personnes sont valorisées à travers l’argent qu’elles possèdent, leur catégorie sociale, leur prestige, leur pouvoir…

Mais tout cela, aux yeux de Dieu ne vaut rien du tout ! Suppose qu’aujourd’hui l’on découvre que tu as une maladie incurable, et que l’on t’accorde tout au plus un mois de vie… qu’est ce que tu vas faire de tout ton argent ? Et de ton pouvoir, de ton prestige, de ta classe sociale, qu’est ce que tu vas en faire ? Ils vont te servir à rien du tout !

Te rends-tu compte que tout ce que le monde évalue autant, le moment de la vérité ne sert à rien ? Et alors, lorsque tu regardes en arrière, autour de toi, tu vois que tous ces valeurs sont totalement changés : la relation des personnes qui t’entourent, l’amour, ce regard de paix et de compréhension, deviennent tout à coup les vrais valeurs, les trésors authentiques que tu avais toujours méprisés.

Aie l’intelligence évangélique de discerner quel est le vrai trésor ! Que les richesses de ton cœur ne soient pas les dieux de ce monde, mais l’amour, la vraie paix, la sagesse et tous les dons que Dieu donne à ses fils préférés. Amen

Contact → Marie Landry Bivina

◊  Homélie du diacre Michel Houyoux : cliquez ici pour la lire → Là où est ton trésor, là aussi sera ton cœur

◊ Catéchèse : cliquez ici pour lire l’article →  Veillez donc, car vous ne connaissez pas le jour où votre Seigneur viendra. (Mt 24,42)

 Liens externes

◊ Paroisse de Gradignan ( France) : cliquez ici pour lire l’article → Sois sans crainte petit troupeau

◊ Amis d’Hurtebise (Belgique)  : cliquez ici pour lire l’article → Sois sans crainte 

La joie de l’attente pour ceux qui sont vigilants

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans Catéchèse, homélies particulières, Page jeunesse, Religion, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, e il tuo prossimo come te stesso.

Posté par diaconos le 23 août 2019

Venerdì 23 agosto 2019

Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, e il tuo prossimo come te stesso..png 200Il Vangelo secondo Matteo

35 E uno di loro, dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova, dicendo: 36 «Maestro, qual è il grande comandamento della legge?». 37 E Gesù gli disse: « »Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta l’anima tua e con tutta la tua mente ». 38 Questo è il primo e il gran comandamento. 39 E il secondo, simile a questo, è: « Ama il tuo prossimo come te stesso ». 40 Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti». (Mt 22, 35-40)

Omelia   Qual è il primo di tutti i comandamenti ?

Gesù rispose facendo riferimento alla stessa Scrittura : qui ne citava due, molto noti. La predicazione abituale di Gesù non è un insegnamento del tipo « è necessario, devi….. », ma una rivelazione sulla profondità di ciò che viviamo. In questa pagina del Vangelo, Gesù ha appena dato allo scriba la più bella definizione del Regno: qui è dove l’amore è re, l’amore di Dio che alimenta l’amore degli altri.

« Qual è il primo di tutti i comandamenti ? »  Questa è la domanda che ogni serio credente si pone: come rispettare la tradizione, la legge ricevuta, affidandosi a qualcosa di semplice che gli permette di arrivare all’essenziale. Se si contavano tutti i dettagli della legge ebraica, c’erano 613 comandamenti (365 difese e 248 comandamenti positivi) : sorgevano inevitabilmente problemi di selezione prioritaria. Da qui la domanda : « Qual è il primo di tutti i comandamenti ? ».

Se questo scriba cercava un principio coerente, non era per curiosità, ma per vivere di esso. Cercava ciò che era giusto, ciò di cui aveva bisogno per privilegiare. Dio ha servito per primo ! La priorità per Gesù è Dio ! Quali sono le mie priorità? Metto Dio al primo posto nella mia vita ?

L’amore è la cosa più importante! Sì, tutto quello che devi fare è l’amore !

È solo l’amore che conta, ho capito che l’amore conteneva tutte le vocazioni, che l’amore era tutto, che abbracciava tutti i tempi e tutti i luoghi, perché è eterno » (santa Teresa di Lisieux).

L’amore è benevolenza perché vuole la felicità dell’amato e cerca di piacergli, è anche benevolenza: l’amore è accoglienza del dono degli altri. Amare Dio è anche imparare ad amarlo per se stesso e non per i doni che ci fa. E’ per servirlo e non per usarlo. Ciò che è importante è anche la durata. Alcuni giorni è facile, ma ci sono anche prove, dolore, malattia, malattie, battute d’arresto della vita.

La fedeltà implica una lotta quotidiana. San Paolo raccomanda di non scoraggiarci perché, dice, « nulla può separarci dall’amore di Dio che è in Gesù Cristo nostro Signore ». « Il suo amore si acquisisce una volta per tutte, qualunque sia la nostra situazione. La cosa piu’ seria sarebbe dubitarne.

Se vogliamo imparare ad amare alla maniera di Dio, è a lui che dobbiamo rivolgerci. Abbiamo costantemente bisogno di attingere dalla fonte di questo amore in cui siamo stati immersi il giorno del nostro battesimo. A lui affidiamo tutti coloro che amiamo e tutti coloro che non amiamo abbastanza. La nostra preghiera è anche un modo per amarli ancora di più. Chiediamo al Signore di insegnarci ogni giorno ad amare come lui e con lui.
Michel Houyoux, diacono permanente

Collegamenti esterni

◊ Papa Francesco : clicca qui→  Amerai il signore tuo dio e il tuo prossimo come te stesso

◊  Lo Spirito Santo illumini la tua mente : clicca qui → Tu amerai il Signore,

Amerai il Signore tuo Dio e il prossimo tuo come te stesso! » (Mc 12,28-34)

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, homélies particulières, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

XXI Domenica del tempo ordinario, anno C

Posté par diaconos le 19 août 2019

Verranno dall’est e dall’ovest per prendere il loro posto nella festa nel regno di Dio

iEntrata per la orta stressaDal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca

A quei tempi, mentre era diretto a Gerusalemme, Gesù insegnava attraverso città e villaggi. Qualcuno gliel’ha chiesto : « Signore, solo poche persone sono salvate ? »

Gesù disse loro :  « Cerca di entrare dalla porta stretta, perche’ te lo dichiaro’, molti cercheranno di entrare e non ci riuscirà. Quando il padrone di casa è risorto per chiudere la porta, se tu, dall’esterno, inizi a bussare alla porta, dicendo : « Signore, aprirci », ti risponderà : »Non so da dove vieni.

Allora comincerai a dire : « Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza, e tu hai insegnato nei nostri posti. Ti risponderà : « Non so da dove vieni. Stai lontano da me, « tutti voi che commettete ingiustizie.

Ci saranno lacrime e squarci di denti, quando vedi Abramo, Isacco e Giacobbe, e tutti i profeti nel regno di Dio, e che voi stessi sarete buttati via.

Poi verranno dall’est e dall’ovest, da nord e sud, per la festa nel regno di Dio. Sì, ci sono gli ultimi che saranno i primi, e il primo ad essere l’ultimo. » (Lc 13, 22-30)

Omelia  Signore, ci saranno poche persone da salvare ? Chi ? Quanti ? Ne farò parte ? E i miei cari ?

Entrando dalla porta stretta. Questa spaventosa domanda, posta a Gesù nel Vangelo (Lc 13,22-30), a volte si rivolge anche a noi e può metterci in imbarazzo. Come possiamo parlare di « salvezza ? Come conciliare l’amore di Dio per tutti gli uomini senza eccezioni con il suo rispetto per la loro libertà ? La curiosità per il numero dei funzionari eletti tradisce una ricerca di sicurezza che potrebbe essere molto malsana: se tutti vanno in paradiso, allora non preoccupatevi, se pochissimi ci vanno, perché fare sforzi così rischiosi ?

Gesù riferisce a ciascuno la decisione che deve prendere : Dio salva gli uomini liberamente ! Ma, non li salva a dispetto loro, senza il loro accordo in un certo senso, lascia loro la libertà di opporsi al suo benevolo dono. Sta a noi scegliere: Dio ci lascia questa scelta: accettare o rifiutare tutto l’amore che ci propone.

L’ingresso nel Regno dei Cieli non è automatico. Tutti noi siamo redenti dalla passione, morte e risurrezione di Gesù. Gesù ci dà la possibilità della vita eterna con Dio, alla presenza di Dio. Vuole renderci responsabili del nostro destino. La salvezza, che Dio ci offre, deve essere accettata e scelta. E per farcelo capire, Gesù usa un’immagine familiare in tutta la Bibbia: il Regno di Dio è come una stanza di festa. Ma aggiunge subito: « Cercate di entrare dalla porta stretta perché, vi dico, molti cercheranno di entrare e non saranno in grado di farlo ».

E’ urgente porci alcune domande.      Per vincere il paradiso, qual è la mia battaglia ?

Su quali punti precisi devo lottare nella mia situazione, con il particolare temperamento che ho, superando i condizionamenti e i vincoli che pesano sulla mia vita ? L’invito ad entrare è urgente : il tempo sta per scadere, domani sarà troppo tardi. SÌ, domani sarà troppo tardi… è da oggi che dobbiamo entrare nel Regno !

Sì, un giorno, anche per te, anche per me, sarà troppo tardi. Quanto tempo ci resta ? Dovremmo vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo. Non si entra così in paradiso, senza rendersene conto, per così dire. Devi volerlo. Devi lottare per questo. Devi scegliere Gesù. Non è l’appartenenza ad un gruppo, una razza, una famiglia, né la pratica di qualche rito qua e là, o addirittura la partecipazione alla Messa di tanto in tanto, che può darci un’illusoria certezza….. È l’impegno di tutta la nostra persona, di tutti i nostri momenti nella sequela di Gesù.

E soprattutto, non giudichiamo gli altri ! Sappiamo due cose

  1. Dio ha fatto tutto per la salvezza di tutti.
  2. Per quanto ci riguarda, rimane la serietà della nostra libertà che può rifiutare il dono di Dio e questa libertà è una lotta (questo è il significato di « cercare di entrare dalla porta stretta »).

La porta è stretta, ci dice Gesù : « Non è dicendo Signore, Signore, Signore, che si entra nel Regno dei cieli, ma facendo la volontà del Padre mio che è nei cieli. «  (Mt 7,21) Chiediamo a Lui nella nostra preghiera, quando partecipiamo all’Eucaristia, che ricorda la sua passione e risurrezione, di aiutarci a ripetere a Lui : « Sì ! « 

Cos’è questo stretto cancello che dobbiamo attraversare per essere salvati ?

Il vescovo Valéry Vienneau, nella sua omelia del 26 agosto 2007 nella chiesa di Saint Augustin a Lagacéville (New Brunswick), ci dà alcuni buoni consigli…  Se leggiamo il Vangelo di Giovanni, troviamo un’interessante intuizione nel capitolo diciannove dove Gesù dice : « Io sono la porta, se qualcuno entra attraverso di me, sarà salvato. « Passare attraverso la porta stretta è accettare Cristo Gesù e accettare di vivere secondo le esigenze del Vangelo.

Passare attraverso la porta stretta è accogliere Gesù e il suo messaggio nel concreto della nostra vita. E’ ogni giorno che scegliamo o rifiutiamo di essere salvati. Naturalmente, Gesù non vuole spaventarci con le parole che dice nel Vangelo. Ma Gesù vuole renderci consapevoli della gravità del tempo che ci è stato dato su questa terra. Per un giorno, ha detto, il padrone si alzerà e chiuderà la porta. « Fine della citazione

Insomma   È nel tessuto della vostra vita, dei vostri pensieri, delle vostre parole, delle vostre azioni e dei vostri giudizi, che è in gioco la vostra salvezza.

Il diacono permanente Michel Houyoux

Informazioni complementari

 Se avessi prestato attenzione ai miei comandamenti…

Estratto dal libro di Isaia nel capitolo quarantotto
Il Signore conosce la via dei giusti, ma la via dei malvagi sarà perduta. Così dice il Signore, tuo Redentore, tuo Redentore, Santo d’Israele: Io sono il Signore tuo Dio, ti do un utile insegnamento, ti guido sul cammino dove cammini. Se solo tu avessi prestato attenzione ai miei comandamenti, la tua pace sarebbe come un fiume, la tua giustizia come le onde del mare. Il tuo seme sarebbe come sabbia, come granelli di sabbia, come i tuoi discendenti; il suo nome non verrebbe tagliato o cancellato prima di me.

 Le Seigneur connaît le chemin des justes, mais le chemin des méchants se perdra.
Dio si è compromesso nel destino del suo popolo e ha preso un impegno totale per salvarlo. « Se solo avessi prestato attenzione ai miei comandamenti… »  In questo sospiro esprimeva tutta la tenerezza di Dio per il suo popolo. Israele consegnato proclamerà, a gloria di Dio, la notizia della sua liberazione.

« Io sono il Signore tuo Dio, ti do un utile insegnamento, ti guido sul cammino dove cammini.  » Dio si è veramente impegnato a salvare gli esuli: li ha invitati a camminare, ad accettare l’insegnamento salutare, che porterà la salvezza. Gli ebrei esiliati accettarono l’insegnamento della salvezza e furono salvati.

Qualche secolo dopo, Gesù diede ai suoi discepoli un nuovo insegnamento e chiese loro di andare ad insegnare a tutte le nazioni. Ci invita a camminare accanto a lui, ci apre la strada per noi. Dirà anche : « Io sono la via, la verità e la vita ». Nel suo insegnamento, Gesù ci ha dato un nuovo comandamento : « Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi. »

Se prestassimo attenzione al suo comando, saremmo pieni di pace e la nostra posterità sarebbe come granelli di sabbia. Per questo è necessario un solo atteggiamento: siamo attenti ai comandamenti che Gesù ci dà. La saggezza di Dio è stata riconosciuta proprio per quello che fa. (Mt 11:19)

È difficile rimanere attenti a Dio che ci parla ogni giorno e ci conduce un po’ più lontano sulla via dell’amore! Gesù vuole che riconosciamo la saggezza di Dio attraverso ciò che fa. Egli vuole che il nostro cuore sia in grado di leggere la presenza di Dio in noi e nel mondo che ci circonda.

Collegamenti esterni

◊ La Chiesa : clicca qui → Liturgia del 25 Agosto 2019

Film cristiano completo – Trovare la via per la vita eterna « Dal trono scorre l’acqua della vita »

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, homélies particulières, La messe du dimanche, Page jeunesse, Religion, TEMPO ORDINARIO, Temps ordinaire | Pas de Commentaire »

12345...23
 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS