Quarta domenica di Pasqua – Anno B

Posté par diaconos le 23 avril 2021

Prière à Jésus le Bon Pasteur - rennes.catholique.fr

# Il Buon Pastore è una delle parole con cui Gesù si identifica (Gv 10,11 [archivio]). È una delle sette parole Io sono… che si trova solo nel Vangelo secondo Giovanni e si riferisce a un aspetto della missione di Gesù: colui che raccoglie, guida, cerca (i perduti) e dà la sua vita per gli altri. Egli nutre le sue pecore o riporta la pecora perduta. Il tema iconografico del Buon Pastore si è ampiamente diffuso prima nell’arte greca antica, dove è stato applicato al criophorus Hermes, ma anche ai portatori di offerte, e poi nell’arte romana, dove è stato utilizzato soprattutto in ambito funerario, secondo formule che si ispirano pienamente alla nascente arte cristiana1.

Si dice che questo tema abbia avuto prototipi sumeri. L’iconografia cristiana rappresenta prima Cristo come « l’agnello di Dio », portato da Giovanni Battista, e poi Gesù diventa il Buon Pastore che raccoglie la pecora smarrita3. 3 È tradizionalmente raffigurato con una benda, vestito con l’esomide, e con in mano un bastone, un recipiente per la mungitura (mulctra) o una siringa. Questo tema ha ispirato molti artisti cristiani.

# Il primo riferimento alla figura del buon pastore è presente in Genesi 4.2 riguardo ad Abele « pastore di greggi », che rende un costante sacrificio a Dio tramite gli agnelli selezionati al suo interno. Con il titolo di « pastore » l’Antico Testamento indica l’amore di Dio per il popolo di Israele guidato lungo il deserto fino alla Terra Promessa (Salmo 23). Lo stesso Mosè « pascolava il gregge di Ietro, suo suocero» (Esodo 3:1), prima di estendere la sua custodia e sorveglianza ad Israele schiavo di Egitto, in qualità di suo pastore.

Dio nell’Antico Testamento e Gesù Cristo nei Vangeli sono contrapposti ai cattivi pastori -i re e i capi del popolo-, che non si curano del gregge e lasciando in uno stato di abbandono e di sofferenza il bene che Dio ha affidato loro (Ezechiele 34:13-16 e Ez 37, Geremia 23:1-6, Zaccaria 11:4-17).[8]. Analogamente, Giovanni apostolo ed evangelista contrappone a Gesù buon pastore, il mercenario, il lupo e chiunque non ha attenzione per le pecore che il Padre gli ha affidato (Gv 10:10-13). Questo brano, tipico del Vangelo di Giovanni, ha dei richiami negli altri vangeli, soprattutto nella Parabola della pecora smarrita (Mt 18,12-14 e Lc 15,1-7). Soprattutto a partire da questo brano molto sovente Gesù viene chiamato: Buon Pastore.

                                                                                                                                                      lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni

Allora Gesù disse: « Io sono il buon pastore, il vero pastore, che dà la vita per le sue pecore. Il pastore mercenario non è il pastore, le pecore non sono sue: se vede arrivare il lupo, abbandona le pecore e scappa; il lupo le afferra e le disperde. Quel pastore è solo un mercenario, e le pecore non contano veramente per lui. Io sono il buon pastore; io conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e io do la mia vita per le mie pecore.
Ho altre pecore che non sono di questo ovile: anche queste devo condurre. Ascolteranno la mia voce; ci sarà un solo gregge e un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per riceverla di nuovo. Nessuno può portarmelo via : Lo do di me stesso. Io ho il potere di darlo, ho anche il potere di riceverlo di nuovo: questo è il comandamento che ho ricevuto dal Padre mio ».  (Gv 10,11-18)

Io sono il buon pastore

« Io sono il buon pastore, il vero pastore, il vero pastore dà la vita per le sue pecore.  « (Gv 10,11) Durante tutta la sua vita, Gesù ha dato se stesso. Durante la sua esistenza terrena, non ha mai smesso di dare e donare se stesso. Lo vediamo nella sua vita quotidiana a Nazareth, nella sua predicazione, nel suo ministero con i suoi discepoli, e nella sua accoglienza a tutti coloro che venivano da lui con le loro necessità e sofferenze.

Il buon pastore è anche colui che conosce e ama le sue pecore. Per Cristo, il pastore di tutta l’umanità, siamo il suo bene più prezioso. Gesù ci chiama ad amarci l’un l’altro come lui ci ha amato. Questo significa che dobbiamo anche prendere tempo per conoscere coloro che ci ostacolano e coloro che sono affidati alle nostre cure.

Non possiamo amare veramente coloro che non vogliamo conoscere o coloro che ignoriamo intenzionalmente. Attraverso il contatto personale e il dialogo paziente, possiamo capire meglio chi ha bisogno, e il tempo che passiamo a conoscere loro e il Signore è tempo prezioso dato con amore.

Cerchiamo di essere collaboratori di Cristo, il Pastore dell’umanità. È Lui che ci chiama e ci manda. Un giorno dovremo rendere conto della responsabilità che ci è stata affidata. Il buon pastore è anche colui che raduna il suo gregge: Quando va in montagna, è importante tenere insieme il gregge; è in gioco la loro sicurezza.

Dicendoci questo, Gesù ci parla di questo mondo diviso in cui viviamo. Cristo vi ha posto la sua chiesa. Vuole che siano uniti e solidali. Ho altre pecore che non sono di questo ovile e devo guidare anche loro. Ascolteranno la mia voce: Ci sarà un solo gregge e un solo pastore.  Gesù conta su di noi per partecipare a quest’opera di raccolta.

Guardiamo a Gesù nel suo amore per suo Padre e per tutta l’umanità; guardiamo a lui nella sua obbedienza, nella sua povertà, nella sua compassione per ogni uomo e donna, specialmente per i più poveri, gli esclusi, gli emarginati, per coloro che soffrono di più. Fissiamo i nostri occhi su di lui: ci conosce meglio di noi stessi.  A nostra volta, affermiamo con Gesù, il Buon Pastore, la nostra piena disponibilità a fare la volontà del Padre giorno per giorno.

Che questa Eucaristia che celebriamo questa domenica risvegli in noi il desiderio di vivere come Gesù, il Buon Pastore! Che possiamo diventare sempre più simili a questo Gesù che non smette mai di dare la sua vita per tutti! Ascoltiamo la chiamata, la sua chiamata attraverso le necessità dei nostri fratelli e sorelle che ci gridano.

Quanto è grande e glorioso l’amore di cui il Padre ci riempie nel suo Figlio, il Buon Pastore. Voleva che fossimo chiamati figli di Dio, figli amati di Dio. (2a Lettura) In questa domenica, in cui siamo invitati a pregare per le vocazioni, alziamo gli occhi a Gesù, il Buon Pastore, e preghiamo con fiducia e perseveranza perché dia alla sua Chiesa pastori che si sforzino di conoscere meglio le persone, di amarle, e che si prendano cura di coloro che non sono ancora nella Chiesa.

Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti web cristiani

◊ Maranatha (Italia) : clicca qui per leggere l’articolo → IV Domenica di Pasqua Anno B 

◊ Qumran : clicca qui per leggere l’articolo →Testi – IV Domenica di Pasqua (Anno B)

   Padre Fernando Armellini : « 4a Domenica di Pasqua anno B »

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, La messe du dimanche, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

Lunedì della terza settimana del tempo di Pascal

Posté par diaconos le 19 avril 2021

Lavorare per il cibo che rimane fino alla vita eterna

Un respiro di eternità | Il Vangelo di oggi Lunedì 19 Aprile 2021

Hn respiro di Eternita

# La vita eterna è percepita dalle persone in modo diverso attraverso le epoche e le religioni. Nel periodo neolitico, la gente crede nell’esistenza dell’anima, un principio diverso dal corpo. Hanno costruito monumenti di dimensioni monumentali dove hanno conservato i corpi, matrici dell’anima. La camera sotto i dolmen è chiusa da una porta con un foro attraverso il quale gli spiriti dei corpi sepolti possono uscire. Antichi Egizi: Iside, come moglie di Osiride, è la dea associata ai riti funebri. Dopo aver trovato tredici delle quattordici parti del corpo del suo amato, assassinato e massacrato da Set, suo fratello geloso, lei gli diede il soffio della vita eterna, e gli diede un figlio Horus.

Per poter gioire della vita eterna, gli egiziani avevano bisogno di mantenere intatti i loro corpi e i loro nomi. Essere privati dell’uno o dell’altro era ai loro occhi la punizione definitiva. La palma è il simbolo della vita eterna. Il giudaismo proclama l’eternità dell’anima; la vita eterna è uno dei fondamenti delle credenze del giudaismo. Il mondo a venire, conosciuto come « Olam haBa », è strettamente legato all’escatologia e al messianismo ebraico. L’autore che ne ha parlato di più è l’apostolo Giovanni

                                                                                                                                                                     lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni

Gesù aveva soddisfatto cinquemila uomini e i suoi discepoli lo avevano visto camminare sul mare. Il giorno dopo, la folla dall’altra parte si rese conto che c’era stata solo una barca e che Gesù non vi era salito con i suoi discepoli, che erano partiti senza di lui. Tuttavia, altre barche da Tiberiade erano arrivate vicino al luogo dove il pane era stato mangiato dopo che il Signore aveva reso grazie.
Quando la folla vide che Gesù non c’era, né i suoi discepoli, la gente salì sulle barche e si diresse verso Cafarnao alla ricerca di Gesù. Quando lo trovarono dall’altra parte, gli dissero: « Rabbi, quando sei arrivato qui? ».
Gesù rispose loro: « Amen, amen, io vi dico che mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato dei pani e vi siete saziati. Non lavorate per il cibo che va perduto, ma per il cibo che dura fino alla vita eterna, che vi darà il Figlio dell’uomo, che Dio Padre ha suggellato con il suo sigillo. « Allora gli dissero: « Che cosa dobbiamo fare per operare le opere di Dio? Gesù rispose loro: « L’opera di Dio è che crediate in colui che egli ha mandato. «  (Gv  6,22-29)

l pane della vita

Le persone che erano rimaste indietro videro che non c’era stata altra barca oltre a quella in cui i discepoli erano entrati da soli, e che Gesù non vi era salito. Hanno concluso che doveva essere rimasto, come loro, sul lato orientale del lago. Ma il giorno dopo, non trovando lì né Gesù né i suoi discepoli, che non erano tornati a cercarlo, approfittarono di alcune barche che nel frattempo erano arrivate da Tiberiade e attraversarono il lago fino a Cafarnao per cercare Gesù.

Questi non erano più i cinquemila uomini del giorno prima, ma un certo numero di loro che avevano passato la notte lì, mentre la maggior parte degli altri erano andati a piedi intorno all’estremità del lago. Queste persone, trovando Gesù sull’altra sponda del lago, gli chiesero con ingenuo stupore : « Quando sei arrivato qui? Sospettavano in questo fatto, per loro inspiegabile, una nuova azione miracolosa. »

Erano più desiderosi di miracoli che della verità che avrebbero potuto ricevere dalla parola di Gesù. Da qui la sua risposta, e questo discorso per far luce sui loro cuori.  Volevano sapere come Gesù avesse attraversato il lago. Gesù non pensò di rispondere loro, ma, come era sua abitudine, fece appello alla coscienza dei suoi ascoltatori con un rimprovero. Lo cercavano, non perché vedevano i miracoli. Ogni miracolo di Gesù era un segno della presenza, della potenza e della misericordia di Dio.

Ma invece di guardare il miracolo come un segno, ed elevarsi al bene eterno che il segno rappresentava, gli ebrei si concentrarono sugli effetti materiali del miracolo. Così essi videro nella moltiplicazione dei pani non solo il cibo di cui furono riempiti. Fu per contrastare questa tendenza carnale che Gesù, in un nuovo discorso, spiegò con tanta elevazione e profondità il significato simbolico e spirituale del miracolo che aveva appena compiuto.

Dopo essere arrivato a Cafarnao, Gesù sembra essere entrato nella sinagoga, dove lo avevano trovato i suoi ascoltatori del giorno precedente; lì pronunciò il suo discorso e rispose alle obiezioni dei suoi ascoltatori. Questa circostanza aumentava la solennità degli insegnamenti che dava. L’osservazione di Giovanni riguarda tutto il discorso di Gesù.  Al cibo che perisce e di cui i suoi uditori si accontentavano, Gesù contrapponeva il cibo che diventa la vita dell’anima non appena lo riceve, e che produce la vita eterna e prolunga i suoi effetti fino alla pienezza della vita nell’eternità.

Ciò che Gesù intendeva con questo cibo lo confermò aggiungendo : « Il Figlio dell’uomo ve lo darà« .   Lui stesso, come Figlio dell’Uomo, era la manifestazione della vita divina nella nostra umanità, e solo lui poteva darla. Per ottenerla, dobbiamo renderci idonei a riceverla rinunciando, con un serio sforzo della volontà, ai nostri errori e pregiudizi, per venire a Gesù che solo dà la vita.

Comprendevano che Gesù esigeva da loro uno sforzo morale; chiedevano quali opere fossero gradite a Dio, conformi alla sua volontà. Pensavano a certi atti esteriori la cui ricompensa sarebbe stata il cibo che dura nella vita eterna. La risposta di Gesù è ancora più sorprendente. Alle opere Gesù ha opposto l’opera, l’unica che Dio richiede. E quest’opera consiste nel credere in Gesù Cristo che egli ha mandato.

Questa fede, un atto morale della coscienza e del cuore, era di per sé il principio della vita divina perché portava l’anima in comunione con Dio attraverso Cristo. È quindi la fonte di tutte le opere di obbedienza, di gratitudine e di amore; era la radice dell’albero che, da solo, porterà buoni frutti. Queste parole: « l’opera di Dio », non significano, come pensava Agostino, l’opera che Dio fa in noi, un’idea che è vera in sé.
Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti cristiani

◊  Tempo di preghira : clicca qui per leggere l’articolo → Lunedì della III Settimana di Pasqua

◊ Battazzar : clicca qui per leggere l’articolo → Lunedì della III settimana del Tempo di Pasqua

      Gesù Cristo, Il Pane Della Vita

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

Seconda domenica di Pasqua – Anno B

Posté par diaconos le 5 avril 2021

Otto giorni dopo, Gesù viene

Otto giorni dopo venne Gesù

# La Domenica della Divina Misericordia (o DDM) è la domenica dell’ottava di Pasqua nel calendario liturgico della Chiesa Cattolica. Questo è stato deciso da Papa Giovanni Paolo II (30 aprile 2000), ricordando il giorno della canonizzazione di Faustina Kowalska (Santa Faustina). È stato celebrato per la prima volta il 22 aprile 2001. Questa domenica corrisponde alla festa del quasimodo, che conclude l’ottava di Pasqua, la domenica in albis, o domenica di San Tommaso.

Questo giorno è dedicato alla Divina Misericordia. In questo giorno, chi confessa i suoi peccati e riceve la comunione è perdonato di tutti i suoi peccati e dolori. Il 17 agosto 2002, nel Santuario della Divina Misericordia di Cracovia-Łagiewniki, che visitò regolarmente durante la sua giovinezza e dove sono conservate le reliquie di Faustina Kowalska, Giovanni Paolo II inaugurò il terzo millennio affidando il mondo alla misericordia del Padre. Giovanni Paolo II è morto durante i Vespri della Divina Misericordia, e in onore della sua devozione alla misericordia, la sua beatificazione ha avuto luogo il 1° maggio 2011, e la sua canonizzazione il 27 aprile 2014, due domeniche della Divina Misericordia.

lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni

Fu dopo la morte di Gesù. Ed era sera, il primo giorno della settimana, quando le porte del luogo dove si trovavano i discepoli… erano chiuse a chiave per paura degli ebrei, Gesù venne e si fermò in mezzo a loro.
Egli disse loro : « La pace sia con voi !  » Dopo questa parola, mostrò loro le sue mani e il suo fianco. I discepoli erano pieni di gioia quando videro il Signore. Gesù disse loro di nuovo : « La pace sia con voi !
Come il Padre mi ha mandato Vi mando anche.  » Quando ebbe detto questo, soffiò su di loro e disse loro : « Ricevi lo Spirito Santo. I cui peccati tu perdonerai, saranno  perdonati ; A chi manterrà i suoi peccati, saranno mantenuti. « 

Ora uno dei Dodici, Thomas, chiamato Didimo (cioè Gemello), non era con loro quando venne Gesù. Gli altri discepoli gli dicevano : « Abbiamo visto il Signore !  » Ma egli dichiarò loro : « Se non vedo il segno dei chiodi nelle sue mani se non metto il dito nel segno delle unghie, se non metto la mia mano nel suo fianco, no, non crederò !  »
Otto giorni dopo, i discepoli erano di nuovo nella casa, e Tommaso era con loro.
Gesù è venuto, quando le porte erano chiuse, e lui era lì in mezzo a loro. Egli dice : « La pace sia con voi !  » Poi disse a Tommaso : « Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani.
Metti la tua mano in avanti e nel mio fianco : smettete di essere increduli, essere un credente. »
Allora Tommaso gli disse : « Mio Signore e mio Dio ! «  Gesù gli disse : « Perché mi avete visto, voi credete. Beati coloro che credono senza aver visto. « 

Ci sono molti altri segni che Gesù fece in presenza dei discepoli che non sono scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti in modo che tu possa credere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e che credendo possiate avere la vita nel suo nome. (Gv 20, 19-31)

La pace sia con voi !

« I discepoli avevano chiuso le porte del luogo dove si trovavano, perché avevano paura. Gesù venne e si fermò in mezzo a loro.  » (Gv 20,19b) È quando i discepoli meno se lo aspettano che Gesù viene da loro. Non li rimprovera di averlo abbandonato, di non credere in lui. No ! Quando dice loro : « La pace sia con voi » (Gv 20,19d), è per dar loro coraggio, per ravvivare la loro fede e la loro speranza. Oggi, Signore, anche noi siamo tentati di chiudere devotamente le nostre porte.

Quando lo Spirito di Dio soffia, che le mura delle nostre prigioni crollino… . Chiediamoci da quale situazione senza uscita, da quale situazione paurosa, da quale situazione mortale, Cristo vuole liberarci, risuscitarci: un tale peccato, una tale prova di salute, una tale costrizione dolorosa e disperante, una tale difficoltà familiare o professionale…

Attraverso questo incontro, Gesù viene a ristabilire i legami di fiducia e di amicizia. Così, saranno più forti per la missione che egli affiderà loro. Non devono più avere paura perché Gesù sarà sempre con loro fino alla fine del mondo. Sono inviati a testimoniare la Buona Novella del Regno al mondo intero. Il messaggio che dovranno trasmettere è proprio la pace e la riconciliazione. Questo dono è offerto a tutti coloro che lo accetteranno.

È per questo che gli apostoli ricevono il potere e la missione di perdonare i peccati (Gv 20,21). Comprendiamo che il sacramento del perdono è un incontro con il Signore che non ha mai smesso di amarci. È tornando a lui e accogliendo il suo perdono che troviamo la vera pace, il senso stesso delle parole di Cristo « La pace sia con voi ».

Così la resurrezione nel giorno di Pasqua fu per gli apostoli e per tutti noi il punto di partenza di una grande speranza. Quando morì, i suoi amici pensarono che tutto fosse finito e che non ci fosse più speranza. Ma il giorno di Pasqua tutto cambia: Gesù risorto diventa una fonte di luce, pace e gioia.

Questo vangelo ci pone delle domande sulla nostra fede. Come possiamo accogliere questa Buona Notizia? Non abbiamo visto Gesù risorto, non abbiamo prove. Tutto quello che abbiamo sono testimonianze. Ed è su queste testimonianze degli apostoli che abbiamo basato la nostra fede.

A questo proposito, è interessante tornare al caso dell’apostolo Tommaso… (Gv 20,21-26). Molti credenti si riconoscono nelle esitazioni e nei dubbi di quest’uomo. Ha detto : « Sono come Tommaso, credo solo a quello che vedo. « . Thomas è una di quelle persone che hanno sperimentato il dubbio. Ma se guardiamo da vicino, scopriamo che fu il primo a credere veramente in Gesù risorto perché fu il primo a dire : « Mio Signore e mio Dio » (Gv 20, 25). Gli altri avevano visto il Signore.

Ma va molto oltre quando proclama la sua fede. Non è più solo l’amico di prima ; è « Mio Signore e mio Dio ». Lo stesso Signore si unisce a noi nei nostri dubbi, nelle nostre domande, nelle nostre proteste, anche nella nostra rabbia.  Come Tommaso, siamo chiamati ad un umile e sincero atto di fede È come una luce che ci inonda e ci dà pace nel profondo del nostro essere.  Allora, come lui, anche noi possiamo dire :  « Mio Signore e mio Dio! « . È così che ogni incontro con il Signore è un’esperienza potente.

Il vangelo ci dice che ha luogo il primo giorno della settimana, cioè la domenica. È in questo giorno che Gesù si unisce alle comunità riunite. Thomas non era presente a questo primo incontro. Dovrà aspettare otto giorni dopo, cioè di nuovo domenica. È in questo giorno che noi cristiani ci riuniamo in chiesa per accogliere Gesù risorto, per ascoltare la sua parola e per celebrare l’Eucaristia.

Quando prendiamo l’abitudine di non rispondere a questo appuntamento, siamo come Tommaso, ed è il dubbio che si deposita in noi. Quando ci riuniamo in chiesa per celebrare l’Eucaristia, impariamo a riconoscere in Gesù « mio Signore e mio Dio ». Accogliamo la pace che viene da lui in vista della missione che ci affida. Chiediamogli di ravvivare la nostra fedeltà e il nostro amore. È attraverso la nostra fede che avremo la vita

Il Diacono Michel Houyoux

Link ad altri siti cristiani

◊ Maranatha (Italia) : clicca qui per leggere l’articolo →  II Domenica di Pasqua Anno B

◊ Qumran : clicca qui per leggere l’articolo → Testi – II Domenica di Pasqua (Anno B)

   Padre Fernando Armellini : 2a Domenica di Pasqua anno B

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, Catéchèse, fêtes religieuses, La messe du dimanche, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

Resurrezione del Signore – Anno B

Posté par diaconos le 30 mars 2021

Gesù doveva essere risuscitato dai morti

Résurrection du Seigneur — Année B – 1 AVRIL 2018 | Croixstandre's Weblog

# La resurrezione nella religione cristiana si riferisce al passaggio fisico dalla morte alla vita. Riguarda principalmente Gesù Cristo, che morì durante la sua crocifissione e visse « il terzo giorno, secondo le Scritture », cioè la mattina di Pasqua. L’esegesi storico-critica ha cercato di tracciare il dibattito tra farisei e sadducei sulla credenza nella resurrezione al tempo di Gesù di Nazareth, e ha sottolineato l’importanza di queste discussioni nella formazione del cristianesimo.

Tuttavia, tre resurrezioni hanno preceduto quella di Gesù nel Nuovo Testamento, quella del figlio della vedova nel Vangelo di Luca, quella della figlia di Giairo nei Sinottici e quella di Lazzaro nel Vangelo di Giovanni. Considerati come miracoli che obbediscono alla volontà di Dio, questi episodi non sembrano costituire una prefigurazione della resurrezione cristica. La resurrezione di Cristo è di natura teologicamente diversa. Due resurrezioni seguirono quella di Gesù Cristo: quella di Dorcas (Tabitha) eseguita dall’apostolo Pietro e quella di Eutyche eseguita dall’apostolo Paolo

lwf0003web.gif

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria Maddalena andò alla tomba di mattina presto, era ancora buio. Vede che la pietra è stata rimossa dalla tomba. Allora ella corse da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: « Il Signore è stato portato via dal suo sepolcro e non sappiamo dove sia stato deposto. « Allora Pietro si mise in cammino con l’altro discepolo per andare alla tomba. Correvano entrambi insieme, ma l’altro discepolo correva più veloce di Pietro e raggiunse la tomba per primo. Mentre si chinava, vide che i panni di lino erano stesi, ma non entrò. Simon Pietro, che lo aveva seguito, arrivò a sua volta. Entrò nel sepolcro e vide i teli di lino stesi e il sudario che aveva avvolto la testa di Gesù, che non era steso con i teli di lino, ma arrotolato al suo posto. Poi entrò l’altro discepolo, che era stato il primo ad arrivare alla tomba. Ha visto e ha creduto. Fino ad allora, i discepoli non avevano capito che, secondo le Scritture, Gesù doveva risorgere dai morti. (Gv 20,1-9)

La risurrezione di Gesù

Giovanni parla di lei come se fosse venuta da sola al sepolcro, mentre gli altri evangelisti menzionano diverse donne che si precipitarono anch’esse a visitare la tomba, con l’intenzione di imbalsamare il corpo del Signore : « Dopo il sabato, quando il primo giorno della settimana cominciava ad albeggiare, Maria Maddalena e l’altra Maria vennero a guardare la tomba.  » (Mt 28,1-2)

Ed ecco, ci fu un grande terremoto, e l’angelo del Signore scese dal cielo, fece rotolare via la pietra e vi si sedette sopra. Per conciliare questa differenza, molti esegeti dicono che andarono tutti insieme, ma che Giovanni menzionò solo Maria Maddalena, sulla quale si concentrò tutto il suo interesse, per il ruolo importante che aveva. Giovanni non ignorava che lei aveva dei compagni, poiché la fece parlare al plurale e a loro nome.  Altri interpreti pensano che Maria Madelaine sia andata davvero alla tomba da sola e prima di tutti gli altri.

Quando Maria Madelaine andò alla tomba, vide con stupore che la pietra che la chiudeva era stata rimossa, e corse a dirlo a Pietro e Giovanni. Mentre tornava in città, le altre donne si avvicinarono al sepolcro aperto e videro un angelo che annunciò loro: « Gesù è risorto. Poi se ne andarono in fretta e corsero a dare la notizia ai discepoli.

L’emozione e la paura di Maria Madelaine si riflettono nelle parole con cui comunica ai discepoli questa notizia. L’idea che Gesù potesse risorgere non era ancora entrata nella sua mente, perché pensava solo alla rimozione del suo corpo. L’altro discepolo che Gesù amava era Giovanni, che si riferiva a se stesso in questo modo, senza mai nominare se stesso: « Quando Gesù vide sua madre e il discepolo che amava in piedi accanto a lei, disse a sua madre : « Donna, questo è tuo figlio. « 

 Pietro e Giovanni, pieni della più profonda emozione nell’udire le parole di Maria Maddalena, si precipitarono fuori dalla città; e andando verso il sepolcro, corsero insieme verso il luogo dove Gesù era sepolto. Giovanni, che era probabilmente più giovane e più agile, andò avanti al suo compagno e raggiunse la tomba per primo.

Chinandosi a guardare nella grotta, vide i panni di lino con cui era stato avvolto il corpo; ma trattenuto dalla paura istintiva ispirata dal mistero della morte e dall’incertezza della situazione, non osò entrare. Pietro arrivò in quel momento e, più risoluto di Giovanni, entrò nella tomba e osservò i teli di lino stesi a terra e il sudario che aveva coperto il capo di Gesù, accuratamente ripiegato in un posto, mentre i teli di lino erano stati gettati in giro. Incoraggiato dall’esempio del suo compagno di studi, anche Giovanni entrò nella grotta, vide e credette.

In cosa credeva ?

Giovanni non voleva dire che credeva alle parole di Maria Madelaine, perché l’ordine notevole che Gesù aveva voluto lasciare nel suo sepolcro escludeva assolutamente l’idea di un rapimento effettuato frettolosamente dai suoi nemici. No, credeva che Gesù fosse risorto, e questa convinzione rafforzava la sua fede che Gesù era il Cristo, il Figlio di Dio.

Come Tommaso, i due discepoli avevano bisogno di vedere per credere. Giovanni indicò umilmente il motivo della loro lentezza a credere: non avevano ancora capito, anche allora, la Scrittura che dice che Gesù doveva risorgere dai morti: avrebbero potuto trovare la resurrezione di Gesù annunciata in passi come Salmi 16; Salmi 22 ; Salmi 110; Isaia 53…

Gli insegnamenti di Gesù e soprattutto la luce dello Spirito Santo hanno aperto gli occhi degli apostoli su questo punto, come su molti altri. Poi capirono le Scritture (Atti 2:25-34; Atti 8:32-33; Atti 13:33-35).

Oltre alle rivelazioni dell’Antico Testamento, i discepoli avevano sentito le molte dichiarazioni chiare di Gesù sulla sua morte e risurrezione : « E prese con sé i dodici e disse loro: ‘Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e si compiranno tutte le cose scritte dai profeti sul Figlio dell’uomo’ » (Lc 18,31).  » (Lc 18, 31)

Ma gli stessi evangelisti affermano, con inimitabile candore e umiltà, che i discepoli non avevano capito queste predizioni di Gesù meglio di quanto avessero capito le Scrittur : « Ed essi si attenevano a questa parola, mentre si chiedevano tra loro cosa significasse risorgere dai morti » (Mc 9 10)

Diacono Michel Houyoux

Il complemento

◊ Il Diacono Michel Houyoux : clicca qui per leggere l’articolo → La risurrezione del Signore ◊ Il Diacono Michel Houyoux : clicca qui per leggere l’articolo → Pasqua, Cristo è veramente risorto !

◊ Il Diacono Michel Houyoux : clicca qui per leggere l’articolo → Domenica di Pasqua : Cristo è risorto (Gv 20, 7)

Scrivi un complemento nella casella sotto l’articolo

Link ad altri siti cristiani

◊ Qumran : clicca qui per leggere l’articolo → Domenica di Pasqua – Risurrezione del Signore ◊ Fraternita Piccolo Gregge dell »Ìmmacoloata : clicca qui per leggere l’articolo → Lectio Resurrezione del Signore – Anno B

Omelia  Domenica di Pasqua

Image de prévisualisation YouTube

Publié dans articles en Italien, fêtes religieuses, La messe du dimanche, Religion, tempo pasquale, Temps pascal | Pas de Commentaire »

1...34567
 

Salem alikoum |
Eazy Islam |
Josue |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | AEP Gresivaudan 4ieme 2007-08
| Une Paroisse virtuelle en F...
| VIENS ECOUTE ET VOIS